Borsa Italiana, il commento dell’incontro di oggi (7 agosto 2021)

L’indice ha chiuso la settimana con un progresso complessivo del 2,22%. Spicca il calo subito da BancoBPM. Unipol ha guadagnato oltre due punti percentuali

bag-positiva_1I principali indici di Borsa Italiana e per i principali centri finanziari europei hanno chiuso in territorio positivo l’ultima sessione della settimana. IL dati sull’occupazione negli Stati Uniti per luglio sono stati migliori delle aspettative degli analisti. Romain Boscher – Global CIO Equity di Fidelity International – lo ha riferito a breve termine i mercati sono accomodantimentre stanno valutando i prezzi di una ripresa a forma di V in un momento in cui l’economia globale è sottoposta a enormi pressioni e la crisi sanitaria globale rimane irrisolta. Tuttavia, l’esperto suggerisce di non inserire la tabella dei rischi, poiché gli utili per l’intero 2021 subiranno una forte contrazione, con variazioni significative tra i vari settori. “In questo contesto, manteniamo una tendenza verso la qualità, con una preferenza per le aziende più grandi rispetto a quelle più piccole”, ha suggerito Romain Boscher.

Il FTSEMib ha registrato un aumento dello 0,21% a 19.516 punti (minimo 19.251 punti; massimo 19.564 punti) e ha chiuso la settimana con un aumento complessivo del 2,22%. Il FTSE Italia All Share recuperato 0,24%. Segno più anche per il Cappello medio FTSE Italia (+ 0,1%) e per il Stella FTSE Italia (+ 0,47%). Nella sessione del 7 agosto 2021, il valore di cambio è sceso a 1,49 miliardi di euro, rispetto a 2,44 miliardi di giovedì; 512.532.159 azioni cambiate di mano (868.625.022 nella sessione di giovedì). Su 403 titoli negoziati, 196 hanno registrato una performance negativa, mentre gli aumenti sono stati 182; invariate le restanti 25 azioni.

L’Euro è sceso sotto $ 1,18, mentre il bitcoin rimane oltre 11.500 dollari (poco meno di 10.000 euro).

Il diffusione Patto BTTP ridotto a 150 punti.

Focus sui titoli del settore bancario.

Il BancoBPM ha perso l’1,85% a 1.272 euro, dopo uno stop a causa di un calo a metà giornata. L’istituto ha comunicato i risultati del primo semestre 2021, che si è chiuso con un utile netto di 105,23 milioni di euro, in netto calo rispetto ai 602,98 milioni registrati nei primi sei mesi dello scorso anno; in particolare, le rettifiche nette su crediti verso clientela sono passate da 349,64 milioni a 476,79 milioni di euro. Al netto delle poste non ricorrenti, l’utile semestrale è pari a 128,4 milioni di euro, rispetto ai 300,8 milioni al 30 giugno 2019 (-57,3%). Il risultato operativo è leggermente diminuito, passando da 788,95 milioni di euro a 747,79 milioni di euro (-5,2%). Il risultato operativo è sceso del 4,7% a € 2 miliardi, a seguito del calo delle commissioni nette, a seguito degli impatti sulle operazioni derivanti dalle misure di blocco. Alla fine di giugno 2021, i crediti deteriorati erano scesi a 5,4 miliardi di euro, in calo di 145 milioni di euro (-2,6%) rispetto al 31 dicembre 2019. Sempre a fine giugno 2021, il Common Equity Tier 1 era salito al 14,73%, rispetto al 14,44% a fine marzo. BancoBPM ha riferito che la performance operativa della seconda metà dell’anno dovrebbe migliorare rispetto alla prima metà dell’anno, in particolare grazie all’evoluzione del margine di interesse, che beneficerà anche dell’aumento del contributo derivante dall’uso dei prestiti della BCE e il contenimento dei costi operativi che costituiranno una delle principali priorità d’azione. Durante la conferenza stampa per commentare i risultati della prima metà del 2021, il BancoBPM numero uno, Giuseppe Castagna, ha sottolineato che la banca sarà pronta in caso di operazioni straordinarie (fusioni o acquisizioni), ipotizzando un consolidamento del settore bancario dopo l’integrazione tra Intesa Sanpaolo (-0,46% a 1,8054 euro) e UBI Banca (+ 1,74% a € 3,667). Inoltre, il gestore ha anticipato che l’ente mira a ridurre ulteriormente la quantità di crediti deteriorati e sta valutando il mercato per procedere alla vendita di crediti deteriorati nell’ultima parte del 2021. Nel frattempo, l’agenzia Moody’s ha alzato alcuni rating di UBI Banca , allineandoli con quelli di IntesaSanpaolo. In particolare, gli esperti hanno migliorato il rating del rischio di controparte a lungo termine, portandolo da “Baa2” a “Baa1”.

Vendite anche su UniCredit (-0,45% a 7.731 euro). Dopo la diffusione dei risultati semestrali, gli analisti del Credit Suisse hanno ridotto il prezzo indicativo sulla banca guidato da Jean-Pierre Mustier da 11 euro a 9,5 euro; gli esperti hanno confermato il rating “Outperform” (farà meglio del mercato), poiché il nuovo prezzo target implica ancora un aumento ancora maggiore del 20% rispetto al prezzo attuale delle azioni UniCredit.

Peggior prestazioni per il Monte dei Paschi di Siena (-6,49%).

Banca BPER ha perso l’1,9% a 2.174 euro.

Unipol guadagnato oltre due punti percentuali (+ 2,54%). La compagnia assicurativa ha riportato i risultati finanziari del primo semestre 2021, il periodo si è chiuso con un utile netto (escluso l’interesse di minoranza) di 514,2 milioni di euro, in calo rispetto ai 656,5 milioni di euro registrati nei primi sei mesi dell’ultimo anno. Unipol ha riferito che il dato normalizzato per la prima metà del 2019 era stato di 353 milioni di euro. La raccolta assicurativa diretta – al lordo delle vendite di riassicurazione – si è attestata a 6,1 miliardi di euro, in calo del 16,4% rispetto al primo semestre del 2019. A fine giugno l’indice di solvibilità (parametro che indica la solidità patrimoniale delle compagnie assicurative) indicava un rapporto tra fondi propri e capitale richiesto del 188%, in leggero aumento rispetto al dato del 187% di inizio anno. Sulla base dell’andamento registrato nel primo semestre e di una solida posizione patrimoniale, il top management di Unipol ha confermato una performance operativa per l’anno in corso in linea con gli obiettivi fissati nel piano industriale 2019-2021. Durante la teleconferenza per commentare i risultati semestrali, il numero uno di Unipol, Carlo Cimbri, ha dichiarato di essere fiducioso di poter raggiungere – e persino superare – gli obiettivi finanziari fissati per il 2021, sulla base dei risultati ottenuti nella prima metà del l’anno . Il gestore ha specificato che i dividendi previsti per l’esercizio 2019 e quelli relativi al bilancio 2021 saranno distribuiti non appena IVASS eliminerà il divieto.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Galileus Web