Coronavirus, oltre 6mila contagi nel Regno Unito. La Francia supera i 10mila. Spagna, 241 morti in 24 ore. Nuovo record di casi in Israele

I nuovi casi di coronavirus aumentano Gran Bretagna, dove da giovedì il nuove restrizioni annunciato da Boris Johnson. Secondo i dati diffusi dal governo, 6.178 persone sono risultate positive nelle ultime 24 ore, contro le quasi 5mila di ieri. Un numero che segna il record da maggio scorso. A queste cifre si aggiunge quello delle vittime: 37 nell’ultimo giorno.

Leggero calo dei numeri Germania, mentre continuano a salire contagi dentro Francia che, dopo un weekend di cifre inferiori, torna a contare più di 10mila (10.008) nelle ultime 24 ore. Numeri a cui si aggiunge un aumento di deceduti, 68 in più rispetto a ieri, per un totale di 31.416 dall’inizio dell’epidemia. Il tasso di test positivi è salita per la prima volta oltre il 6%, raggiungendo il 6,1%. Cattive notizie da Spagna dove in un giorno si sono registrati 241 vittime, il numero più alto dall’inizio della seconda ondata. Altri 16 distretti nella regione di Madrid rischiano anche di finire semi isolati.

Nuovo record di infezioni in Israele, dove nelle ultime 24 ore il ministero della Salute ha segnalato 6.861 casi contro quasi 60mila esami, con un tasso di morbilità di poco inferiore al 12%. Al momento sono ricoverate negli ospedali 1.352 persone, 668 delle quali gravemente ammalate. Nel fine settimana si prevede di superare 800 casi, limite massimo per gli ospedali.

La curva il contagio preoccupa anche Montenegro, il peggior paese di Balcani rispetto alla diffusione di SARS-CoV-2. Nel frattempo, sette mesi dopo la prima vittima a fine febbraio, il stati Uniti hanno superato i 200mila morti (200.182),

Stati Uniti d’America – Hanno il più alto numero di vittime al mondo (circa 70mila in più del Brasile, al secondo posto), nonché una delle figure peggio su base pro capite. Anche se gli Stati Uniti contano meno di 5% della popolazione mondiale, rappresentano circa il 20% del morto noto per il virus. Il paese è anche un leader mondiale nel numero di quasi confermato, raggiungendo oltre 6,8 milioni, seguito da India (5,5 milioni) e Brasile (4.5). Per Johns Hopkins, le vittime globali sarebbero 966.152, mentre i casi di infezioni 31.389.682.

Balcani – La curva di contagio è mantenuta alta Montenegro, che nelle ultime settimane è diventato uno dei principali focolai di coronavirus nel Balcani. Gli ultimi dati di 24 ore rappresentano 296 nuovi casi su 749 test effettuati, con altri otto decessi. Il Montenegro, che conta appena 620mila abitanti, lo scorso giugno aveva dichiarato finita l’epidemia dopo un periodo di 28 giorni consecutivi di zero casi e zero morti, ma ora risente di una forte ripresa dei contagi come gli altri paesi della regione.

Nel Romania, dopo il calo di ieri, il numero dei contagi è tornato sopra il mille, per la precisione 1.059 in 24 ore, con il totale che sale a 114.648. Da ieri ce ne sono stati altri 45 mortiportando il numero delle vittime a 4.503 dall’inizio dell’epidemia. Anche in Bosnia Erzegovina il tasso rimane alto infezioni, con 215 nuovi casi in 24 ore e altri 14 decessi, in Bulgaria 151 infezioni e quattro decessi sono stati registrati, in Croazia 144 casi e due morti. I numeri più piccoli a due cifre sono registrati in Slovenia con 88 infezioni, in Kosovo che ha registrato 66 nuovi casi da ieri, e Serbia con 61 infezioni. In nessuno di questi tre Paesi ci sono state nuove morti da ieri.

Memoriale al coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Germania, allarme peste suina africana: muro elettrificato al confine con la Polonia per fermarlo

Il prossimo


Articolo successivo

Londra, la città svuotata di Covid. Metropolitana semideserta, niente turisti e assorbenti impossibili. Ma la vita notturna è senza maschere

Il prossimo


Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *