Omega Speedmaster Apollo 11 50th Anniversary Limited Edition

Nel 2019 ricorrono i 50 anni dal primo allunaggio, pagina della storia dell’umanità nelle cui righe è scritto anche il nome di Omega.

Lo Speedmaster Professional fu infatti il primo orologio indossato sulla Luna.

L’orologio storico

Nel novembre del ’69 fu presentato agli astronauti della NASA uno Speedmaster BA145.022 in oro giallo, con una lunetta bordeaux e un’iscrizione sul fondello: “To mark man’s conquest of space with time, through time, on time”.

Quello Speedmaster in oro, animato dal calibro 861, è stato dunque la prima edizione numerata commemorativa di Omega, con soli 1.014 modelli prodotti dal 1969 al 1973.

I primissimi orologi furono invece prodotti rispettivamente per il Presidente degli Stati Uniti Richard Nixon e per il suo vice Spiro Agnew.

I segnatempo furono però resi a Omega a causa del rigido protocollo sui regali del governo americano.

Ora come allora

Oggi la Maison ha creato un nuovo Speedmaster in edizione limitata di 1.014 pezzi (come quello di allora), ispirato al design del BA145.022.

L’orologio è dunque realizzato con un’esclusiva lega in oro 18K chiamata Moonshine e animato dal nuovo calibro manuale Master Chronometer 3861.

La cassa e il bracciale

La cassa, il bracciale, il quadrante, gli indici delle ore e le lancette di ore e minuti sono stati creati in oro Moonshine 18 ct.

Si tratta di una nuovissima lega che si ispira alla luce lunare in un cielo blu scuro.

In una tonalità più chiara del tradizionale oro giallo 18 ct, l’oro Moonshine offre infatti una maggiore resistenza allo scolorimento e una maggiore lucentezza nel tempo.

La cassa spazzolata e lucida del segnatempo da 42 mm è invece caratterizzata dalla carrure asimmetrica della quarta generazione di Speedmaster.

Intorno al polso, il bracciale spazzolato e lucido è caratterizzato da cinque maglie arcuate per fila e rifinito dalla chiusura con il logo Ω vintage applicato.

La lunetta

Fedele allo storico modello nel 1959, Omega ha realizzato l’anello della lunetta bordeaux, questa volta in ceramica.

L’anello è prodotto secondo uno speciale procedimento in attesa di brevetto, con scala tachimetrica realizzata in Ceragold.

Seguendo la scala tachimetrica della prima generazione di Speedmaster, di 500 unità per ora, il nuovo modello è inoltre caratterizzato dal punto sopra al 90.

Il quadrante

Il quadrante spazzolato verticalmente è infine marchiato “Au750” per l’utilizzo di oro massiccio ed è impreziosito da indici sfaccettati in onice nero all’interno degli indici delle ore lucidi.

Le lancette di ore e minuti sono invece riempite di vernice nera e del medesimo colore anche la lancetta centrale dei secondi cronografici e le lancette dei piccoli contatori.

Un fondello tra arte e artigianalità

Infine, il fondello. Il suo anello esterno è caratterizzato dall’incisione “1969-2019”, dal numero dell’edizione limitata in bordeaux, e dall’incisione “Master Chronometer”.

L’anello decorativo interno, creato in oro Moonshine 18 ct, è invece stato sottoposto a due separati processi di ablazione laser, così come a due trattamenti PVD in blu e nero.

I due trattamenti hanno dato origine a:

  • un oceano blu con finitura opaca che circonda una mappa parziale del Mondo e del continente americano, dove si intravede Cape Canaveral;
  • uno sfondo nero, con finitura opaca, che accentua le scritte lucide: “APOLLO 11 – 50th ANNIVERSARY” e “THE FIRST WATCH WORN ON THE MOON”.

Infine, un frammento di meteorite lunare, che rappresenta la Luna, è stato posto nella cavità dell’anello. La Terra e la Luna dell’anello centrale conservano le loro proporzioni reali.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply