Germania, ha proposto di “gasare i migranti”: Alternative für Deutschland licenzia il suo portavoce al Bundestag

Il gruppo parlamentare del partito tedesco di estrema destra Alternativa per la Germania ha cacciato il suo portavoce nel Bundestag, Christian Lüth. Il motivo di questa decisione improvvisa dei responsabili della formazione, annunciato dall’ex leader Alexander Gauland parlando con il Dpa, è un’intervista che Lüth ha rilasciato lo scorso febbraio per un documentario trasmesso ieri dalla stazione ProSieben in cui ha proposto di Migranti “gasati” arrivato nel paese.

Dichiarazioni che hanno portato all’allontanamento immediato dal partito che nel 2017 ha ricevuto grande sostegno dai Federali e che, però, ha anche suscitato accuse di razzismo, xenofobia e antisemitismo per le posizioni estreme espresse da alcuni dei suoi membri. Ma dopo la messa in onda, la squadra tedesca ha deciso che non c’era altra scelta che mandare via il 44enne. Parlando di immigrazione con il giornalista che lo ha intervistato, Lüth ha affermato che “noi possiamo sempre sparargli dopo, non è un tema, oppure li gasiamo, come desideri, per me è lo stesso “, aggiungendo che ha parlato più volte con Gauland del fatto che” peggio è la Germania, meglio è per l’Afd “.

La trasmissione che ha mandato in onda il documentario non ha menzionato esplicitamente il portavoce al Bundestag, tentando così di preservare la sua identità, ma molti media lo hanno riconosciuto, tanto da convincere il partito ad agire: “Le dichiarazioni ascritte al Sig. Lüth sono totalmente inaccettabile – ha detto Gaauland – e in nessun modo condividono gli obiettivi della politica Afd e del gruppo Afd in Parlamento ”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

La premio Nobel Svetlana Alexievich lascia la Bielorussia: altri membri del consiglio dell’opposizione tutti in prigione o in esilio

Il prossimo


Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *