dettagli su ambienti, boss e nemici – Nerd4.life

Resident Evil Village è il protagonista di un’altra presunta perdita, con una serie di dettagli che sono emerse nelle ultime ore e riguardanti la modalità VR e informazioni su posizioni, boss, nemici, armi e altro, anche se come sempre sono voci, anche se la fonte si è dimostrata affidabile in passato.

Le informazioni provengono sempre da Rely on Horror, che recentemente è diventato un punto di raccolta di informazioni relative a Resident Evil Village, ampiamente confermato dall’annuncio e dal trailer mostrati durante l’evento di presentazione PS5, quindi per questo lo prendiamo in considerazione, anche se con un mille precauzioni. Questi sono i dettagli emersi da a playtest frequentato da alcuni utenti, che poi diffondono le informazioni, o almeno così segnalano il sito.

Sono tutte informazioni molto vaghe e senza caratteristiche narrative di grande peso, in ogni caso ci sono descrizioni di alcuni scenari e una lotta contro un boss che può ancora rappresentare spoiler per quelli più sensibili all’antipatia.

Quanto a me nemici, il pezzo si riferisce a quelli presenti in una certa area testati da alcuni addetti ai lavori, con creature che appaiono pallide, con pelle quasi marcia, con tatuaggi sulla fronte e sulle mani e alcune con qualche forma di armatura che può essere rimossa colpendole. Parlano una lingua strana e alcuni portano armi come spade, asce e lance, possono saltare, afferrare e mordere oltre ad attaccare con le armi e possono lanciare il protagonista a terra, le sequenze classiche con schiacciamento dei pulsanti sono anche previste per districarsi stessi dalle stive.

Questi nemici si trovano all’interno di una sequenza che si svolge in senso lato castello che si affaccia sulle vicinanze del villaggio, con ambienti bui e con alcuni enigmi, come la necessità di trovare le chiavi per avanzare.

READ  Huawei sfida lo Z Fold 2 con colpi di stilo con il Mate X2 e pensa a un display sul retro

La lotta contro un boss era presente anche nel playtest, che sembra corrispondere alle caratteristiche del “strega“precedentemente riportato, una presenza persistente lungo il gioco, in grado di trasformarsi in uno sciame di insetti, appare e scompare con una risata inquietante. Questo personaggio apparentemente si chiama Olga e l’incontro all’interno di una stanza del castello ingaggia una lotta contro un boss.

In questo, i giocatori devono raccogliere una torcia e usarla per tenere lontani gli insetti e per scoprire Olga e colpirla, dopo alcuni colpi questo si trasforma ulteriormente in una specie di gigantesco insetto semi-umano, in particolare chiedendo di essere ucciso. La lotta terminò la demo testata nel playtest.

Venire Armi, nella demo era possibile usare una pistola, un fucile da caccia e un pugnale (apparentemente non soggetto a deterioramento), mentre alcuni oggetti presi dall’ambiente circostante possono essere utilizzati per gli attacchi in mischia.

La misteriosa vecchia signora che è anche vista nel trailer di Resident Evil Village non sarebbe un nemico ma un tipico NPC mercante, da cui acquistare o vendere oggetti, oltre a ottenere informazioni utili, probabilmente qualcosa di simile al mitico commerciante di Resident Evil 4. A questo proposito, il gioco contiene una valuta interna, denaro che viene utilizzato per acquistare armi, potenziamenti e munizioni.

Infine, sembra esserci la conferma (ma sempre in modo assolutamente non ufficiale) che il gioco sta arrivando anche nella realtà virtuale, probabilmente ancora una volta su PlayStation VR, poiché si parla di un annuncio “quando Sony è pronta”, che suggerisce una possibile connessione con PSVR 2, nel caso esista.

Dalla demo è anche chiaro che il gioco è ancora completamente in corso, data l’assenza di alcuni elementi sostituiti dai segnaposto, anche se è difficile confermare l’idea che lo sviluppo è al 60%, come riportato in passato. Per il resto, non ci sono conferme sull’arrivo del prossimo trailer ad agosto, come riportato ieri, ma restiamo in attesa di eventuali sviluppi.

READ  Huawei sfida lo Z Fold 2 con colpi di stilo con il Mate X2 e pensa a un display sul retro

Antonia Angelo

Antonia Angelo

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *