Blackout Tuesday: perché pubblicare un’immagine in nero con l’hashtag #blm potrebbe fare più male che bene

Ecco il problema Sebbene questi post possano essere ben intenzionati, diversi attivisti e influencer hanno sottolineato che pubblicare un’immagine in bianco nera con molti tag ostacola feed e aggiornamenti critici. Ci sono ancora proteste in tutto il paese. Gli arresti si accumulano a migliaia. La visibilità per diversi gruppi di attivisti e progetti è fondamentale in questo momento. E uno dei modi più comuni per tenere traccia di tutto ciò è il monitoraggio o la ricerca di tag.
“Sappiamo che non vi è alcuna intenzione di nuocere, ma ad essere onesti, questo essenzialmente danneggia il messaggio”. sostenitore della salute mentale e attivista di Black Lives Matter Kenidra Woods pubblicato su Twitter. “Usiamo l’hashtag per mantenere aggiornato il ppl. PLS smette di usare l’hashtag per le immagini in bianco !!” Un video a scorrimento dell’hashtag #BlackLivesMatter su Instagram dimostra il suo punto: è fila dopo fila di quadrati neri, con pochissimi post notevoli in mezzo.

Qui ci sono due problemi: uno, i tag effettivi utilizzati nei post di Blackout Tuesday. Due, il vero scopo di pubblicare un’immagine nera in primo luogo.

Quando pubblichi un’immagine con un tag su, diciamo, Twitter o Instagram, viene automaticamente aggiunta a una fonte di ricerca, che le persone possono trovare usando quel tag. È un modo comune per le persone di monitorare una situazione o un interesse. E poiché le persone hanno incluso l’hashtag #BlackLivesMAtter, nelle parole dell’attivista femminista Jones, le proteste sono state cancellate da Instagram.
“Quando rivedi l’hashtag #BlackLivesMatter, non sono più video, informazioni utili, risorse, documentazione dell’ingiustizia, sono file di schermate nere”. L’artista musicale Kehlani ha spiegato nella sua storia su Instagram.

Le persone vogliono mantenere il flusso di informazioni

& # 39; Le mie emozioni erano così grezze: le persone che creavano arte per ricordare George Floyd
Il Blackout Tuesday ha guadagnato terreno grazie al lavoro dei dirigenti musicali Jamila Thomas e Brianna Agyemang, che hanno condotto uno sforzo nella comunità musicale per fermare le normali operazioni commerciali il 2 giugno “in osservanza del razzismo di lunga data e della disuguaglianza che esiste da allora la sala del consiglio al viale. “

Man mano che il movimento cresceva, l’idea trapelava agli individui e ai marchi che promettevano di non pubblicare alcun contenuto il 2 giugno in riferimento alla situazione.

Tuttavia, si teme che mentre ciò che equivale a un momento di silenzio virtuale possa essere un potente promemoria per alcuni, arriva in un momento in cui le voci degli attivisti e dei sostenitori neri sono più necessarie.

Il rapper Lil Nas X ha criticato la mossa su Twitter. “Penso davvero che questo sia il momento di spingere più forte che mai.” ha scritto. “Non credo che il movimento sia stato così potente. Non abbiamo bisogno di fermarlo senza pubblicare nulla. Dobbiamo spargere la voce ed essere più forti che mai.”
Tuttavia, alcune persone hanno preso l’invito all’azione. significa una pausa nel pubblicare materiale personale o questioni non correlate alla Black Lives Matter o alle proteste in corso piuttosto che al completo silenzio. Alcuni post ampiamente condivisi sulla giornata Incoraggia le persone ad astenersi dal promuoversi e utilizzare la loro presenza su varie piattaforme per elevare i membri della comunità nera.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *