Guerra in Afghanistan: la Russia nega di pagare i militanti per uccidere le truppe statunitensi

Didascalia dell’immagine

Circa 13.000 truppe statunitensi sono ancora di stanza in Afghanistan, 18 anni dopo l’intervento americano per estromettere i talebani

La Russia ha respinto come accuse “prive di fondamento” di aver offerto ricompense ai militanti talebani per uccidere truppe USA e altre NATO in Afghanistan.

Il New York Times e il Washington Post hanno citato funzionari statunitensi affermando che un’unità di intelligence militare russa legata ai tentativi di omicidio in Europa aveva offerto i presunti doni lo scorso anno.

L’ambasciata russa negli Stati Uniti ha affermato che le dichiarazioni hanno portato a minacce per i diplomatici.

I talebani hanno anche negato che ci fosse un simile accordo con l’intelligence russa.

Le notizie arrivano mentre gli Stati Uniti tentano di negoziare un accordo di pace per porre fine alla guerra di 19 anni in Afghanistan.

Secondo il New York Times, il presidente Donald Trump è stato informato sui rapporti a marzo, ma la Casa Bianca lo ha negato.

“Né il presidente né il vicepresidente sono stati informati sulla presunta intelligence di taglie russa”, ha detto sabato sera il segretario stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany.

Tuttavia, ha aggiunto, “questo non parla al merito della presunta intelligenza, ma all’inesattezza della storia del New York Times che suggerisce erroneamente che il presidente Trump sia stato informato sulla questione”.

I funzionari senza nome citati dal New York Times le agenzie di intelligence statunitensi avevano concluso mesi fa che un’unità dell’agenzia di intelligence militare GRU della Russia aveva cercato di destabilizzare i suoi avversari offrendo di nascosto taglie per attacchi di successo contro le forze della coalizione.

Si riteneva che i militanti islamisti, o elementi criminali armati strettamente associati a loro, avessero raccolto dei soldi, ha detto il giornale.

In una serie di post su Twitter, l’ambasciata russa negli Stati Uniti ha accusato il giornale di promuovere notizie false.

Venti truppe americane sono morte in Afghanistan nel 2019, ma il New York Times ha affermato che non era chiaro quali morti fossero sospettati.

I funzionari citati dal New York Times hanno affermato che il Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca ha preso in considerazione le modalità di risposta, anche imponendo una crescente zattera di sanzioni contro la Russia.

L’unità GRU presumibilmente coinvolta è stata anche collegata al tentato omicidio dell’ex doppio agente russo Sergei Skripal e di sua figlia Yulia con un agente nervoso a Salisbury, in Inghilterra, nel marzo 2018.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Didascalia dei mediaÈ possibile la pace con i talebani?

Un portavoce dei talebani ha anche definito le accuse infondate.

“Il nostro obiettivo di omicidi e omicidi era in corso negli anni precedenti e l’abbiamo fatto con le nostre risorse”, ha detto Zabihullah Mujahid al New York Times.

Ha aggiunto che i talebani avevano smesso di attaccare le forze degli Stati Uniti e della NATO dopo che avevano concordato a febbraio un ritiro graduale delle truppe e di revocare le sanzioni. In cambio, i talebani hanno affermato che non avrebbero consentito ai gruppi estremisti di operare nelle aree che controllano.

READ  Hagia Sophia: il papa 'ha sofferto' mentre il museo di Istanbul ritorna alla moschea
Camila

Camila

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *