Biden sbatte Trump sul rapporto che la Russia ha offerto doni ai soldati statunitensi

Joe Biden ha accusato Donald Trump di aver tradito il suo dovere di presidente, dopo che un rapporto affermava che la Casa Bianca sapeva da mesi che i servizi segreti russi offrivano doni ai militanti afgani per uccidere i soldati statunitensi ma non punivano Mosca.

“Tutta la sua presidenza è stata un dono per Putin, ma questo è al di là del pallido”, ha detto Biden durante un municipio virtuale sabato. “È un tradimento del dovere più sacro che assumiamo come nazione per proteggere ed equipaggiare le nostre truppe quando le mandiamo in pericolo. È un tradimento di ogni singola famiglia americana con una persona cara che serve in Afghanistan o in qualsiasi parte d’oltremare”.

Il New York Times ha riferito Venerdì che gli Stati Uniti hanno determinato mesi fa un’unità di intelligence militare russa ha offerto doni a militanti collegati ai talebani per uccidere i soldati statunitensi in Afghanistan.

Trump è stato informato sull’intelligence e il Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca ha discusso i risultati in una riunione di fine marzo, secondo il Times, che ha citato funzionari informati sulla questione. I funzionari hanno sviluppato opzioni da una denuncia diplomatica alle sanzioni, ma la Casa Bianca non ha ancora autorizzato una risposta, secondo il Times, citando i funzionari.

Il Wall Street Journal ha anche riferito sabato che un’unità di spionaggio russa ha pagato militanti in Afghanistan per attaccare le truppe statunitensi, citando persone che hanno familiarità con l’intelligence americana classificata. La valutazione è stata consegnata alla Casa Bianca all’inizio di questa primavera, ha riferito al Journal una persona che ha familiarità con le informazioni.

READ  6 nuovi prodotti tecnologici per combattere COVID-19

La Casa Bianca sabato ha negato che Trump e il vicepresidente Mike Pence fossero informati sulla questione, ma non hanno contestato la validità dell’intelligence come descritto nel rapporto del New York Times.

“Gli Stati Uniti ricevono migliaia di rapporti di intelligence al giorno e sono soggetti a un rigoroso controllo”, ha dichiarato il segretario stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany. “Mentre la Casa Bianca non commenta sistematicamente presunte intelligence o deliberazioni interne, il direttore della CIA, il consigliere per la sicurezza nazionale e il capo dello staff possono tutti confermare che né il presidente né il vicepresidente sono stati informati sulla presunta intelligence di taglie russa”.

“Questo non parla al merito della presunta intelligenza, ma all’inesattezza della storia del New York Times che suggerisce erroneamente che il presidente Trump sia stato informato sulla questione”, ha aggiunto.

L’amministrazione Trump ha raggiunto un accordo con i talebani a febbraio per ridurre la sua presenza di truppe e ha stabilito un cessate il fuoco, con l’obiettivo di ritirarsi completamente dall’Afghanistan in 14 mesi.

Biden, ex vicepresidente e presunto candidato alla presidenza democratica, ha sbattuto Trump per aver invitato la Russia a unirsi al vertice di sette potenze mondiali, noto come G-7, a Washington questo settembre, dopo essere stato informato sul complotto per uccidere i soldati statunitensi. La Russia è stata espulsa dal gruppo nel 2014 dopo l’annessione della Crimea dall’Ucraina.

“Il presidente Trump, il comandante in capo delle truppe americane in servizio in un pericoloso teatro di guerra, lo sa da mesi secondo il Times e ha fatto peggio di niente”, ha detto Biden.

“Non solo non è riuscito a sanzionare o imporre alcun tipo di conseguenze alla Russia per questa grave violazione del diritto internazionale, ma Donald Trump ha continuato la sua imbarazzante campagna di deferenza e degradando se stesso prima di Vladimir Putin”, ha continuato Biden. “Ha avuto queste informazioni secondo il Times e tuttavia si è offerto di ospitare Putin negli Stati Uniti e ha cercato di invitare la Russia a ricongiungersi al G7”.

READ  6 nuovi prodotti tecnologici per combattere COVID-19

Il maggiore repubblicano nella commissione per gli affari esteri della Camera, il rappresentante Michael McCaul, ha dichiarato di aver immediatamente contattato l’amministrazione Trump dopo aver letto il rapporto del New York Times e “parlerà con loro nel prossimo futuro”.

“Se accurato, l’amministrazione deve intraprendere azioni rapide e serie per rendere responsabile il regime di Putin”, ha dichiarato McCaul. Il deputato del Texas ha affermato che il rapporto approfondisce le sue preoccupazioni sul “comportamento malizioso del governo russo a livello globale”.

“Dall’invasione dell’Ucraina, dalla difesa dei dittatori di tutto il mondo e dall’interferenza nelle elezioni statunitensi ed europee, il regime di Putin ha dimostrato più volte che non ci si può fidare e non è nostro amico”, ha detto McCaul.

Biden ha dichiarato di aver preso personalmente il rapporto come padre di un soldato che ha prestato servizio in una zona di guerra. Suo figlio Beau, che è morto di cancro al cervello nel 2015, è stato inviato in Iraq nel 2008 con la Guardia Nazionale dell’Esercito.

“Ma non penso solo a questo come candidato alla presidenza. Penso a questo come a un padre, a un padre che ha mandato suo figlio a servire in modo pericoloso per un anno in Medio Oriente e in Iraq, e sono disgustato da parte di quelle famiglie i cui cari servono oggi “, ha detto Biden.

Camila

Camila

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *