Ekow Eshun: Perché è così importante essere un artista africano?

Ekow Eshun è uno scrittore, emittente e curatore britannico. Tutte le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore.

L’arte africana sta vivendo un momento alla moda. Le persone sono molto interessate a lui, ma c’è ancora una sensazione che l’Africa e l’arte africana siano una sorta di “altro” esotico che si trova alla periferia e non è al centro dei dialoghi e dei dibattiti. Tuttavia, è più importante che mai affermare la posizione dell’Africa come luogo che ha qualcosa di significativo da dire.

C’è una tendenza storica a immaginare l’Africa sull’orlo della storia, della conversazione culturale e degli affari globali. Ma in tutto il continente c’è un potente scambio di idee su chi siamo e come viviamo, che non è stato veramente riconosciuto in tutto il mondo.

Questo sta cambiando. Quest’anno il Ghana ha fatto il suo debutto nel Biennale di Venezia, l’evento più importante nel mondo dell’arte, con una selezione stellare di artisti. Momenti come questo cambiano la narrazione, da una posizione di eccezionale alterità a un luogo in cui gli artisti africani sono pienamente coinvolti nel dialogo dell’arte contemporanea.
Il lavoro di John Akomfrah nel padiglione del Ghana, a cura di Nana Oforiatta Ayim e progettato da David Adjaye, alla 58a Biennale di Venezia.

Il lavoro di John Akomfrah nel padiglione del Ghana, a cura di Nana Oforiatta Ayim e progettato da David Adjaye, alla 58a Biennale di Venezia. Credito: Per gentile concessione di David Levene.

Il lavoro di artisti come artista di installazione britannico-nigeriano Yinka Shonibare e il regista nato ad Accra John Akomfrah mostrano un fascino per le narrazioni di storia, memoria, luogo, identità e razza. Sono interessati a ripetere e ripetere la storia del ruolo dell’Africa e dei popoli africani sulla scena internazionale. Al centro della sua ricerca c’è il desiderio di presentare l’Africa in un modo nuovo, abbattendo storie e finzioni frequenti per raccontare nuove storie, di possibilità e apertura sull’Africa.

Yinka Shonibare: ‘L’arte dovrebbe iniziare la conversazione’

Non è il ruolo degli artisti, che si tratti di musica, design, architettura o moda, rappresentare una versione autentica dell’Africa. Il loro ruolo è quello di espandere le nostre aspettative e le nostre idee su ciò che l’Africa può essere.

L’Africa è un luogo di molteplicità. Puoi stare in un angolo di una certa città, ad esempio a Dakar, Lagos o Accra, e vedere diverse influenze, culture, colori e motivi che provengono da tutto il mondo. Questo è ciò che senti in musica. Questo è ciò che vedi nei film. Questo è ciò che vedi menzionato anche nell’arte. L’Africa non è una parte separata del mondo.

Alcune persone sostengono che non dovremmo considerare gli artisti africani come artisti africani, che dovremmo pensare a loro come artisti del mondo. Personalmente non lo compro.

“Scramble for Africa” ​​di Yinka Shonibare (2003) Credito: Per gentile concessione di Yinka Shonibare / Stephen White / Guggenheim Abu Dhabi

Penso che l’errore che facciamo sia assumere che se sei un artista dall’Africa, il tuo compito è quello di rappresentare fedelmente l’Africa ad esclusione di qualsiasi altra cosa.

Il tuo lavoro, per così dire, è quello di essere un artista africano, vale a dire solo che hai lo spazio, la libertà, il lusso, la possibilità di uscire dall’Africa e fare di quel lignaggio e quell’eredità ciò che vuoi e presentare L’Africa non come una proposta fissa, ma come uno stato di possibilità.

Antonia Angelo

Antonia Angelo

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *