Branco umilia un invalido e dà fuoco alla sua casa: tre arresti, anche due minorenni accusati – la Stampa

CASTROVILLARI (CATANZARO). Hanno preso di mira un civile invalido, con problemi mentali, lo hanno colpito in casa con getti d’acqua mentre riposava e poi hanno dato fuoco alla casa. I Carabinieri di Castrovillari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Castrovillari, su richiesta della Procura locale, nei confronti di tre persone accusate di incendio e violazione di domicilio. Inoltre, a disposizione del Gip del Tribunale per i minorenni di Catanzaro, i militari hanno seguito il provvedimento cautelare di ricovero in comunità, per gli stessi reati, nei confronti di altri due minorenni.

Le indagini sono iniziate lo scorso 2 agosto dopo un incendio in una casa privata. Gli investigatori hanno ricostruito quanto accaduto e hanno identificato gli autori. I membri del branco, dopo essere entrati nell’edificio per effettuare il raid contro la vittima, sono partiti velocemente a piedi. Prima di dare fuoco alla casa, i ragazzi che sono entrati approfittando della porta d’ingresso non perfettamente chiusa, hanno gettato acqua sulla persona disabile che stava dormendo. L’uomo che, dopo essersi svegliato, è riuscito a lasciare la casa prima che l’intero edificio prendesse fuoco, ha detto di aver subito un comportamento simile ed è stato bersaglio di alcuni getti d’acqua da parte dei ragazzi che però, in quella specifica occasione, non era riuscito a identificare.

L’episodio ricorda quello accaduto a Manduria, in Puglia, l’anno scorso, quando una baby gang è stata fermata per aver aggredito e picchiato a morte un disabile filmando l’exploit con il proprio cellulare. A maggio, un 19enne e un 23enne sono stati condannati a 10 anni di carcere, altri 23 a 8 anni e 8 mesi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Galileus Web