Il nuovo Manufakturzentrum di IWC

Il nuovo Manufakturzentrum di IWC

Il modo migliore per festeggiare i propri 150 anni, IWC l’ha trovato sia presentando gli orologi della collezione Jubilée, sia regalandosi una nuova manifattura.

Dopo appena 21 mesi di lavori, infatti, alla periferia di Schaffhausen è sorto il nuovo Manufakturzentrum di IWC.

L’edificio

Un edificio che si inserisce nel progetto di innovazione della Maison e che è perciò ben delineato dalle linee della sua architettura.

Il nero dei profili delle pareti vetrate e il bianco delle coperture piane sporgenti oltre la facciata creano infatti un contrasto di grande impatto visivo.

Nel proprio Manufakturzentrum, IWC riunisce la produzione di componenti, movimenti di manifattura e casse in un’unica sede, una svolta nella storia dell’azienda.

Produzione e assemblaggio

Attraversato l’imponente ingresso, con i suoi nove metri di altezza, si entra nel reparto produzione componenti di IWC.

Qui vengono infatti realizzati circa 1500 componenti, tra i quali i movimenti automatici dei calibri 52 e 82, i movimenti a carica manuale del calibro 59 e i meccanismi cronografici del calibro 69.

La produzione riguarda componenti, come platine, ponti o masse oscillanti, ma anche componenti più piccoli, come comandi della bascula, molle o elementi del cinematismo.

L’assemblaggio del movimento avviene immediatamente dopo la produzione dei componenti.

Le casse

Nel piano interrato del Manufakturzentrum IWC si trova infine il reparto di fabbricazione delle casse.

Qui sono quindi realizzate casse di orologi in metalli preziosi, titanio, platino, oro rosso, oro bianco e bronzo.

Le voci dell’azienda

L’edificio non offre solo condizioni ottimali per la produzione ed un eccellente ambiente di lavoro per i nostri collaboratori, ma incarna anche lo spirito del marchio IWC”, ha dunque commentato Christoph Grainger-Herr, CEO di IWC.

Il nuovo edificio ci ha dato la possibilità di organizzare i nostri processi produttivi esattamente nel modo ideale per consentirne uno svolgimento ottimale e perfezione dei risultati”, è stato invece il commento del COO Andreas Voll.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply