Datome e Hines piegano Cantù

Il ritorno del basket italiano è una passerella per l’Olimpia Milano, e Gigi Datome (4/5 da 3) e Kyle Hines sono i grandi protagonisti del dominio su Cantù. Ettore Messina rinuncia a Shields, LeDay e Roll ma controlla il match dal parziale di 10-0 del secondo quarto, dove mette in mostra anche Davide Moretti.

Il gioiello azzurro piazza 8 punti nel primo quarto e chiude in doppia cifra, mentre Cantù respira solo in avvio con gli sfoghi di Jaime Smith e spera nel buon atletismo di Kennedy, che vale anche un ottimo rimbalzo (30-36 con 13 offensive ). Ma l’Olimpia Milano, anche in termini di stazza, è un muro. E l’Acqua San Bernardo non può che colpirci.

101-71 la finale dell’anticipo del sesto girone del girone A della Supercoppa.

QUINTETTI INIZIALI

Milano: Delaney, Punter, Micov, Brooks, Hines
Cantù: Smith, Woodard, Pecchia, Thomas, Kennedy

1a CAMERA

Ettore Messina senza assistente Mario Fioretti, e che rinuncia a LeDay, Shields and Roll. Il primo canestro della ripresa del basket italiano è di Woodard, il primo a Milano è una tripla di Punter, che poi esce per 2 falli. Fiammata di Cantù con 6 punti di Jaime Smith (canestro e fallo più tripla), risposta di Davide Moretti con 8 punti di grande personalità e parziale Olimpia di 10-0. 26-18 alla fine del primo quarto.

2a CAMERA

L’Olimpia Milano domina con un parziale di 15-5 nei primi 5 ‘del quarto con il massimo vantaggio di 41-23 a 5.19. Dopo la tripla al via di Leunen, il Cantù di Pancotto sembra andare a sbattere contro il muro del Milan di Ettore Messina. Protagonista Kyle Hines, 10 + 4, e Datome, 11 con due triple in finale. Per Cantù 13 di Smith.

3a CAMERA

Terzo quarto in cui l’Olimpia Milano aggiorna i massimi vantaggi con il 59-40 di Hines a 8.01, il 70-47 di Datome (4/5 da 3) e Punter dall’arco a 4.03, e il 74-49 di Tarczewski a sostegno di 2.14. In campo si vede anche Davide Moretti, spettatore nel secondo quarto dopo gli 8 punti del primo: per lui una tripla del 78-54 al termine del terzo quarto.

4a CAMERA

Passerella finale in cui Messina tocca anche il quintetto con Delaney, Punter, Moretti, Hines e Biligha, e Cantù conferma l’ottimo dinamismo del rimbalzo con dati incoraggianti. A 3.41 arriva il +27 (91-64)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Galileus Web