Coronavirus, ultime notizie. Germania, calo del PIL rivisto: da -6,7% a -5,2%. Spagna, governo a Madrid: movimenti limitati. Johnson: lavora da casa

Germania: Ifo, ripresa migliore del previsto, rivede il PIL 2020 a -5,2% da -6,7%

La Germania sta vivendo una “ripresa migliore del previsto” e la contrazione del PIL quest’anno sarà “più lieve” del previsto. Il Paese registrerà quest’anno una contrazione del 5,2%, secondo le previsioni dell’Istituto Ifo che nell’estate aveva previsto un calo del 6,7%. “Il calo del secondo trimestre è stato inferiore a quello che avevamo temuto e l’attuale ripresa sta procedendo meglio di quanto ci aspettassimo”, afferma Timo Wollmershauser, responsabile delle previsioni di Ifo. Tuttavia, il PIL, nota Ifo, non raggiungerà il livello pre-crisi fino al quarto trimestre del 2021. Il tasso di crescita medio annuo nel prossimo anno sarà quindi del 5,1% invece del 6,4% previsto e la ripresa proseguirà nel 2022 con un PIL che continuerà a crescere a un tasso superiore alla media dell’1,7 per cento. “Il grado di incertezza nelle nostre previsioni è enorme perché nessuno sa come si svilupperà la pandemia di coronavirus, se dopo tutto ci sarà una dura Brexit e se le guerre commerciali saranno risolte”, avverte Wollmershauser.
Il numero di disoccupati passerà da una media di 2,3 milioni l’anno scorso a 2,7 milioni quest’anno. L’anno prossimo scenderà a 2,6 milioni e poi a 2,5 milioni nel 2022. In termini percentuali, quest’anno la disoccupazione aumenterà dal 5% al ​​5,9%; Scenderà al 5,7% nel 2021 e al 5,5% l’anno successivo.

Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *