È così che i nostri cari vogliono che ricordiamo George Floyd

E mentre molti ora conoscono il nativo di Houston con il suo nome completo, quelli che lo conoscevano meglio lo chiamavano Floyd.

Ha lavorato in sicurezza in un ristorante dove ha sviluppato la reputazione di qualcuno che Mi sono voltato le spalle ed ero lì per te quando eri depresso.

“Sapendo che mio fratello sta amando mio fratello”, ha detto martedì alla Philnise Floyd, il fratello di George, Don Lemon della CNN.

Floyd, 46 anni, è morto lunedì nella città in cui si è trasferito per una vita migliore, i suoi ultimi momenti catturati in video. Durante l’arresto, Floyd è stato trattenuto per un ginocchio da un ufficiale di polizia di Minneapolis. Il video mostra Floyd supplicando che sta soffrendo e non riesce a respirare. Quindi chiuse gli occhi e i motivi cessarono. Fu dichiarato morto poco dopo.

Quel funzionario, Derek Chauvin, è stato arrestato venerdì e ha accusato omicidio e omicidio colposo di terzo grado, secondo il procuratore distrettuale della Contea di Hennepin Mike Freeman.

Era un ragazzo allenabile con un grande cuore.

Floyd è cresciuto nel quartiere di Houston Ward e si è diplomato alla Jack Yates High School, dove ha giocato a calcio e basket, secondo l’affiliata della CNN. KPRC.

Dopo il liceo, il capo allenatore di basket George Walker reclutò Floyd per giocare al South Florida State College di Avon Park, in Florida. Floyd è stato uno studente lì dal 1993 al 1995, Walker ha detto alla CNN.

“Non mi ha dato troppi problemi come allenatore di basket”, ha detto Walker. “Era un atleta piuttosto bravo, con una media di 12-14 punti a partita.”

George Floyd # 5, (a sinistra) con altri compagni di squadra e il suo allenatore, George Walker (all'estrema destra)

Floyd era un ragazzo allenabile con un grande cuore, secondo la moglie di Walker, Gloria.

Di tutti gli atleti del college nella squadra della scuola, ha detto che Floyd aveva la sua massima attenzione “perché era solo una persona divertente”.

“Non è mai stato uno che ha cercato di incolpare gli altri per i propri errori”, ha detto. “Li ha sempre riconosciuti e ha sempre cercato di fare di meglio.”

Stavo cercando di essere un padre migliore.

Il Si trasferì in Minnesota per lavorare e guidare camion, secondo il suo amico ed ex giocatore della NBA Stephen Jackson.

Jackson, anch’egli nativo di Houston, chiama Floyd il suo gemello.

“Ho ascoltato George negli ultimi giorni più di quanto abbia mai sentito, e abbiamo avuto una relazione di oltre 21 anni”, ha detto Jackson a Poppy Harlow della CNN giovedì. “Il suo nome era sempre Floyd, il mio gemello.”

Floyd era noto nella comunità come protettore e fornitore che non aveva un osso odioso nel suo corpo, secondo Jackson. Andava d’accordo con tutti e raramente voleva qualcosa in cambio dell’aiuto a qualcuno, disse Jackson.

“La differenza tra me e mio fratello era che avevo più opportunità di lui”, ha scritto Jackson, che ha vinto un campionato con i San Antonio Spurs nel 2003. “Due cose che abbiamo in comune, sia dal basso che da entrambi, vivranno per sempre”.

Una volta che Floyd si trasferì nel Minnesota, Jackson disse che Floyd parlava molto del suo viaggio per creare opportunità migliori per se stesso.

L'ex ufficiale di Minneapolis che si inginocchiò al collo di George Floyd è sotto custodia e accusato di omicidio.

“L’ultima volta che ho parlato con lui è stato circa un anno fa, e ogni conversazione che abbiamo avuto quell’anno riguardava il miglioramento di noi stessi e l’essere genitori migliori”, ha detto Jackson. “È tutto ciò di cui ha parlato.”

Floyd è il padre di due figlie, la più piccola ha 6 anni, secondo Jackson.

“Voglio giustizia per i tuoi figli”, ha detto. “Voglio che si prendano cura dei loro figli. Il loro padre non è qui.”

Jackson promette di sostenere i figli del suo amico e di “sostituire Floyd” e ha detto che vuole assicurarsi che siano curati.

A Houston, Rose Hudson, che ha frequentato Floyd più di 20 anni fa, ha detto all’affiliata della CNN KTRK che lei e Floyd avevano una figlia che ora è la madre di un bambino.

“Mia figlia ha dovuto vedere suo padre essere ucciso in diretta televisiva”, ha detto Hudson.

Floyd non aveva incontrato sua nipote di 3 anni, secondo Hudson.

“Gli farò solo sapere che era un ragazzo eccezionale”, ha detto. “Era un buon padre per le sue figlie. Ho solo ricordi, questo è tutto ciò che posso dargli, ricordi di suo nonno.”

Floyd ha lavorato in sicurezza presso il Conga Latin Bistro a Minneapolis per cinque anni, secondo il suo proprietario, Jovanni Thunstrom.

Sebbene fosse un dipendente di Thunstrom, la coppia era anche amica.

“Era amato da tutti i miei dipendenti e dai miei clienti”, ha detto Thunstrom alla CNN.

“Stavo guardando il video e ho detto che non poteva essere Floyd, ma poi è esploso. Era Floyd. Ed è allora che mi ha colpito, mi ha colpito duramente”, ha detto Thunstrom alla consociata della CNN. WCCO.

Floyd avrebbe aiutato a ripulire dopo la chiusura del bar ed era un “ragazzo molto gentile e molto buono con i clienti”, secondo Thunstrom.

“Ha difeso le persone, era lì per le persone quando erano depresse, amava le persone che venivano buttate fuori”, ha detto a WCCO Courteney Ross, l’altra metà di Floyd. “Abbiamo pregato durante ogni pasto, abbiamo pregato se ci stessimo divertendo, abbiamo pregato se ci stessimo divertendo”.

Anche le persone che non conoscevano Floyd sono indignate

La rabbia per la morte di Floyd va oltre la sua famiglia e i suoi amici. Diverse celebrità hanno reagito all’incidente sui social media.

Il giocatore dell’NBA LeBron James ha condiviso una foto fianco a fianco su Instagram. Per uno, puoi vedere uno screenshot dell’incontro tra Floyd e la polizia. Nella foto a sinistra puoi vedere il ginocchio di un ufficiale di polizia del Minnesota sul collo di Floyd. Nella foto a destra c’è un’immagine del quarterback di San Francisco 49ers Colin Kaepernick, in ginocchio. protesta durante l’inno nazionale per una partita di calcio di preseason nel 2016.

All’epoca, Kaepernick aveva affermato che non avrebbe onorato una canzone o “mostrato orgoglio in una bandiera per un paese che opprime i neri e le persone di colore”.

Il post di James è accompagnato dalla didascalia “Capisci ORA? !!? O SEI ANCORA ELIMINATO PER TE ???”

La sua famiglia crede che la polizia non abbia fatto abbastanza per aiutarlo.

La Guardia Nazionale del Minnesota ha attivato più di 500 soldati a St. Paul, Minneapolis e nelle comunità circostanti a causa dell’aumento delle proteste nell’area, secondo un tweet di giovedì sera.
Si sono verificate proteste e sono in corso in città come Minneapolis, St. Paul, Phoenix, Denver, Louisville, Memphis e Columbus.
4 agenti di polizia di Minneapolis hanno sparato dopo che il video mostrava un inginocchiato sul collo di un uomo nero che in seguito morì

Alcune proteste sono state pacifiche, mentre altre sono state distruttive.

Sebbene i quattro ufficiali di Minneapolis coinvolti nella morte di Floyd furono licenziati, i membri della sua famiglia dissero che non era abbastanza. Vogliono vedere tutti gli ufficiali accusati di omicidio.

“Dovevano essere lì per servire e proteggere e non ho visto nessuno di loro alzare un dito per fare qualcosa per aiutare mentre chiedevano la vita. Nessuno di loro ha cercato di fare qualcosa per aiutarlo.”, Tera Brown, cugina di Floyd, disse a CNN’s Lemon.

Omar Jiménez, Christina Maxouris, Josh Campbell, Melissa Alonso, Ray Sánchez, Joe Sutton e Artemis Moshtaghian della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *