Comuni e territori possono monitorare i conti correnti dei contribuenti

Comuni e territori possono monitorare i conti correnti dei contribuenti

Casuale E le aree possono essere inserite Conti correnti Cittadini. Le maschere definitive ricadono quindi sulla privacy bancaria perché dopo Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza, d’ora in poi gli enti locali avranno libero accesso all’archivio dei rendiconti finanziari. Pericoloso, per non parlare degli effetti, una vera rivoluzione che provoca disagi. E con il diritto alla privacy, per citarne solo uno, c’è il rischio di violazione.

Per saperne di più -> Depositi, i conti correnti italiani sono ai massimi storici dal 2015

Chiaramente, la nuova intrusione ha lo scopo di rendere più efficiente la riscossione di tasse e dazi. Sembra invece un’altra invasione di campo, che, tra l’altro, implica più abilità. Aprire la porta alle autorità comunali ea quelle regionali e regionali è la regola di massima modifica al Decreto Semplificazione, una regola mascherata da istruzioni e paragrafi che possono essere difficili da comprendere per la maggior parte delle persone. E, come spesso accade con le questioni fiscali, taci. Infatti, la nuova regola introdotta in questa disposizione consente alle autorità locali di accedere a un potente database senza fornire meccanismi di controllo e autorizzazione che richiedono loro di controllare gli account. O almeno lasciare che sia la buona volontà delle autorità locali a ideare un meccanismo per la protezione e il controllo del complesso processo fin dall’inizio.

La sensibilità delle informazioni relative ai rapporti bancari, o saldi e transazioni, almeno fino ad ora, suggerisce che l’uso più prudente di questo strumento antievasione è quello di scegliere quelli che hanno l’autorità per accedere ai dati sensibili. La Guardia di Finanza non ha un reale accesso diretto a tali informazioni e deve ottenere il via libera dall’Agenzia delle Entrate. I dirigenti senior molto bassi e super scambiati possono aprire file per vedere entrate e uscite mensili, investimenti finanziari. Stipendi, Libri postali, collezioni e depositi. Le difese ed i meccanismi per prevenire violazioni pericolose sono state studiate da ad ho, ma attualmente le autorità locali non sono prescritte da alcuna legge specifica.

L’articolo 17 del decreto approvato dal governo prevede che i comuni, le province, le regioni e in generale tutti gli enti locali possano accedere solo ai dati anagrafici al fine di “semplificare” il processo di riscossione delle proprie entrate. Fiscale, ma anche per chi è molto sensibile all’archivio dei bilanci.

L’ingresso collettivo delle autorità locali rafforza il “fratello maggiore finanziario” e amplia notevolmente il numero dei soggetti con poteri regolamentari. Mentre lo standard amplia il campo di intervento da un lato, dall’altro non affronta le questioni generali relative ai controlli a monte. Come notato, l’accesso e l’identificazione delle singole autorità con i poteri necessari per ottenere e divulgare informazioni sui conti di interesse per le autorità locali.

Ma chi controlla le politiche? Chi sovrintende alle autorità comunali o regionali? Chi è responsabile del processo amministrativo e degli uffici di caccia per gli evasori fiscali? A tutte le domande occorre rispondere rapidamente per evitare possibili distorsioni e, soprattutto, per garantire i diritti dei contribuenti.

L’ampliamento del perimetro e della disponibilità di informazioni sui rapporti bancari e finanziari italiani dovrebbe infatti adottare misure di sicurezza più stringenti e stringenti per tutelarsi da intrusioni non autorizzate.

Per quanto riguarda il contenuto dell’archivio dei bilanci, va ricordato che negli ultimi tempi è diventato sempre più abbondante e implementato. E oggi, grazie alle coerenti comunicazioni elettroniche effettuate dalle banche Inviare E di tutti gli intermediari finanziari in generale, contiene dati enormi e dettagliati: dall’ammontare delle transazioni ai saldi iniziali, finali e intermedi di ogni singola relazione bancaria contribuente. Un Grande Fratello finanziario può e deve sorvegliare le nostre vite e dovrebbe essere regolamentato per prevenire attività illegali e violazioni.



© Riproduzione riservata

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Galileus Web