Paul Picot Yachtman Club

L’estate si avvicina e Paul Picot mette in pista, pardon, in mare, uno dei suoi campioni più celebri, in una veste rinnovata: lo Yachtman Club.

Eredità del design di Paul Picot

Nato nel 2006, lo Yachtman di Paul Picot è la quindi versione più indossabile ed elegante dell’altro campione marino della Maison, il Plongeur.

Il suo disegno puro, infatti, segna il forte carattere del Plongeur fin dal 1987.

Anche in una Maison come Paul Picot, le evoluzioni arrivano sempre passo dopo passo e anche per le rigorose linee e per gli angoli dello Yachtman è tempo di piccoli cambiamenti.

Cambiamenti leggeri ma decisi

La cassa da 43 mm, infatti, è ora integrata a seguire il bracciale, per dare una nuova ergonomia e un rinnovato feeling al polso.

Un cambiamento minimo, ma che forse agli amanti più affezionati della marca sembrerà faccia perdere all’orologio un poco del carattere originario. Dettagli…

Il dettaglio della lunetta

La lunetta di questo Paul Picot è sempre in vetro zaffiro così come il vetro.

I colori della lunetta, sempre bi tono, sono quindi disponibili nelle combinazioni:

  • nero/blu;
  • nero/bianco;
  • nero/verde;
  • nero/giallo;
  • blu/giallo.

Il movimento e le evoluzioni future

Nel cuore del segnatempo batte un movimento PP1700 ETA 2824/A automatico, da 28.800 alternanze/ora, con una riserva di carica di 38 ore.

Dopo la prima presentazione dell’orologio, avvenuta a Basilea, sarà disponibile esclusivamente la versione acciaio con bracciale.

In futuro, invece, sono in progetto sia una variante con cinturino in caucciù, una cassa near DLC e anche la variante acciaio e oro rosa.

Come si conviene a un buon subacqueo, lo Yachtman Club di Paul Picot è impermeabile fino a 200 metri.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply