Coronavirus, Francia: 8500 nuovi casi e 96 morti. A Parigi occupava il 50% dei posti letto in terapia intensiva

L’allerta cresce Parigi, dove il rianimazione ora sono pieni al 50% e il file governo annuncia il lancio di una nuova versione dell’app di monitoraggio dei contatti. La situazione Covid nel Francia continua a preoccuparsi: dopo i dati di Domenica, in cui più di 16mila nuovi casi e 46 morti, Oggi ho contagio scendono a 8500 (lunedì scorso erano poco più di 5mila). Sono la metà rispetto a ieri e oltre due terzi in meno rispetto a Sabato. Tuttavia, tienilo a mente Lunedi di solito è un giorno di far cadere drastico di cifre a causa del flusso più lento di dati da ospedali e case di riposo nei fine settimana. Invece, il numero di morti è in aumento, 96 più di quelle comunicate ieri, per un totale di 32.825. Il tasso positivo degli assorbenti interni, che solo sabato aveva superato per la prima volta l’11%, raggiunge stasera l’11,8%.

Una percentuale che arriva a 17 in tutto Isola della Francia, ha spiegato il direttore dell’Agenzia sanitaria regionale di Parigi, Aurelien Rousseau. Un fatto, ha precisato, “a cui non siamo mai arrivati”. Solo tra le persone che hanno tra i 20 ei 30 anni, “abbiamo oltre 800 casi positivi su 100mila. Il problema è che la soglia di avviso è cinquanta“, ha continuato. Ma non è tutto, perché da tre giorni” queste cifre sono aumentate molto rapidamente tra gli anziani. Ciò significa che c’è un passaggio del virus tra generazioni e questo è nostro maggiore preoccupazioneLo dimostrano i numeri che arrivano dagli ospedali: l’occupazione di posti letto per la terapia intensiva si avvicina al 50% della capacità.

Ipotesi del coprifuoco a Parigi – Secondo il settimanale Punto, che cita fonti del Consiglio dei ministri, la nuova stretta su cui sta studiando il governo francese Parigi e la regione diIle-de-France, dove le infezioni aumentano in modo esponenziale, è una restrizione serale alla circolazione, in pratica un coprifuoco sul modello del Berlino e Francoforte. I ministri si incontreranno domani nel Consiglio di Difesa all’Eliseo attorno al presidente Emmanuel Macron, per un vertice inizialmente previsto per mercoledì, poco prima dell’intervento televisivo unificato del presidente, luogo ideale per eventuali annunci di restrizioni. Secondo Punto, il governo è ancora molto diviso tra ministero vicino al dipartimento di Saluto, che vogliono assolutamente un file misurare che aggira la difficoltà di prevenire Parigini uscire la sera e affollare i bar e feste private, ed esponenti che credono in una regola come il coprifuoco letale per locali pubblici, bar e ristoranti in particolare.

La nuova app e il discorso alla nazione – Visto l’andamento della pandemia, il premier Jean Castex ha esortato i francesi a non gettare la spugna e ha annunciato una nuova versione dell’applicazione StopCovid, Equivalente francese di Immune, per il 22 ottobre. È stato lui, lo scorso novembre, ad essere oggetto di critiche per aver pubblicamente riconosciuto di non aver mai scaricato la prima versione dell’app anti-Covid. “I francesi – ha detto oggi – hanno ritenuto un po ‘troppo presto che questo virus fosse scomparso”. “La realtà è che il seconda ondata è qui in mezzo a noi ”. Tuttavia, il premier ha assicurato che un “blocco generalizzato deve essere evitato con tutti i mezzi “.

C’è quindi attesa per il discorso alla nazione rispetto al Presidente della Repubblica Emmanuel Macron si tiene mercoledì sera alle 20. È la quinta volta dall’inizio della pandemia che il capo dello Stato ha deciso di parlare a tutti i cittadini. Sempre mercoledì è in programma il Consiglio di Difesa, durante il quale il governo esaminerà “i dati epidemiologici per vedere se sono opportune ulteriori misure restrittive dopo l’inasprimento degli ultimi giorni in diverse città, tra cui Parigi, Aix, Marsiglia, Lione, Grenoble, Saint-Etienne e Lille. Domani anche Tolosa e Montpellier passeranno nella zona di massima allerta.

Paure per l’incontro di Macron con il presidente della Polinesia francese. Positivo – Intanto c’è preoccupazione per le condizioni di salute dello stesso Macron, dopo il presidente della Polinesia francese Edouard Fritch è risultato positivo al Covid tre giorni dopo averlo incontrato. Fritch, 68 anni, ha visto anche il primo ministro Castex, il ministro d’oltremare Sébastien Lecornu e, lunedì 5 ottobre, il ministro degli interni Gérald Darmanin, Papeete. Sabato sera si è sottoposto al test “perché ne aveva un po ‘ temperatura e dolori articolari “. Negativo invece il partner. Quel che è certo è che, prima di arrivare in Francia, era risultato negativo ad un tampone. Il presidente polinesiano sarà in isolamento per sette giorni e la sua condizione “non è preoccupante”. Nei giorni scorsi sono risultati positivi anche diversi ministri del suo governo rimasti Tahiti.

Memoriale al coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo successivo

Coronavirus, Regno Unito: 14mila nuovi contagi, al via le restrizioni. A Liverpool situazione grave: pub e bar chiusi

Il prossimo


Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *