Guerra commerciale USA / Cina, continuano le grandi manovre

Il clima di tensione commerciale tra Cina e Stati Uniti continua a causare enormi cambiamenti nell’equilibrio catena di fornitura industria globale dell’elettronica di consumo. Secondo le ultime indiscrezioni riportate da DigiTimes, Qualcomm sarebbe pronto ad abbandonare SMIC a favore di TSMC per la produzione di alcuni SoC.

QUALCOMM LASCIA SMIC


SMIC è una fonderia cinese di cui Qualcomm è uno dei tre principali clienti. Non ha i processi di produzione più avanzati sul mercato, ma consente al chipmaker americano di farlo produrre chip meno raffinati (28 e 14 nm) a basso costo. Per ora le sanzioni e i dazi imposti dagli Usa non impediscono gli affari tra le due società, ma le cose potrebbero cambiare presto (anche SMIC, come tutte le maggiori aziende tecnologiche cinesi, è stata accusata di avere stretti legami con il governo cinese e di esserlo per questo è un rischio per la sicurezza per altri paesi, e potrebbe essere incluso nel famoso Elenco entità insieme a Huawei).

Qualcomm ha quindi deciso di andare avanti e ha visitato il TSMC taiwanese, per garantire la disponibilità di linee di produzione alternative. In effetti Qualcomm sarebbe salito a bordo trattative con sostanzialmente tutte le fonderie cinesi – UMC e VIS inclusi. Potrebbe essere un duro colpo per SMIC – Qualcomm rappresenta il 13% degli ordini totali – ma è anche vero che Huawei probabilmente subentrerà. che da qualche giorno non riesce più a fare affari con fonderie internazionali.

(ANCHE) SONY LASCIA HUAWEI


Nelle ultime ore, tra l’altro, è arrivata la notizia che anche Sony (come Samsung, LG e molti altri) ha dovuto rinunciare e smettere di fornire sensori per fotocamere a Huawei, che fino a quel momento era stato uno dei suoi clienti più importanti. Il colosso giapponese prevede che nel breve / medio termine il suo giro d’affari diminuirà, e ha ridotto i suoi piani di spesa di circa mezzo miliardo di dollari; fonti interne dicono che intende richiedere una licenza speciale tornare a fare affari, ma anche che è necessario diversificare ulteriormente il proprio portafoglio clienti.

L’INTEL È TORNATA DA HUAWEI


E a proposito di licenze speciali, sembra proprio così Intel è riuscita a ottenerne uno. L’informazione arriva dai media cinesi e non è stata confermata ufficialmente, ma vale la pena notare che anche AMD ha dichiarato di averla ottenuta, anche se non ha mai menzionato specificamente Huawei. Tuttavia, sembra che gli Stati Uniti siano più interessati a combattere la Cina nel mondo degli smartphone che nel mondo dei PC, oggettivamente in secondo piano al giorno d’oggi.

Insomma, c’è una buona notizia per Huawei, ma la situazione generale resta difficile. Le ultime proiezioni di TrendForce dicono che per tutto il 2020, l’azienda potrebbe vendere il 30% in meno di smartphone rispetto all’anno precedente. Huawei ha fatto scorta di SoC mobile prima che il divieto venisse inasprito, ma non durerà a lungo: quindi se la situazione non si evolverà, le previsioni per il 2021 sono ancora più pessimistiche. Finora, anche senza i servizi di Google, Huawei è riuscita a mantenere una posizione dominante in Cina, dove Google è ancora bandito; ma senza i processori, anche il mercato interno è destinato a fallire.


Barbara Matro

Barbara Matro

Linguista esperto e professionista della comunicazione con esperienza pluriennale lavorando su progetti di copywriting, transcreation, implementazione creativa e localizzazione per una vasta gamma di clienti e agenzie globali. Pensatore creativo, creativo e comprovata esperienza di lavoro sotto pressione con scadenze strette per soddisfare le aspettative del cliente e superarle. Spinto dallo spirito imprenditoriale, dallo scopo e dalla mentalità creativa per anticipare le esigenze del cliente e elaborare strategie personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *