Anniversario del massacro di Tiananmen: Hong Kong vieta la veglia commemorativa del 4 giugno

Il 4 giugno 1989, le truppe cinesi hanno represso i manifestanti democratici in piazza Tiananmen a Pechino. Un bilancio delle vittime ufficiale non è mai stato rilasciato, ma gruppi di diritti stimano che centinaia, se non migliaia, siano stati uccisi.

Hong Kong è l’unico posto sul suolo cinese in cui si tengono grandi commemorazioni di massa per l’evento. Veglie a lume di candela si tengono nel Victoria Park di Hong Kong ogni anno dal 1990 e eventi recenti hanno attirato decine di migliaia di partecipanti.

Tuttavia, secondo una lettera ufficiale condivisa con la CNN, la polizia non ha dato il permesso che si verifichi il raduno di quest’anno, citando le restrizioni del coronavirus alle riunioni di oltre otto persone.

Sebbene la pandemia sia stata data come motivo della manifestazione, un disegno di legge sulla sicurezza nazionale stava già incombendo nell’anniversario.

La legge, che Pechino imporrà alla città nelle prossime settimane, penalizza la secessione, la sedizione e la sovversione e potrebbe prevedere il divieto di gruppi come quello che organizza la manifestazione annuale di Tiananmen, l’Alleanza di Hong Kong a sostegno della movimenti democratici patriottici. in Cina.

“Forse all’Alleanza di Hong Kong è vietato operare a causa della sua lotta a lungo termine per porre fine alla dittatura a partito unico”, ha detto il gruppo. ha detto in una dichiarazione Domenica, riferendosi al Partito comunista cinese al potere. “Può anche essere caratterizzato come un’organizzazione sovversiva. Il nostro capitale e la nostra proprietà possono anche essere congelati e confiscati. Se la persona responsabile viola la legge sulla sicurezza nazionale, può anche essere accusata del” crimine di sovvertire il potere dello stato “.”

L’Alleanza ha già chiesto alle persone di celebrare l’anniversario di quest’anno accendendo candele a casa e organizzando riunioni su piccola scala che non violano le restrizioni del coronavirus, un invito esteso a livello globale.

“I cittadini in luoghi in cui è impossibile un’azione pubblica possono rimanere rapidamente a casa per un giorno, commemorando studenti e civili uccisi dai militari nel massacro del 4 giugno e tutti coloro che sono morti nel pandemia globale a seguito dell’occultamento e del blocco delle informazioni dal Partito Comunista “, ha affermato il gruppo in una nota.

“I cittadini nei luoghi in cui sono possibili azioni pubbliche possono accendere candele alle 20:00 al di fuori delle agenzie cinesi o qualsiasi altro luogo pubblico appropriato, e osservare un minuto di silenzio alle 20:09, sia per commemorare la morte che per chiedere responsabilità “.

Con le restrizioni al coronavirus prorogate fino al 4 giugno, la probabilità di vietare la concentrazione annuale era elevata. Tuttavia, resta da vedere, l’anno prossimo, quando la pandemia è passata, se le leggi sulla sicurezza nazionale impediranno che si verifichi qualsiasi commemorazione.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *