Coronavirus nel mondo: infezioni, aggiornamenti e tutte le notizie sulla situazione

Gli Stati Uniti e il Brasile sono confermati come i luoghi più colpiti dalla pandemia di coronavirus. Gli Stati Uniti hanno subito 148 mila morti, a causa di un forte aumento nelle ultime 24 ore, in cui hanno contato 1.592 morti. Questa è la cifra più alta degli ultimi due mesi e messa. La Johns Hopkins University riporta almeno 4,3 milioni di casi, con un aumento di circa 60 mila unità nell’ultimo giorno. Anche in Brasile l’epidemia non mostra segni di rallentamento, con altre 40 mila nuove infezioni. Qui le autorità sanitarie riportano che il numero totale di infezioni è vicino a 2,5 milioni. Il Ministero della Salute di Brasilia ha anche riferito di 921 morti in più che portano il bilancio a 88.539.

Trump ottimista: “Presto avremo il vaccino, batteremo il virus”

“Batteremo il virus”, “presto avremo il vaccino” e gli Stati Uniti sono pronti a produrre “500 milioni di dosi”. Lo ha detto il presidente Donald Trump durante il briefing della Casa Bianca su Covid-19. Il magnate ha quindi segnalato una tendenza al ribasso delle infezioni “in molte aree degli Stati Uniti” come la California, l’Arizona e il Texas. Ha anche affermato che grazie al Defence Production Act, Kodak si trasformerà in una società farmaceutica e, grazie a un prestito governativo di 765 milioni, inizierà a produrre forniture mediche per 360 persone a Rochester, nello stato di New York. Il presidente degli Stati Uniti ha anche dichiarato di essere soddisfatto della popolarità acquisita dall’immunologo Anthony Fauci: “Lavora per la mia amministrazione, non capisco perché non sono così popolare” sul cronavirus “, sarà il mio personalità”. Trump ha poi ribadito di considerare efficace l’idrossiclorochina, un farmaco che alcuni esperti considerano invece tossico: “Molti credono che abbia successo, altri no. Penso che sia un problema politico. L’ho preso per 14 giorni e sono qui “.

READ  Bielorussia, rilasciati oltre mille manifestanti: denunciati maltrattamenti in carcere. Merkel e Von der Leyen chiedono sanzioni

In Colombia la quarantena si prolungò fino al 30 agosto

Il blocco avviato in Colombia per frenare l’avanzata della pandemia di Covid-19 sarà esteso per un altro mese e durerà fino al 30 agosto. Lo ha annunciato il presidente Ivan Duque. Il paese andino ha registrato oltre 267 mila casi e oltre 9 mila morti. Questa è l’ottava volta che la quarantena viene estesa. Tuttavia, i piccoli villaggi che non hanno un numero significativo continueranno a riaprire, mentre saranno prese misure più drastiche in aree con un numero maggiore di casi. “Dobbiamo tutti capire che durante queste quattro settimane dobbiamo continuare a fare il massimo sforzo per proteggerti”, ha detto Duque.


Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *