finora solo “geopolitica”, portare l’uomo è ancora impossibile – La Voce di New York

Il 30 luglio 2020 Il razzo Atlas di Cape Canaveral portò il rover Perseverance su Marte, che a sua volta trasportava il drone Ingenuity. Questo piccolo drone da 1,8 kg è destinato ad essere il primo aereo a volare su un altro pianeta. La sua aerodinamica è configurata per volare attraverso un’atmosfera come quella marziana, densa di particelle e burrascosa.

In un breve lasso di tempo, tre missioni si sono succedute con l’obiettivo di Marte: la speranza voluta dal Emirati Arabi Uniti, Tianwen-1 voleva dai cinesi e ora questo voleva dagli americani.

Tre missioni con obiettivi diversi: quella americana dedicata all’astrobiologia, alla ricerca della vita e della vita preparare future missioni umane; quello cinese studiare la geologia marziana e verificare l’eventuale presenza di ghiaccio e la struttura interna di Marte; quello degli Emirati Arabi Uniti per studiare meteorologia a bassa quota sul pianeta.

Questi tre obiettivi implicano anche un quarto, comune a tutti i paesi: il dominio tecnologico che implica il dominio politico. È in atto da qualche tempo tra Cina e Stati Uniti, mentre gli Emirati Arabi Uniti vogliono affermare una predominanza in un’area molto instabile che vede la presenza dell’Iran con un arsenale di armi balistiche (razzi) non indifferente (anche se non troppo performanti) e Israele con la sua tecnologia. È vero che gli Emirati Arabi Uniti hanno ricevuto aiuto dagli americani. L’astronave Hope è stata costruita dal Mohammed bin Rashid Space Center di Dubai in collaborazione con tre università statunitensi: l’Università del Colorado Boulder, dell’Arizona State University e dell’Università di Berkley, in California, che in effetti costruirono la sonda finale e fornirono la maggior parte delle attrezzature scientifiche e si lanciarono dal Giappone, ma ciò non significa che non furono in grado di lanciare un razzo verso Marte, con la tecnologia che ne deriva, per sondare l’atmosfera marziana.

Marte è l’ultimo dei pianeti terrestri dopo Mercurio, venere e il Terra. Si chiama pianeta rosso a causa del suo colore caratteristico causato dalla grande quantità di ossido di ferro quello lo copre. Le precedenti missioni, comprese quelle dell’ESA, hanno dimostrato che i cappucci marziani sono congelati, segno della presenza di acqua necessaria per una possibile colonizzazione. Dalle tracce di composti organici trovati dalla Rover Curiosity, forse ci sono idrocarburi.

Anche l’ESA nel contesto di ExoMars, invierà un rover sulla superficie di Marte che sarà in grado di perforare il terreno fino a 2 metri di profondità per stabilire la possibile esistenza della vita passata sul pianeta. A tale scopo, i campioni forniti dalla perforatrice saranno analizzati da Urey, il rivelatore di ossidi e sostanze organiche finanziato dalla NASA, che può anche rilevare tracce di molecole organiche e determinare se hanno origine da forme di vita o meno e, in tal caso, quali condizioni lo hanno fatto scomparire. La missione Exomars avrà anche tra i suoi obiettivi la validazione delle tecnologie necessarie per l’esplorazione sicura del pianeta in vista di un “Mars Sample Return”, ovvero una missione di andata e ritorno sulla Terra. Il lancio per ora è stato rinviato per vari problemi tecnologici e anche per problemi economici.

Ma quando possiamo andare su Marte con gli umani? Nell’immaginario collettivo, volare nello spazio verso la Terra sembra facile, almeno con le tecnologie attuali, ma non è così. Non è solo necessario viaggiare per oltre sei mesi per raggiungere Marte, ma che la finestra di lancio è di 2-3 mesi ogni 780 giorni, corrispondente al periodo sinodico (periodo tra due congiunzioni astronomiche degli stessi corpi celesti) Terra- Marte.

Durante il viaggio gli astronauti dovranno essere protetti dalle radiazioni ionizzanti. Per questo motivo, durante la missione Perseverane, verranno testati i materiali destinati a tute e caschi di futuri astronauti che andranno su Marte e rimarranno sulla superficie del pianeta rosso che ha un’atmosfera sottile.

Da uno studio condotto con alcuni colleghi fisiatri, neurologi e patologi, abbiamo visto che l’astronauta che aveva viaggiato su Marte, con le attuali protezioni, sarebbe stato soggetto a radiazioni che avrebbero bruciato i suoi neuroni, causato danni ai suoi organi interni e quando sarebbe arrivato su Marte finalmente atterrato, sarebbe stato colpito da altre radiazioni che gli avrebbero impedito di tornare sulla Terra mentre moriva cinicamente al lavoro.

Il conto viene rapidamente concluso: sei mesi e più di viaggio di andata, 1 anno di permanenza, sei mesi per il ritorno, tutti soggetti a radiazioni di ogni tipo. Per evitare tutto ciò, l’astronauta dovrebbe indossare una tuta di piombo, impossibile da indossare, a causa del peso, oppure dovrebbe indossare una tuta in grado di bloccare le radiazioni, che attualmente non esiste, dovrebbe viaggiare su un’astronave dotata di uno scudo magnetico capace di particelle ionizzanti devianti. In alcuni laboratori questi scudi vengono studiati per rendere fattibile il viaggio interplanetario, ma siamo ancora lontani dalla soluzione, in quanto è necessario utilizzare materiali leggeri e scudi magnetici che possono essere generati con nuovi materiali superconduttori ancora allo studio. Quindi c’è il problema della gravità.

Sopra superficie di Marte l’accelerazione di gravità è in media 0,376 volte quella della Terra. Ad esempio, un uomo con a massa di 70 kg che ha misurato il proprio peso su Marte usando uno bilancia calibrato sull’accelerazione di gravità della terra registrerebbe un valore pari a ca. 26,3 kg. Ciò causerebbe una serie di problemi agli organi di movimento e al cuore, come ben sanno gli astronauti della Stazione in orbita attorno alla Terra (ISS).

Marte, per ora, può essere esplorato con rover e robot, ma per la sua colonizzazione siamo ancora lontani. Ciò non significa che il sogno marziano non possa essere realizzato, ma per ora pensiamo solo che i lanci su Marte abbiano soprattutto uno scopo politico-tecnologico.

READ  Politici con il bonus di 600 euro, Tridico non fa i nomi e (ancora) mette in discussione la privacy. "La task force antifrode ha indagato sulle anomalie e sta valutando eventuali richieste di restituzione"
Barbara Matro

Barbara Matro

Linguista esperto e professionista della comunicazione con esperienza pluriennale lavorando su progetti di copywriting, transcreation, implementazione creativa e localizzazione per una vasta gamma di clienti e agenzie globali. Pensatore creativo, creativo e comprovata esperienza di lavoro sotto pressione con scadenze strette per soddisfare le aspettative del cliente e superarle. Spinto dallo spirito imprenditoriale, dallo scopo e dalla mentalità creativa per anticipare le esigenze del cliente e elaborare strategie personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *