Hong Kongers sfida il divieto della polizia di ricordare Piazza Tiananmen

Tenutasi ogni anno dalla repressione del 1989 sui manifestanti democratici in Cina, la manifestazione era stata bandita per paura dei coronavirus, una mossa che molti consideravano politica in una città in cui le infezioni sono ridotte a manciata al mese.

Tuttavia, all’inizio di giovedì sera centinaia e poi migliaia di persone hanno sfidato l’ordine, nonché i segni e le recinzioni intorno a Victoria Park, per occupare due grandi campi da calcio dove tradizionalmente si è tenuto il raduno. Mentre i numeri erano scesi negli anni precedenti e il monumento generalmente ben organizzato aveva un aspetto improvvisato piuttosto caotico, non erano affatto insignificanti, un importante segno di sfida a Pechino.

L’organizzatore ed ex legislatore Lee Cheuk-yan ha guidato la folla nei canti di “porre fine al governo di un partito” e “democrazia per la Cina!”

Altri hanno cantato slogan dalle proteste antigovernative dell’anno scorso, tra cui “la lotta per la libertà, il sostegno di Hong Kong” e un detto più recente, “L’indipendenza da Hong Kong, l’unica via d’uscita”.

Tali slogan potrebbero essere illegali nel prossimo futuro, poiché Pechino intende imporre una legge draconiana sulla sicurezza nazionale che proibisca la sedizione, la secessione e il separatismo. Leggi simili sono state usate per reprimere dissidenti e attivisti democratici in Cina.

Quella legge imminente è attualmente in fase di elaborazione a Pechino e verrà automaticamente applicata a Hong Kong attraverso un cancello costituzionale usato raramente, aggirando il legislatore cittadino. La legge è stata sospesa sul memoriale di Tiananmen di quest’anno anche prima che l’evento fosse ufficialmente bandito, poiché sia ​​le figure dell’opposizione che quelle pro-governo hanno previsto proteste simili che potrebbero essere illegali in futuro.

Hong Kong è stata a lungo l’unico posto sul suolo cinese in cui vi è una massiccia commemorazione della repressione del 4 giugno. Questo fatto è stato una specie di cartina di tornasole per l’autonomia della città cinese, che è stata notevolmente ridotta negli ultimi anni, culminando nella legge sulla sicurezza nazionale, che Pechino ha affermato che è necessario per evitare il tipo di sommosse violenti che sono stati visti l’anno scorso.

Un uomo tiene una candela alla vigilia di giovedì.

Quel disagio era ripreso quando Hong Kong emerse dalla crisi del coronavirus e le leggi sul distanziamento sociale furono allentate. Ma la polizia ha risposto alle proteste del passato con numeri schiaccianti e ha usato gas lacrimogeni e spray al pepe per disperdere diversi incontri nelle ultime settimane.

Giovedì c’è stato un completo cambio di tattica poiché la polizia è rimasta in gran parte nascosta mentre diverse migliaia di persone ignoravano recinzioni e cartelli per riunirsi illegalmente a Victoria Park. È stato un sorprendente, forse deliberato, contrasto con le proteste negli Stati Uniti che il leader di Hong Kong Carrie Lam ha sottolineato martedì di accusare i suoi critici a Washington di “doppi standard”.

HSBC, Chartered Standard supporta pubblicamente la legge cinese sulla sicurezza nazionale per Hong Kong

La folla ha iniziato a disperdersi poco dopo le 20:00. Ora locale, dopo l’accensione delle candele e un momento di silenzio per ricordare le centinaia, forse migliaia, che sono state uccise nel giro di vite di Tiananmen.

Al suo apice, la folla si diffuse su due campi da calcio e, sebbene ci fossero molte più lacune rispetto agli anni precedenti, fu un grande spettacolo di sfida in una città che nelle ultime settimane sembrava scioccato dalle notizie da sicurezza nazionale. legge.

Il prossimo test importante, sia da parte del movimento democratico che delle autorità, avrà luogo già la settimana prossima, che prevede due anniversari chiave del movimento di protesta dell’anno scorso.

Circa 1 milione di persone hanno marciato contro un disegno di legge di estradizione con la Cina il 9 giugno 2019, mentre tre giorni dopo, i manifestanti hanno bloccato la legislatura della città e si sono scontrati con la polizia per impedire l’approvazione della legge. . Alla fine si ritirò a settembre 2019, quando il movimento antigovernativo era cresciuto in modo sostanziale, con i suoi obiettivi ampliati oltre un unico disegno di legge.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *