Amazzonia e Covid, Bolsonaro all’Onu si assolve: “Vittime di istituzioni internazionali che agiscono per interessi oscuri”

Gli incendi in Amazzonia sono causati da popolazioni indigene e agricoltori. Lo fanno per “sopravvivere”. Il disastro del Covid 19? È colpa della stampa che “semina il panico” tra la popolazione durante questa crisi sanitaria e dei 27 governatori degli stati del Brasile, oltre che della Corte suprema federale per come gestiscono la pandemia.

Jair Bolsonaro si assolve e respinge con forza le critiche che gli piovono addosso da almeno un anno per gli incendi che hanno distrutto l’Amazzonia e che ora stanno distruggendo il Pantanal, la parte sud-occidentale della grande foresta pluviale. Lo fa durante il discorso di apertura della 75a Assemblea Generale delle Nazioni Unite, privilegio attribuito al Brasile dal 1955. “Siamo attaccati da una brutale campagna di disinformazione”, sostiene, con il sostegno di “istituzioni internazionali che agiscono per interessi oscuri “. Le 137mila vittime e quasi 5 milioni di contagi sono gli effetti di “una crisi sanitaria che colpisce il mondo intero”. Il suo governo e lui stesso hanno fatto di tutto per opporvisi. Sia nella gestione che nelle misure a sostegno della popolazione. Nessuna polemica con altre istituzioni, nessuna iniziativa che contrasti le indicazioni medico-scientifiche.

rappresentante

Piuttosto. “Il mio governo ha lanciato numerosi programmi di aiuto”, come il contributo minimo per tutti i $ 1000 “(in realtà 100), e” ha stanziato 100 miliardi di dollari “per combattere il Covid 19. Il leader dell’estrema destra evita di dire che lo sono misure approvate dal Congresso e non dalla Presidenza, ma questo è irrilevante. Poiché evita di ammettere che durante l’ondata di coronavirus ha boicottato sistematicamente le misure di contenimento e gli stessi blocchi che di volta in volta i governatori degli Stati che alla fine dovette intervenire il Supremo, stabilendo, con sentenza, che le misure dovessero essere applicate e seguite.

Se il Brasile ha pagato e paga ancora un prezzo molto alto in vite umane e infezioni, la colpa è di altri. Come presidente, ripete, ha agito bene e velocemente. In caso di pandemie e incendi. Il Brasile, dice, “ha contribuito a nutrire il mondo” durante la prima ondata di Covid 19, rispettando “la migliore legislazione ambientale del pianeta”. Ha ricordato che il suo Paese “non ha mai esportato tanto” e “investito in tecnologia” per arginare i crimini legati all’ecologia. Se oggi una parte dell’Amazzonia brucia, questo dipende dagli “agricoltori e dalla popolazione locale che attivano i fuochi per sopravvivere”, non certo dai taglialegna al servizio di proprietari terrieri e allevatori alla ricerca di nuovi spazi per la coltivazione intensiva della soia e il pascolo. le mandrie.

Insomma, il Pantanal soffre degli stessi problemi della California. Gli incendi sono “una conseguenza delle alte temperature locali”. La foresta pluviale è umida, ha aggiunto, “è improbabile che bruci con tale intensità”. Inoltre, il polmone del mondo, “è custodito dai nostri soldati e dalle strutture appropriate. Siamo leader nella conservazione delle foreste tropicali, abbiamo matrici energetiche che sono tra le più pulite e diverse al mondo. Siamo responsabili di solo il 3 per cento delle emissioni di carbonio “.

Tutto bene, allora. Il suo Brasile sta facendo del suo meglio. Le critiche che gli piovono addosso sono il risultato di una “campagna ossessiva e di disinformazione”. Jair Bolsonaro si risolve e va dritto. È persino convinto di avere anche un ruolo essenziale nella difesa del cristianesimo. “Il popolo brasiliano è conservatore e cristiano”, ha ribadito, “e il mio governo ha lottato contro la diffusione della cristianofobia”.

Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *