I mari nascenti stanno trasformando le alture di Miami in una proprietà calda

A Miami in questi giorni, si tratta di elevazione, elevazione, elevazione.

Mentre alcuni modelli scientifici prevedono che il ghiaccio polare si scioglierà abbastanza da portare almeno 10 piedi di innalzamento del livello del mare nel sud della Florida entro il 2100, solo un modesto 12 pollici renderebbe inabitabile il 15% di Miami, e Gran parte di quella proprietà sulla spiaggia è tra le più preziose degli Stati Uniti.

Anche ora, mentre le “maree reali” più frequenti si propagano attraverso il calcare poroso della Florida, spingendo i pesci attraverso fogne e strade, i residenti stanno diventando sempre più consapevoli che la loro città è stata costruita. sugli scaffali ondulati, le creste e i canyon di un fondo marino fossilizzato.

“L’acqua ritorna negli stessi luoghi in cui scorreva anni fa”, afferma Sam Purkis, presidente del Dipartimento di Geoscienze dell’Università di Miami. “L’ironia è che ciò che è accaduto 125.000 anni fa detterà ciò che accade a casa tua adesso.”

Le increspature increspate tra gli isolati potrebbero significare la differenza tra sopravvivenza e ritirata e l’aumento del costo dell’altitudine sta causando un notevole cambiamento nell’attivismo della comunità e nei budget della città.

A Pinecrest, l'artista Xavier Cortada ha installato murales che mostrano quanti piedi sopra le intersezioni sul livello del mare.

I residenti di Pinecrest formarono la prima Underwater Homeowners Association of America (completa di segni del patio di elevazione) e nominarono uno scienziato marino come presidente.

Miami Beach sta spendendo milioni per aumentare le strade, migliorare le pompe e modificare i codici di costruzione per consentire ai residenti di aumentare le proprie dimore di un metro e mezzo.

Ma nei quartieri immigrati della classe operaia come Little Haiti, l’innalzamento del livello del mare anno dopo anno si perde nella lotta quotidiana e la maggior parte non aveva idea di vivere un metro sopra i ricchi di Miami . Spiaggia.

Hanno scoperto quando gli sviluppatori hanno iniziato a chiamare, da qualsiasi luogo.

“Stavano chiamando dalla Cina, dal Venezuela. Sono venuti qui con scatole di denaro!” dice Marleine Bastien, organizzatore di comunità di lunga data e residente. “Pensavamo che il fascino di Little Haiti fosse il fatto che si trova vicino al centro città, vicino ad entrambi gli aeroporti e vicino alla spiaggia. A nostra insaputa, è perché siamo situati ad un’altitudine più elevata.”

Indicando una fila di negozi vuoti, segna i nomi di una dozzina di proprietari di piccole imprese che dice siano stati costretti ad abbandonare gli affitti in aumento, e elenca altri che involontariamente hanno fatto affari inaspettatamente senza capire la crisi. Alloggio a Miami.

“Se vendi la tua casa a Little Haiti, pensi di fare grandi affari, ed è solo dopo aver venduto, e poi ti rendi conto, ‘Oh, non posso comprare altrove.'”

Marleine Bastien, al centro, protesta con residenti e attivisti contro i piani di Magic City.

Dopo che il suo centro sociale e la scuola materna si sono stabiliti in tre diversi edifici, ha appreso dei piani per costruire lo sviluppo tentacolare di Magic City da 1 miliardo di dollari ai margini di Little Haiti, che presenta una passerella, negozi Rivenditori di fascia alta, appartamenti di molti piani e immaginati da un consorzio di investitori locali, tra cui il fondatore del Cirque du Soleil.

Gli sviluppatori di Magic City insistono sul fatto che hanno scelto il sito in base alla posizione, non all’elevazione.

Una vista del centro di Miami e South Beach da un aereo mostra lo sviluppo del lungomare del passato.

Hanno promesso di preservare l’anima di Little Haiti e di dare alla comunità $ 31 milioni per alloggi a prezzi accessibili e altri programmi, ma non è stato sufficiente per Bastien. “Questo è un piano per cancellare la piccola Haiti”, dice. “Perché questo è l’unico posto dove si scontrano immigrazione e gentrificazione climatica”.

Ha combattuto lo sviluppo con tutti i manifestanti e i segni scritti a mano che poteva raccogliere, ma dopo un dibattito che è durato fino all’una di notte, i commissari hanno approvato il permesso con un voto di 3-0 a fine giugno.

“L’area che occupavamo era interamente industriale”, afferma Max Sklar, vice presidente di Plaza Equity Partners e membro del team di sviluppo. “Non esisteva un’economia reale e prospera attorno a questi magazzini o lotti vuoti. Pertanto, il nostro obiettivo è quello di creare quell’economia”.

“Possiamo placare tutti? Non al 100%, questo non è fattibile. Non è realistico. Ma li abbiamo ascoltati.”

Ripete la promessa di dare 6 milioni di dollari a un trust della comunità di Little Haiti prima che la terra sia rotta e, come segno di aver sentito almeno una causa, riconosce che il complesso sarà ora chiamato Magic City Little Haiti.

Ma mentre Bastien piange la sconfitta, il suo vicino e collega organizzatore Leonie Hermantin apprezza l’investimento e spera per il meglio. “Anche se Magic City non è arrivato oggi, il ritmo della gentrificazione è così veloce che la nostra gente non sarà comunque in grado di pagare case qui”, dice con un rassegnato scuotimento della testa. “Magic City non è il governo. Le politiche abitative a prezzi accessibili devono venire dal governo.”

Una donna usa un ombrello come ombra mentre cammina in una calda giornata a Miami.

“(Gentrification climatica) è qualcosa che stiamo monitorando da vicino”, mi dice il sindaco di Miami Francis Suarez. “Ma non abbiamo ancora visto alcuna prova diretta di ciò.”

Suarez è il raro repubblicano che sostiene con passione i piani di mitigazione del clima e ha contribuito a difendere il legame Miami Forever da 400 milioni di dollari, approvato dagli elettori per finanziare azioni per proteggere la città dalle devastazioni dell’alto mare e da tempeste più forti.

Il sindaco di Miami, Francis Suárez, ha difeso un piano per affrontare l'impatto della crisi climatica.

“In effetti, abbiamo creato nella nostra prima tranche di Miami Forever, un fondo di sostenibilità per le persone per rinnovare le loro case in modo che possano rimanere sulle loro proprietà invece di dover vendere le loro proprietà”, dice.

Ma quel fondo è un importo relativamente piccolo di $ 15 milioni, che non è abbastanza per far fronte a una crisi abitativa che cresce con ogni ondata di caldo e uragano, in una città dove più di un quarto dei residenti vive al di sotto del livello di povertà.

Quello che sta succedendo a Little Haiti potrebbe essere solo un esempio di un “clima di apartheid” incombente che le Nazioni Unite avvertono, dove ci sarà un abisso tra i ricchi che possono proteggersi dall’impatto dei cambiamenti climatici e i poveri che sono rimasti indietro.

Philip Alston, relatore speciale delle Nazioni Unite sull’estrema povertà e sui diritti umani, ha affermato che esistono già prove di come la crisi climatica influenzi diversamente i ricchi e i poveri.

E ha sottolineato che quelli che hanno sofferto di più erano probabilmente i meno responsabili. “Perversamente, mentre le persone che vivono in povertà sono responsabili solo di una frazione delle emissioni globali, saranno le più colpite dai cambiamenti climatici e avranno la minima capacità di proteggersi”, ha scritto Alston il mese scorso.

Antonia Angelo

Antonia Angelo

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *