Apple Watch Series 6 ospite di iFixit: uno sguardo all’interno

Apple Watch Series 6 è stato annunciato ufficialmente una settimana fa insieme al nuovissimo Watch SE. Tra coloro che non sono soddisfatti della descrizione tecnica fornita dall’azienda di Cupertino durante la presentazione c’è ovviamente il team iFixit, che ha messo sotto la lente d’ingrandimento la versione 44mm (LTE) per capire cosa è effettivamente cambiato rispetto alla generazione precedente.

La prima, grande differenza riguarda il Force Touch, che non c’è. Apple lo ha ora sostituito su tutti i suoi prodotti con tocco tattile, e Watch Series 6 non fa eccezione e segue anche questa “nuova filosofia”. E poi c’è la batteria da 1,17 Wh, il 3,5% più grande rispetto a quella della Serie 5 che, a sua volta, era dell’1,4% più grande della Serie 4. L’incremento è maggiore per il modello da 40mm, la cui batteria aumenta in questa serie di 8,5 punti percentuali.

Dall’esame emerge che il il display è più luminoso rispetto alla generazione precedente. Tutto sommato, sembra che la differenza sia limitata solo a questo aspetto: per il resto Serie 6 e 5 da questo punto di vista sono perfettamente identiche. Il SiP cambia, qui in versione S6 (S5 nel precedente), ma Apple lo ha nascosto bene sotto una montagna di resina ed è difficile da raggiungere. E c’è anche il chip U1, per la prima volta su uno smartwatch Apple, così come le antenne Ultra Wideband, l’altimetro sempre attivo e il sensore per la misurazione dell’ossigeno nel sangue.

In sintesi: manca il Force Touch, e questo rende la riparazione “più facile”, in più Apple è riuscita a inserire una batteria e un Taptic Engine più grande all’interno del Watch Series 6 riducendo lo spazio interno. Restano comunque le difficoltà legate alla sostituzione dei componenti interni dovute ai cavi di collegamento, soprattutto quelli per il collegamento con il SiP S6. Il voto generalmente rimane lo stesso dell’anno scorso: 6/10. Nessun miglioramento, ma è garantito il passaggio completo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Galileus Web