Seiko torna nelle profondità marine

Seiko torna nelle profondità marine

Ci sono orologi subacquei che hanno fatto la storia e che continuano a godere di una larghissima fortuna, specialmente nel giro degli appassionati. Molti di questi appartengono a Seiko.

Sarà forse per questo che la Maison giapponese ha quindi deciso di reinterpretare in chiave moderna uno dei suoi campioni: il subacqueo lanciato da Seiko 50 anni fa.

La rivisitazione

Ecco dunque due orologi della linea Prospex di Seiko che si rifanno al segnatempo del 1968 riprendendone il design con uno stile attuale, una lunetta più sottile e lancette contemporanee.

Il primo ha un bracciale in acciaio inossidabile, mentre il secondo è montato su un cinturino di silicone.

Entrambi questi Seiko sono quindi impermeabili fino a 200 metri ed entrambi sono animati dal calibro automatico 6R15, che garantisce 50 ore di riserva di carica.

La collezione propone dunque una cassa d’acciaio di 44 millimetri con lunetta girevole unidirezionale.

Sul quadrante nero campeggiano indici e lancette luminescenti, con la data a ore 3. La corona a vite è posizionata a ore 4.

La storia

Gli orologi subacquei Prospex di Seiko sono quindi gli eredi di oltre 50 anni di investimenti e ricerca in questo campo degli orologi da parte della Maison.

Non a caso, nel 1965 Seiko ha prodotto il primo orologio subacqueo giapponese.

Tre anni più tardi ha lanciato il primo diver 300m caratterizzato da un movimento ad alta precisione da 10 alternanze al secondo.

Il tutto, infine, accompagnato da migliorie tecniche:

  • l’impiego del titanio per la cassa;
  • l’invenzione del cinturino a fisarmonica;
  • l’uso della doppia cassa;
  • gli indici e le sfere sovradimensionati.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply