Tudor Black Bay Fifty-Eight

Tudor Black Bay Fifty-Eight

A Baselworld 2018 Tudor ha fatto un viaggio a ritroso alle proprie radici presentando il Black Bay Fifty-Eight, il cui nome è un riferimento all’anno in cui Tudor lanciò il suo primo orologio subacqueo impermeabile fino a 200 metri: la referenza 7924 “Big Crown”.

Tutto, nel Tudor Black Bay Fifty-Eight, parla dei modelli di quell’epoca: la cassa da 39 mm di diametro, che rievoca le proporzioni tipiche degli Anni ’50, la nuova combinazione di colori, le finiture in oro aggiunte agli indici, alle lancette e alla scala minuti della lunetta nera e acciaio.

Il quadrante del Tudor Black Bay Fifty-Eight s’ispira a quello degli orologi subacquei prodotti da Tudor negli Anni ’50, con le lancette ”snowflake”, apparse per la prima volta nel catalogo del Marchio del 1969.

La grande corona di carica e il triangolo rosso della lunetta girevole sono caratteristici della prima generazione di orologi subacquei Tudor, impermeabili fino a 200 m.

Inoltre, il bracciale del Tudor Black Bay Fifty-Eight è ispirato ai modelli pieghevoli rivettati prodotti da Tudor negli Anni ’50 e ’60, che divennero celebri per i rivetti di attacco delle maglie visibili e per la caratteristica forma rastremata.

In alternativa, l’orologio è disponibile anche con cinturino in pelle marrone con chiusura pieghevole o con cinturino in tessuto nero con una striscia dorata, realizzato in tessuto jacquard.

L’aspetto vintage nasconde un cuore moderno, il calibro MT5402, lanciato da Tudor a tre anni di distanza dall’introduzione del primo calibro di Manifattura.

Il movimento offre l’indicazione delle ore, dei minuti e dei secondi e il suo rotore a vista è interamente satinato, mentre i ponti e la platina hanno. Certificato COSC, questo movimento di Manifattura Tudor garantisce 70 ore di riserva di carica.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply