Patrick Pruniaux nuovo CEO di Girard-Perregaux

Patrick Pruniaux nuovo CEO di Girard-Perregaux

Kering ha nominato Patrick Pruniaux, attuale CEO di Ulysse Nardin, nuovo CEO di Girard-Perregaux, dopo l’uscita di Antonio Calce avvenuta lo scorso giugno.

La nomina

Da oggi gestirà le Maison orologiere svizzere di lusso del Gruppo, nell’ambito della divisione di Orologi e Gioielli.

Patrick Pruniaux riferirà, come faceva in qualità di CEO di Ulysse Nardin, ad Albert Bensoussan, amministratore delegato delle attività di orologi e gioielli di Kering.

Lo scenario

Come ricorda il Gruppo Kering, il settore dell’orologeria di lusso di oggi è noto per i suoi cicli di produzione accelerati e per la natura sempre più globale dei suoi clienti.

Incidono anche per la trasformazione delle loro aspettative, sia in termini di e-commerce sia di interazioni digitali.

Il ruolo

Il ruolo di Patrick Pruniaux sarà quello di ideare una strategia coerente per accelerare lo sviluppo delle due Maison nei mercati internazionali.

Il manager dovrà mantenere allo stesso tempo le loro caratteristiche uniche, la loro capacità di innovare e l’eccellenza del loro know-how.

Il profilo del manager

Patrick Pruniaux ha trascorso più di 20 anni nel settore del lusso, in particolare nel settore dell’orologeria.

Ha trascorso nove anni in TAG Heuer e diversi anni alla Apple, dove ha lavorato al lancio dell’Apple Watch prima di diventare Marketing Director di Apple nel Regno Unito e in Irlanda.

Il commento del gruppo

Albert Bensoussan, Amministratore delegato delle attività di orologi e gioielli di Kering, ha dichiarato: “Sono lieto di dare a Patrick Pruniaux la missione di aumentare la brand awareness e accelerare la crescita dei due marchi orologieri svizzeri del Gruppo Kering”.

Il dinamismo che ha dimostrato nell’ultimo anno come responsabile di Ulysse Nardin mi ha convinto che fosse la persona migliore per sviluppare questi due marchi e capitalizzare le rispettive identità, i loro patrimoni e il know-how tecnologico“.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply