Caiwano, Maria Paola è morta in un “incidente”: la difesa di Mitchell Gaglione

L’omicidio involontario è esacerbato da futili motivi. Il giudice del processo di Nola, Fortuna Basile, ha confermato l’arresto nel pomeriggio. Michelle Antonio Gaglione è in carcere per presunto speronamento e uccisione della sorella Maria Pavola mentre era su uno scooter. Si è concluso così il processo preliminare di un trentenne del Parco Verde de Caivano presso il Tribunale di Nola Presumibilmente responsabile della morte della sorella Maria Paola La ragazza è caduta dallo scooter con il suo fidanzato Ciro Migliore. Gaglion si oppone alla relazione di sua sorella, Come Zero Trans, E ha già minacciato di costringere il ragazzo a lasciare Maria Paola.
Venerdì sera li ha visti su uno scooter e ha iniziato a inseguirli con la sua moto. In una strada stretta, si inchinò a loro. La sorella caduta è stata colpita alla testa ed è morta. Durante l’udienza, è durata circa due ore e si è svolta in un’atmosfera drammatica, Gaglion si è difeso affermando che non voleva essere danneggiato Attesta la tesi protettiva sostenuta dalla ragazza e dai suoi familiari: questa In bocca al lupo E non un atto intenzionale. Gaglione – Ha cooptato e risposto l’avvocato Domenico Poulle L’omicidio è esacerbato da futili motivi – Dice al gip che somiglia più a una figlia che alla sorella di Maria Paola. Powell ha detto La famiglia ha perso le tracce di Maria Paola Da poche settimane. Fece le valigie e se ne andò. Quando Antonio l’ha vista in sella al suo scooter, l’ha inseguita con la sua moto, ma le ha chiesto di tornare a casa, parlarle e farle riflettere. È andata senza spiegazioni e l’intera famiglia è stata devastata. Alla conferenza stampa Syro, Il fidanzato di Maria Paola ha detto: Non è stato un incidente. Gli sono corso dietro, voleva uccidermi. Lo abbiamo incontrato per caso, l’ho trovato dietro di me. Ciro ha detto che pochi giorni prima dell’incidente Michelle voleva venire a casa mia e tagliarmi la testa e c’era anche mia madre. Ha detto che mi avrebbe ucciso. Mi ha detto di non stare con sua sorella, altrimenti mi avrebbe ucciso. La mia famiglia – ha aggiunto – Amo quello che sono, non ce la faccio più. Doveva succedere a entrambi. Voglio vedere Maria Paola un’ultima volta.


14 settembre 2020 (14 settembre 2020 | 15:45 modifica)

© Riproduzione riservata

Susana Russo

Susana Russo

Ciao. Sono un Digital Copywriter. Aiuto marchi come i tuoi a creare contenuti efficaci per coinvolgere e convertire il tuo pubblico. Forti competenze SEO. Inoltre, sono un copywriter italiano creativo e concettuale. So come te l'importanza di ogni singola parola e come può fare la differenza risuonare con il bersaglio. L'ho imparato negli ultimi 8 anni di duro lavoro al servizio di aziende come Sixt, Blexr, LEAP London, Catena Media e altre. Inoltre, sono un membro freelance della Pennagrafica di Benevento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *