Ecco le domande chiave per la borsa in arrivo nella seconda metà dell’anno

La prima metà dell’anno 2020 è quasi qui e i tori sono stanchi dopo aver scatenato un ritorno furioso per restringere quello che era un deficit profondo dopo il primo trimestre.

La fatica era prevedibile dopo il miglior sprint di 11 settimane nella storia del mercato, con un guadagno del 44% nell’S & P 500 dal 23 marzo all’8 giugno. E in circostanze normali, le azioni hanno restituito un sesto di un rally a testa alta, come il L’indice ha le ultime tre settimane, sarebbe considerato assolutamente di routine. E, probabilmente, è un pullback di routine se inquieto.

Ma molto poco di quest’anno è stato tipico, anche se alcuni ritmi sono familiari. In un anno normale, l’S & P 500 essendo in calo del 6% a metà strada, gli investitori chiederanno “Cosa è andato storto?” piuttosto che “Perché non è molto più basso?” E in effetti non è troppo comune per il mercato essere seduto su tali perdite vicino a metà anno.

Ecco il corso del 2020 dell’S & P 500 contro il percorso dei soli tre anni degli ultimi 16 in un punto simile a questo punto: un anno in cui un mercato orso macinante è diventato catastrofico (2008); l’anno successivo (2009), quando iniziò un potente nuovo mercato rialzista dopo il minimo culminante di marzo; e un terzo (2010) quando le preoccupazioni per una debole ripresa e l’indigestione del debito hanno causato il primo controllo dell’intestino di quello che sarebbe diventato un trend rialzista lungo un decennio.

(Fonte: MacroTrends)

Naturalmente, la traiettoria della pandemia di Covid e gli adattamenti dei consumatori e degli affari ad esso saranno il principale motore di come i mercati agiscono da qui.

READ  US Air Force F-16 nella base del New Mexico, pilota ferito

Domande chiave per la seconda metà

Ma in termini più specifici del mercato, il modo in cui vanno le cose nei prossimi mesi si riduce ad alcune domande chiave:

  • Questo mercato può continuare ad agire come una fase rialzista (o completamente rinnovata), con ampia forza, leadership ciclica e capacità di guardare attraverso la lotta economica a breve termine?
  • Quanto ci si può aspettare di più dai costosi golia di titoli in crescita nel far avanzare gli indici mentre gli investitori aspettano che la ripresa prenda piede?
  • C’è ancora abbastanza denaro e cautela nel mercato per tamponare il rovescio della medaglia e servire da carburante per inseguire i rally nei prossimi mesi?

Il potente raduno marzo-giugno ha segnato molte delle scatole per coloro che cercano di certificare minimi e recuperi di mercato importanti e durevoli. La persistenza degli aumenti di prezzo, l’ammontare delle perdite recuperate in breve tempo e la rara ampiezza delle scorte che mostravano uno slancio estremo avevano strateghi tecnici che lo definivano un mercato rialzista. I forward ritornano dopo il tipo di affondo verso l’alto che abbiamo visto a giugno sono, storicamente, forti nei successivi 6-12 mesi, ma a breve termine spesso portano a ridimensionamenti e instabilità.

Nel corso delle ultime tre settimane, il titolo mediano sul mercato è sceso di circa il 12% e le principali attività di ripresa del settore dei servizi nelle compagnie aeree, negli hotel, nei casinò e nei rivenditori sono scese del 20% o più rispetto ai massimi di inizio giugno, poiché gli investitori sono stati costretti ripensare le ipotesi per un riavvio forte e lineare dell’economia una volta che il “passaggio libero” della Street si è avvicinato alla scadenza.

READ  US Air Force F-16 nella base del New Mexico, pilota ferito

Per gran parte del mese di giugno, i settori ciclicamente orientati sono diminuiti mentre i titoli di crescita difensiva hanno tenuto insieme le cose. E un problema con l’idea di un nuovo mercato rialzista è che nessun eccesso di valutazione è stato cancellato dalle azioni. Sinceramente, è stato più un incidente guidato da eventi mitigato da un travolgente e rapido salvataggio delle politiche. Le scorte non sono mai state per un momento economiche, né i bilanci sono stati ripuliti sotto alcun aspetto.

In questo momento, la borsa S&P 500 mediana viene negoziata con utili a termine 20 volte – costosi in astratto, perdonabili se il crollo degli utili è breve, giustificabile in gran parte solo rispetto ai costi compressi del debito societario.

Il che ci porta alla domanda su cosa si può chiedere di più ai leader della crescita mega-cap, i cinque più grandi ora quasi un quarto dell’S & P 500. Questo gruppo non è stato risparmiato il modesto selloff della scorsa settimana, gli aumenti seriali del prezzo delle azioni di gli analisti di Apple e Amazon non riescono a generare un nuovo impulso per gli investitori a impegnare nuovi soldi in modo aggressivo. Per ora, almeno.

Mentre queste piattaforme digitali vincenti sono state celebrate come consolidanti il ​​loro dominio nell’economia on-demand a domicilio, il mercato le tratta principalmente come fonti di flussi di cassa scarsi e durevoli simili a obbligazioni con un potenziale di rialzo dei prezzi.

Ecco il rendimento del flusso di cassa libero del Nasdaq-100 rispetto ai rendimenti dei titoli del Tesoro, del debito societario di alto livello e del rendimento da dividendi S&P 500 negli ultimi cinque anni. Tutti compressi lungo una curva simile.

READ  US Air Force F-16 nella base del New Mexico, pilota ferito

Questo significa che questo gruppo di azioni avrebbe difficoltà a mantenere il suo valore in un ambiente con rendimenti obbligazionari più elevati? Sembra forse uno scenario che vale la pena anticipare a questo punto?

Per quanto riguarda l’offerta di liquidità e cautela, per la maggior parte delle misure è abbastanza ampio da impedire ai pullback azionari di crescere troppo in profondità o in modo disordinato per ora. Le misure di posizionamento degli hedge fund e le tradizionali esposizioni istituzionali suggeriscono che i professionisti non sono sovracompresi in azioni con strategie a leva o momentum.

Lo stratega azionario di Citi Tobias Levkovich Friday ha pubblicato i risultati di un nuovo sondaggio tra i gestori di fondi istituzionali che rivela una notevole diffidenza. Hanno mantenuto livelli di cassa due volte superiori alla media a lungo termine, la maggior parte delle previsioni sui profitti aziendali del 2021 sono troppo elevate, solo un terzo pensa che l’S & P tornerà ai livelli di inizio giugno sopra i 3200 entro la fine dell’anno e, quando gli è stato chiesto se un mercato del 20% calo o aumento del 20% era più probabile, il 70% dei manager ha scelto un calo del 20%.

Questo tipo di cautela è un vantaggio per il mercato, se non un catalizzatore automatico per l’S & P per tornare ai massimi di giugno – che, dopo tutto, siedono su un’isola in classifica un rialzo del 7,5% da qui mentre i giorni scorrono fino al primo tempo.

Camila

Camila

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *