Esteban Granero, ex star del Real Madrid, usa la sua compagnia di intelligenza artificiale per combattere il coronavirus in Spagna

Sebbene Olocip fornisca in genere analisi predittive nello sport, recentemente è stato fondamentale per i tentativi della Spagna di ridurre al minimo l’impatto del coronavirus.

Se la mente analitica di Granero è stata contenta di vederlo per tutta la sua carriera come centrocampista del metronomo, è qualcosa che lo spagnolo ritiene abbia aiutato la sua improbabile transizione da giocatore a imprenditore AI.

“Il punto chiave è l’anticipazione”, afferma. “Questo è qualcosa che accade a un centrocampista sul campo, cercare di anticipare cosa accadrà alla prossima giocata è molto importante”.

“Sono i migliori da anticipare, governano il gioco e l’intelligenza artificiale, poiché sappiamo che si tratta di anticipazione, cercando di fare previsioni per vedere il futuro in un modo molto realistico prima che accada, in modo da poter prendere decisioni sul palco con meno incertezza.

“Pertanto, l’anticipazione è la chiave del processo decisionale nei club del settore, ma anche in problemi di salute come questa pandemia e, ovviamente, sul campo quando sei un calciatore”.

Esteban Granero celebra dopo aver vinto la Copa del Rey contro il Barcellona nel 2011.

Il 32enne, che attualmente gioca per la squadra della terza divisione di Marbella, ha dedicato quasi ogni secondo del suo tempo libero negli ultimi cinque anni allo sviluppo della sua compagnia.

Granero ha fondato Olocip mentre giocava con Real Sociedad per colmare quello che vedeva come un gap di analisi dei dati predittivi nel calcio; dati che aiutano i club, ad esempio, a valutare più precisamente come funzionerà un nuovo trasferimento in futuro.

Tuttavia, dall’inizio della pandemia di coronavirus, la società ha spostato tutte le sue risorse dal concentrarsi sul calcio all’aiutare a combattere l’epidemia in rapida diffusione.

Così apprezzato è il lavoro che Olocip svolge, grazie in gran parte al lavoro di Concha Bielza e Pedro Larranaga, che Granero descrive come “due dei migliori scienziati di intelligenza artificiale in Europa”, che il governo spagnolo e il governo locale In ogni una delle regioni autonome della Spagna, ci siamo rivolti a loro per l’orientamento.

Il dott. Antonio Salmerón, un collega scienziato di dati e responsabile della matematica presso l’Università di Almería, afferma che i modelli di Olocip sono preziosi, in quanto non solo sono creati utilizzando i dati, ma incorporano anche la conoscenza di esperti umani.

“Sorprendentemente, Olocip enfatizza i modelli prescrittivi, nel senso che non solo sono in grado di rilevare potenziali problemi, ma forniscono anche indicazioni per il loro trattamento”, ha detto alla CNN. “Ciò è particolarmente interessante negli aspetti della medicina dello sport.

Granero ha trascorso gran parte degli ultimi cinque anni a sviluppare Olocip.

“Ho seguito i progressi compiuti da Olocip dall’inizio del [coronavirus] crisi e hanno adattato i loro modelli per prevedere l’evoluzione della malattia, con buoni risultati: ha un’ottima reputazione in Spagna, con scienziati e analisti di dati di prim’ordine “.

L’analisi di Olocip ha aiutato a prevedere come il virus si diffonderà in tutto il paese e quali aree saranno maggiormente colpite, consentendo di prendere decisioni su dove spostare le risorse “prima che il sistema si blocchi”, quando sollevare le restrizioni di blocco ed essere meglio preparati per future pandemie.

“Penso che i nostri modelli siano i migliori che possiamo trovare sulla pandemia”, dice Granero alla CNN dalla chiusura della sua casa a Marbella. “È già stato utilizzato dalle istituzioni e ci è stato chiesto in diversi paesi, non solo in Spagna, quindi siamo felici di aiutare.

“Quando un problema è così grande, un problema globale e riguarda le persone anziane e le persone con vulnerabilità, è tua responsabilità fare del tuo meglio per cercare di aiutare, questo non è affatto eroico”.

“Penso che gli eroi siano negli ospedali per curare i pazienti e rischiare la vita e stiamo facendo del nostro meglio per fare questa previsione, questa è la nostra specialità”.

Luce alla fine del tunnel

Dopo essere stato contattato da un amico che ha fondato la piattaforma “Stop Corona”, Granero ha iniziato a concentrarsi sulla pandemia quando la Spagna ha dichiarato lo stato di emergenza il 13 marzo.

Sebbene la Spagna abbia già superato l’apice della sua pandemia, il modello Granero afferma che era il 4 aprile, è stato uno dei paesi più colpiti dall’epidemia di coronavirus.

La Spagna ha registrato oltre 232.000 casi confermati, il quarto più alto al mondo e 27.888 decessi. Tuttavia, ora c’è luce alla fine di quello che è stato un tunnel devastante.

Dopo sette settimane di blocco più severo in Europa, le restrizioni erano leggermente allentate all’inizio del mese, poiché gli spagnoli erano finalmente autorizzati a uscire per un esercizio limitato.

In questo scenario senza precedenti e in continua evoluzione, Olocip ha fornito gratuitamente tutte le sue analisi dei dati.

“Non si tratta sempre di profitto”, afferma Granero. “Non abbiamo raccolto un centesimo con [helping] questo problema, ma siamo molto orgogliosi di averci aiutato in questo modo. I nostri modelli sono disponibili per chiunque ne abbia bisogno o pensi che ciò possa aiutare la salute delle persone “.

La Spagna è stata il secondo paese in Europa, dopo l’Italia, che è stata gravemente colpita dal coronavirus, che secondo Granero ha reso più difficile anticipare le soluzioni.

Mentre il Regno Unito e gli Stati Uniti Stati Uniti d’America Sono tra i paesi più colpiti dalla pandemia, Germania e Canada sono ampiamente considerati tra quelli che l’hanno gestita meglio.

Il Real Madrid celebra la vittoria della Lega nel 2012.

“La Germania ha fatto un buon lavoro perché sono molto realistici con i dati”, afferma Granero. “E poi hanno preso le migliori decisioni.

“Il Canada aveva questo sistema di intelligenza artificiale per prevedere quanto sarebbe stato grande questo virus, quindi si sono schiantati prima degli altri e avevano meno problemi.”

“Non penso che noi [Spain] Ho fatto molto male. Avremmo potuto fare di meglio, sì, ma è stato molto difficile. Quindi la cosa più importante è cercare di fare la cosa giusta da ora in poi, e il modo migliore è cercare di ascoltare gli specialisti e, naturalmente, usare la tecnologia nel modo migliore. “

“Problema complesso”

Granero, che ha vinto la Lega e la Copa del Rey durante il suo periodo al Real Madrid, si è recentemente unito a Marbella dopo aver lasciato il lato superiore dell’Espanyol, attirato dall’ambizioso progetto del club meridionale e dall’opportunità di portare il club a la prima divisione.

Prima che il coronavirus fermasse il calcio in Spagna, Marbella era al secondo posto e sembrava certo di un punto di playoff in cerca di promozioni.

Granero ritiene che il completamento di questa stagione dovrebbe avere la precedenza sull’inizio della prossima, non per gli interessi personali con Marbella ma per mantenere l’integrità delle competizioni.

Granero si è unito a Marbella quest'anno e spera di garantire la promozione.

Il capo della Liga Javier Tebas ha delineato i protocolli per il calcio d’élite in Spagna per tornare a porte chiuse a giugno, anche se i piani sono stati recentemente aboliti quando cinque giocatori nelle due principali divisioni della Spagna sono risultati positivi per Covid-19.

“La prima cosa che dobbiamo prendere in considerazione è la salute delle persone, la salute di spettatori, giocatori e arbitri”, afferma Granero. “La soluzione non è facile, ma le competizioni sono migliori se finiscono.”

“Hanno bisogno di trovare un modo per terminare le competizioni perché una volta che qualcosa è iniziato, deve essere finito. Pertanto, devono trovare un modo. L’altro [solutions] sono ingiusti per natura.

“Certo, è un problema molto complesso e devono aspettare fino a quando la salute è assicurata, ma devono porre fine alla competizione. Probabilmente è l’unica soluzione a porte chiuse e questo è qualcosa che vedremo.”

L’isolamento non è certamente il modo in cui Granero avrebbe immaginato il suo inizio nella vita a Marbella, ma almeno gli ha dato più tempo per concentrarsi sulla sua azienda in crescita, che ora è forse più importante di quanto avrebbe potuto immaginare. .

Lionel Messi prova ad affrontare Granero durante lo scontro della Liga de Barcelona contro l'Espanyol nel 2018.

Da sempre analista, Granero sta già pensando a come utilizzare questa pausa forzata a vantaggio della sua squadra.

“Quando inizieremo di nuovo ad allenarci e a giocare, vivremo una situazione che nessuno ha mai vissuto”, riflette. “Sono quattro mesi senza giocare e poi ricominciare. Quindi stiamo cercando di vedere questo come un’opportunità per fare la differenza tra noi e il resto delle squadre.”

Susana Russo

Susana Russo

Ciao. Sono un Digital Copywriter. Aiuto marchi come i tuoi a creare contenuti efficaci per coinvolgere e convertire il tuo pubblico. Forti competenze SEO. Inoltre, sono un copywriter italiano creativo e concettuale. So come te l'importanza di ogni singola parola e come può fare la differenza risuonare con il bersaglio. L'ho imparato negli ultimi 8 anni di duro lavoro al servizio di aziende come Sixt, Blexr, LEAP London, Catena Media e altre. Inoltre, sono un membro freelance della Pennagrafica di Benevento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *