Coronavirus nel mondo: contagi, aggiornamenti e tutte le novità sulla situazione

La pandemia di coronavirus ha fatto 960.000 vittime in tutto il mondo e ha superato i 31 milioni casi confermati di contagio. È quanto emerge dal bilancio del sito della John Hopkins University. Gli Stati Uniti hanno quasi raggiunto le 200mila vittime, è il Paese più colpito seguito da India e Brasile.


La situazione nel mondo: grafici e mappe
La cronologia

Francia, metà dei dipartimenti della “zona rossa”

Oltre la metà dei dipartimenti francesi è ora dichiarata in “zona rossa” a causa dell’allerta coronavirus. In particolare, 50 dipartimenti corrispondenti alla maggior parte del territorio nazionale sono stati dichiarati nella “zona di circolazione attiva del virus”. Una classificazione che consente, tra l’altro, ai prefetti di adottare misure aggiuntive per bloccare l’avanzata del virus.

Per quanto riguarda le scuole, da domani in Francia negli asili nido e nelle scuole elementari non ci sarà più la chiusura sistematica di una classe sotto i tre casi di alunni positivi al Covid-19. Il ministero dell’Istruzione ha precisato che la misura non interesserà le scuole medie e superiori. Se un alunno risulta positivo, i corsi possono proseguire per il resto della classe, non più considerata come una serie di casi a potenziale rischio. Finora, gli alunni che erano stati potenzialmente in contatto con il bambino positivo potevano tornare a scuola solo dopo un test negativo effettuato sette giorni dopo l’ultimo presunto contatto con il partner infetto.

Spagna, nuove severe restrizioni per 850mila madrileni

Madrid si è svegliata in un nuovo semi-confinamento, che durerà due settimane in 37 zone più colpite dalla pandemia. Circa 850.000 abitanti potranno partire solo per andare a lavorare ed effettuare le spese di base, andare dal medico o portare i propri figli a scuola, come ordinato venerdì dal governatore Isabel Diaz Ayuso.

Coronavirus nel mondo, Usa verso 200mila morti. Più della metà della Francia è

Madrid

Le autorità hanno disposto la chiusura dei parchi, mentre negozi, bar e ristoranti devono limitare la capienza dei locali al 50%. Sono consentite riunioni con un massimo di sei persone. Ayuso incontrerà oggi il premier Pedro Sanchez per discutere la situazione.

Germania, Spahn vuole ‘ambulanze per la febbre’

“Ambulanze per la febbre” e test dedicati alle categorie a rischio: questi i punti centrali della nuova strategia del ministro della Salute tedesco Jens Spahn in vista dell’autunno e dell’inverno. Il delegato di gabinetto della CDU Merkel ne ha parlato in un’intervista con Rheinische Post. Nelle ultime quattro settimane è stato effettuato un terzo di tutti i test dall’inizio della pandemia, ha detto il ministro. Ma il virus sta tornando a guadagnare terreno: sabato scorso c’è stato un nuovo record di casi nelle 24 ore da aprile, con 2.297 contagi.

Esperti: Regno Unito al punto di svolta. Johnson valuta il blocco

Il trend dei contagi da coronavirus è tornato negativo nelle ultime settimane, sulla scia di quello di altri Paesi, e l’isola si trova “in un punto critico”. Il capo medico d’Inghilterra e il capo consigliere scientifico del governo britannico, i professori, sostengono Chris Whitty e Patrick Vallance, i consulenti del primo ministro Boris Johnson sull’emergenza Covid, chiamata oggi a lanciare un raro appello diretto alla popolazione durante un briefing per aggiornare la situazione.

Il dilagare della pandemia va ancora “nella direzione sbagliata”, avverte Whitty, prevedendo “un inverno ancora complicato” ed evocando la necessità di osservare più attentamente le precauzioni in vigore senza escludere ulteriori restrizioni.
Secondo Bbc, il premier si appresta a reintrodurre una sorta di blocco parziale esteso a tutta l’Inghilterra indicato nella lingua di Downing Street come “un salvavita” destinato a fermare sul nascere il circolo vizioso dei nuovi contagi.

Stati Uniti, il 69% dei cittadini non si fida del vaccino

Mentre gli Stati Uniti si avvicinano ai 200.000 (199.509) morti di Covid, il segretario alla salute di Donald Trump e un membro chiave della task force sul coronavirus della Casa Bianca hanno difeso la gestione della crisi da parte dell’amministrazione. All’inizio della pandemia, Trump ha detto che mantenere le morti a 100.000 sarebbe “un ottimo lavoro”. La gestione dell’epidemia da parte del presidente è stata in gran parte ridotta, soprattutto dopo le rivelazioni del giornalista Bob Woodward secondo il quale Trump ha ammesso di conoscere la gravità della minaccia sin dall’inizio, ma ha detto di averla minimizzata. Trump è stato criticato questa settimana anche da un ex membro della sua task force, Olivia troye, cosa ha detto:

Se il presidente avesse preso sul serio questo virus … avrebbe rallentato la diffusione del virus. Avrebbe salvato vite

L’entusiasmo di Trump nel promuovere un vaccino corrisponde al suo rifiuto di applicare misure di salute pubblica ai raduni elettorali con l’avvicinarsi del giorno delle elezioni. Il presidente resta indietro Joe Biden nei sondaggi nazionali e nella maggior parte degli stati chiave. Un sondaggio di ABC / Ipsos di domenica ha rilevato che il 69% degli intervistati non si fidava delle affermazioni di Trump su un vaccino. A Giroir è stato chiesto perché Trump stesse “facendo promesse su un vaccino su cui nessuno dei suoi esperti era d’accordo”.

Il premier neozelandese annuncia lo stop alle restrizioni

Il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern ha annunciato la cancellazione di tutte le restrizioni sul coronavirus in Nuova Zelanda dopo che nelle ultime 24 ore non sono stati registrati nuovi casi di Covid. Le misure rimangono in vigore ad Auckland, ma con qualche allentamento. Il Paese ha registrato un totale di 1.464 casi di coronavirus e 25 decessi dall’inizio della pandemia. Bene anche l’Australia, dove lo Stato del Victoria, focolaio della seconda ondata di coronavirus nel Paese, ha registrato il minor numero di casi giornalieri negli ultimi tre mesi ma per il premier Daniel Andrews non è ancora tempo di rilassarsi le restrizioni. Le misure sono state imposte ad agosto quando i contagi giornalieri hanno superato i 700.

India, riapre il Taj Mahal: allontanamento e maschere per i visitatori

Il Taj Mahal, chiuso da marzo a causa del coronavirus, riapre oggi i battenti ai visitatori, nonostante i contagi in India continuino ad aumentare. Ogni giorno si contano in media 100mila casi e mille morti, in totale sono state contagiate 5,4 milioni di persone dall’inizio della pandemia, su una popolazione di 1,3 miliardi di persone. Dopo un grave blocco che aveva messo in ginocchio decine di milioni di persone senza mezzi di sussistenza, il governo di Narendra Modi ha gradualmente riaperto ai viaggi e al commercio.

Coronavirus nel mondo, Usa verso 200mila morti. Più della metà della Francia è

Il Taj Mahal, il mausoleo di marmo bianco di Agra, a sud di Nuova Delhi, è il sito turistico più popolare dell’India e in tempi normali attira sette milioni di visitatori all’anno. In ogni caso, le visite ora dovranno rispettare rigide regole di allontanamento sociale e il numero giornaliero di visitatori sarà limitato a 5mila, un quarto del normale. I biglietti possono essere acquistati solo online e saranno necessari una maschera e un controllo della temperatura.


Barbara Matro

Barbara Matro

Linguista esperto e professionista della comunicazione con esperienza pluriennale lavorando su progetti di copywriting, transcreation, implementazione creativa e localizzazione per una vasta gamma di clienti e agenzie globali. Pensatore creativo, creativo e comprovata esperienza di lavoro sotto pressione con scadenze strette per soddisfare le aspettative del cliente e superarle. Spinto dallo spirito imprenditoriale, dallo scopo e dalla mentalità creativa per anticipare le esigenze del cliente e elaborare strategie personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *