Borsa Italiana, i commenti della seduta odierna (8 ottobre 2021)

Delfin ha aumentato la quota detenuta nel capitale dell’istituto Piazzetta Cuccia. Performance positive anche per IntesaSanpaolo e UniCredit

positive-market_2I principali indici di Borsa Italiana e dei principali mercati finanziari europei hanno chiuso la seduta dell’8 ottobre 2021 a territorio positivo, con incrementi di oltre mezzo punto percentuale. Nadège Dufossé – Head of Cross Asset Strategy & Deputy Global Head of Multi-Asset presso CANDRIAM – ha riferito che le elezioni presidenziali statunitensi sono fonte di incertezza per i mercati azionari, che probabilmente risponderà a questa incertezza con uno maggiore volatilità. “Questo è già stato parzialmente preso in considerazione dagli investitori almeno fino alla data delle elezioni, come dimostra l’andamento dei futures sul VIX”, ha detto l’esperto. Sulla base di queste convinzioni Nadège Dufossé ha deciso di mantenere coperture opzionali su azioni statunitensi ed europee al fine di ridurre l’impatto sulla performance dell’aumento della volatilità nelle prossime settimane. “Pertanto, per il momento siamo leggermente sottopeso sulle azioni “, ha aggiunto l’esperto.

Il FTSEMib ha registrato un incremento dello 0,76% a 19.582 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 19.462 punti ed un massimo di 19.613 punti. Il FTSE Italia All Share ha guadagnato lo 0,7%. Performance positiva anche per il FTSE Italia Mid Cap (+ 0,86%) e per FTSE Italia Star (+ 0,66%). Nella seduta dell’8 ottobre 2021 il fatturato è sceso a 1,73 miliardi di euro, contro 1,8 miliardi di ieri; Sono passati di mano 583.462.903 azioni (701.525.304 nella seduta di ieri). Su 419 titoli scambiati, 251 hanno registrato una performance positiva, mentre le flessioni sono state 139; invariate le restanti 29 azioni.

L ‘Euro ha oscillato intorno a $ 1,175.

Il diffondere Btp-Bund è stato confermato sotto i 130 punti.

Approfondimenti importanti sui titoli del settore bancario.

Mediobanca ha guadagnato il 3,93% a 7,248 euro. Dalle comunicazioni diffuse dalla Consob si apprende che in data 5 ottobre Delfin, la holding capeggiata da Leonardo Del Vecchio, ha aumentato la quota detenuta nel capitale dell’istituto Piazzetta Cuccia, portandola dal 9,889% al 10,162%. Delfin ha ricordato di essere stata autorizzata dalla BCE ad aumentare la propria partecipazione in Mediobanca oltre il 10%, ma comunque entro la soglia del 19,9% del capitale. Il superamento della soglia del 10% fa parte del contesto dell’autorizzazione.

Performance positiva anche per Intesa Sanpaolo (+ 1,61%) e per UniCredit (+ 2,42%).

Rimani sotto i riflettori Banca BPER dopo la forte volatilità registrata nelle ultime tre sedute, in concomitanza con l’avvio dell’aumento di capitale di oltre 800 milioni di euro. Il titolo dell’istituto ha guadagnato lo 0,93% a 1,1965 euro, mentre i diritti relativi alla transazione è aumentato del 4,32% a 0,36 €, dopo aver toccato un minimo di 0,2801 €.

Atlantia perso 0,69%. Secondo quanto scritto su Il Sole24Ore, la scissione della controllata Autostrade per l’Italia avverrà in due fasi e dovrebbe concludersi entro la metà del 2021.

Amplifon ha guadagnato l’1,63% a 31,21 euro. Gli analisti di Citigroup hanno iniziato a coprire il titolo con un target price di 36,4 euro e un’indicazione per l’acquisto delle azioni. Il target price implica un aumento del 18,5% rispetto al prezzo di chiusura di Amplifon nella seduta del 7 ottobre (30,71 euro).

Saras ha venduto il 7,69% a 0,48 euro, sulla scia di indiscrezioni relative a un’indagine del Tribunale di Cagliari. A tal proposito, la società ha fermamente respinto ogni associazione del nome della società con il contrabbando di petrolio e carburanti, “in quanto completamente infondata e lesiva della propria immagine e dei collaboratori”.

AS Roma ha registrato un rimbalzo del 7% a 0,214 euro, dopo uno stop dovuto ad un eccesso di rialzo ad inizio giornata.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Galileus Web