Hublot, polo d’attrazione

Hublot, polo d’attrazione

Il polo è da sempre sinonimo di eleganza, esclusività, forza. Teatro delle sfide più emozionanti sono spesso località top del mondo, in montagna come al mare. Tra queste, spicca Gstaad, in Svizzera, dove per 4 giorni, dal 17 al 20 agosto 2017, si è disputata l’Hublot Polo Gold Cup.

Un momento nel quale la Maison ha celebrato la bellezza del polo ma anche i 70 anni di Ferrari, suo partner sportivo nonché fonte di ispirazione per alcuni dei suoi cronografi più stupefacenti.

Si sono dati battaglia 16 tra i migliori giocatori del circuito, nel torneo classificato nella sesta categoria, i quali hanno totalizzato 14 handicap, il massimo livello mai disputato su erba in Svizzera. Per la cronaca, ha trionfato la squadra Banque Eric Sturdza.

Cronometrista ufficiale del torneo, Hublot e il suo Classic Fusion Chronograph Chukker (il cui nome deriva da quello dei 4 tempi di gioco da 7,5 minuti in cui si divide una partita di polo), un cronografo bi-compax pensato per questo sport, in titanio micropallinato e con i colori dello “sport dei re”.

La partnership con Ferrari si è presentata nel pop-up store Hublot x Ferrari, dove era presente l’Hublot Techframe Ferrari 70 Years Tourbillon Chronograph, disegnato dal Cavallino Rampante, sviluppato da Hublot e concepito come un’auto sportiva.

Il design dell’Hublot Techframe Ferrari 70 Years Tourbillon Chronograph (disponibile in King Gold, titanio o Carbon PEEK) è creato sulla base del motore, un nuovo calibro di manifattura Hublot, HUB6311, un cronografo tourbillon con 253 componenti e 115 ore di riserva di carica e cassa/telaio ultra performante in struttura reticolare.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply