Borsa Italiana, il commento alla seduta odierna (24 settembre 2020)

Chiusura positiva per UniCredit, dopo la forte correzione subita nelle precedenti sette sedute. Molto bene anche Banco BPM e BPER Banca. Vendite su Saipem e Tenaris

mercato rossoI principali indici di Borsa Italiana ha concluso la sessione del 24 settembre 2020 in territorio negativononostante la generale ripresa dei titoli del settore bancario. In rosso anche le principali piazze finanziarie europee.

Il FTSEMib ha registrato un calo dello 0,12% a 18.907 punti, dopo aver toccato un minimo di 18.621 punti e un massimo di 19.102 punti. Il FTSE Italia All Share ha lasciato lo 0,21% a terra. Segno meno anche per il FTSE Italia Mid Cap (-0,4%) e per FTSE Italia Star (-0,58%). Nella seduta del 24 settembre 2020 il fatturato è salito a 1,77 miliardi di euro, contro 1,73 miliardi di mercoledì; hanno cambiato mano 728.174.064 azioni (1.085.602.658 nella sessione di mercoledì). Dei 416 titoli negoziati, 263 hanno registrato una performance negativa, mentre gli aumenti sono stati 121; le restanti 32 azioni sono rimaste invariate.

L ‘Euro è sceso a $ 1.165, mentre il bitcoin è tornato a 10.500 dollari (meno di 9.000 euro).

Il diffusione Btp Bund era a 139 punti.

In generale, recupero i titoli del settore bancario, dopo il forte calo subito nella seduta di ieri.

Chiusura positiva per UniCredit (+ 2,28%), dopo la forte correzione subita nelle sette sedute precedenti: il valore del titolo è passato da 8,087 euro del 14 settembre a 6,745 euro di chiusura del 23 settembre.

Migliori prestazioni per il BancoBPM (+ 5,8%) e per Banca BPER (+ 5,31%).

Il salto di Creval, che ha guadagnato l’11,6% dopo uno stop al rialzo.

Vendite su azioni del settore petrolifero.

Saipem e Tenaris hanno perso rispettivamente il 4,41% e il 2,04% dopo essere stati sospesi per eccesso di sconto a fine seduta.

Atlantia ha guadagnato l’1,58% a 13.855 euro. Il consiglio di amministrazione della società ha approvato un processo “dual track” al fine di giungere, in ogni caso, alla cessione della quota dell’88% detenuta in Autostrade per l’Italia (ASPI). In dettaglio, l’operazione prevede la cessione dell’intera quota dell’88% di ASPI tramite processo competitivo o, in alternativa, la scissione parziale e proporzionale e il conferimento del 55% e del 33% del capitale di ASPI nella nuova Autostrade Concessioni e Costruzioni è stata costituita per essere quotata in borsa con l’uscita di Atlantia dal capitale sociale. La holding ha precisato che il processo “dual track” è rivolto sia alla Cassa depositi e prestiti che ad altri investitori istituzionali nazionali e internazionali.

In ripresa Leonardo (+ 2,52%). Dalle comunicazioni di Internal Dealing diffuse da Borsa Italiana si apprende che in data 23 settembre 2020 l’Amministratore Delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, ha acquistato 100mila azioni della società aerospaziale al prezzo unitario di € 5,036. Il manager ha pagato un totale di 503.600 euro.

STM ha chiuso la seduta con un rialzo frazionato (+ 0,59% a 25,67 euro). Il consiglio di sorveglianza del gruppo italo-francese ha deciso di mantenere la distribuzione di un dividendo in contanti di 0,168 dollari per azione, come deciso dall’assemblea degli azionisti del 17 giugno.


Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *