Bielorussia, rilasciati oltre mille manifestanti: denunciati maltrattamenti in carcere. Merkel e Von der Leyen chiedono sanzioni

Il governo di Bielorussia ha annunciato di aver rilasciato oltre mille manifestanti di circa settemila persone arrestato durante eventi in seguito alla controversa rielezione di Alexander Lukashenko. La conferma arriva dal presidente del Senato Natalya Kochanova: ha anche annunciato che il presidente ha chiesto di aprire sondaggio “Su tutti gli arresti”. Dopo denunce, contestazioni di maltrattamenti, con ferite e contusioni sul corpo, e dopo i reclami che circolano sui media locali e sui social media sulle condizioni nelle cellule, con poco spazio e niente cibo, il ministro dell’Interno, Yury Karayev, si è scusato con il pubblico della TV di stato per l’arresto di cittadini innocenti. Secondo i media locali, molte persone sono state accorse Ospedale dopo il rilascio. I maltrattamenti nelle carceri hanno ridato vita proteste, in attesa delle decisioni che verranno prese durante il vertice ministri di Straniero dell’Unione Europea. Il Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyene il cancelliere tedesco Angela Merkel si sono apertamente schierati a favore di sanzioni per la Bielorussia.

Cinque giorni dopo le elezioni si sono svolte rabbia il popolo bielorusso continua a protestare. Centinaia di persone, medici e gruppi di donne, si sono formati catene umane un’ Minsk in segno di protesta contro il sesto mandato di Lukashenko: con una scena che si è ripetuta ieri, con lunghe marce per le vie della capitale. Hanno anche iniziato a protestare anche i militari: in alcuni video postati sui social si sono ripresi mentre lanciavano spazzatura le divise. E si è aggiunta anche la rivolta classe operaia: i lavoratori della BelAZ di Zhodino, potente azienda specializzata nella produzione di mezzi pesanti utilizzati nel settore edile, ha marciato in segno di protesta.

Nel frattempo il Germania, presidente dell’Unione europea, ha già convocato con urgenza giovedì ambasciatore Bielorusso per esprimere disapprovazione. Oggi il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert in una conferenza stampa ha annunciato che Berlino sostiene le sanzioni contro la Bielorussia: “Da parte nostra, devono esserci sanzioni contro i responsabili di violare i diritti umani“Ha detto Seibert. “Il governo tedesco è dalla parte di tutti coloro che dimostrano pacificamente le loro volontà perché è un loro diritto in una democrazia ”, ha aggiunto. A nome del Cancelliere Merkel, Seibert ha spiegato che “il violenza brutale contro manifestanti pacifici e soprattutto i reclusione dei manifestanti ”in Bielorussia non è accettabile. Il Cancelliere “è shock dalle notizie di maltrattamenti dei manifestanti imprigionati ”, ha aggiunto. Parole altrettanto dure in un tweet di Ursula von der Leyen: “Abbiamo bisogno di più sanzioni contro coloro che hanno violato i valori democratici o abusato di diritti umani in Bielorussia. Sono fiducioso che la discussione odierna dei ministri degli esteri dell’UE si dimostrerà la nostra forte sostegno per i diritti delle persone in Bielorussia, per i diritti fondamentali e per la democrazia ”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e tanto altro. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è a un punto morto, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Brasile, Bolsonaro pronto a violare la legge sulla spesa pubblica. Ministro dell’Economia: “Se lo farà, chiederemo l’impeachment”

Il prossimo


Articolo successivo

Coronavirus, la Spagna chiude i locali notturni e vieta il fumo per strada. UK, quarantena anche per chi arriva da Francia e Malta

Il prossimo


Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *