I problemi dell’isola sono stati creati per evitare problemi

Le Maldive si conoscono da molto tempo Il pericolo sta affondando Scomparirà dall’acqua entro il 2100 a causa dei cambiamenti climatici, ma si è discusso poco sull’intervento per trovare soluzioni. Uno dei progetti più ambiziosi è la costruzioneIsola artificiale Hulhumala, Che si trova pochi chilometri a nord della capitale delle Maldive Male, è progettato per ospitare persone che vivono in aree densamente popolate oggi o in futuro. Hulhumala è stato nominatoCittà della speranza», Ma nonostante l’ambizioso progetto di geoingegneria ci sono ancora domande molto difficili da risolvere.

I lavori sull’Hulhuma sono iniziati nel 1997. Durante la prima fase di costruzione, che si è conclusa nel 2002, diversi milioni di metri cubi di sabbia sono stati pompati dal fondo del mare attorno alle ex isole per creare la “base” dell’isola. Coprendo un’area di circa 4 chilometri quadrati, Hulhumala si trova a più di 2 metri sul livello del mare; È stato aperto nel 2004 quando sono arrivati ​​i primi mille abitanti, e oggi la costruzione dell’infrastruttura è completa.

Le Maldive sono da sempre considerate una delle mete turistiche più care al mondo; Si trovano nell’Oceano Indiano, 1.000 chilometri a sud-ovest dello Sri Lanka, con oltre mille isole. Tra i maggiori problemi dell’arcipelago ci sono la minaccia ambientale e Mancanza di lavoro – La maggior parte della popolazione vive di pesca e agricoltura e, secondo la Banca Mondiale, la disoccupazione giovanile è del 15 per cento – Densità di popolazione: Male ha circa 130.000 abitanti, rendendola una delle città più densamente popolate del mondo, coprendo circa un miglio quadrato (circa 2,5 chilometri quadrati). ) Vivi dentro.

Per risolvere almeno una parte del problema abitativo a Mal, il governo maldiviano ha l’idea di creare un’isola artificiale lontana dai servizi come un aeroporto, ma abbastanza grande da sviluppare infrastrutture e creare parcheggi. Lavora e metti al riparo gli abitanti delle prime isole a rischio di annegamento. La consapevolezza delle emergenze è aumentata, soprattutto dopo Tsunami del dicembre 2004, Che ha ucciso almeno 230.000 persone in varie parti dell’Oceano Indiano e ha spinto il governo a studiare un piano per aumentare la resilienza delle isole agli eventi meteorologici. Ad esempio Egli ha detto Nel 2010, l’allora vicepresidente Mohammed Waheed Hassan ha descritto le Maldive come “uno dei paesi più vulnerabili al mondo” e dovrebbe quindi essere “adottato”.

– Leggi anche: Le Maldive sono tornate nel Commonwealth

Areen Ahmed, responsabile dello sviluppo del progetto condotto dalla Housing Development Corporation, Ha spiegato I progetti relativi alla costruzione di Hulhuma seguono standard di sviluppo urbano coerenti. Ad esempio, un terzo dell’elettricità deriva da pannelli solari e vengono costruiti sistemi di raccolta dell’acqua piovana. Nella mente del governo maldiviano, Hulhumali simboleggia la resilienza delle Maldive e si apre maggiormente alla crescita turistica a favore dello sviluppo dell’intero Paese, mentre la creazione dell’isola artificiale ha dovuto affrontare anche condizioni ambientali delicate.

Come ricercatore presso il Dipartimento di Geografia ed Ecologia presso l’Università della Northumbria (Inghilterra) ed esperto nello studio Maldives Reef, Holy East ha osservato che il movimento della terra per la realizzazione dell’isola “può non solo distruggere i coralli, ma anche creare altri fossati sedimentari che danneggiano i coralli, impedendo che la luce venga filtrata e alimentata. Compromette la riproducibilità కొన్ని Alcuni coralli vengono “ristabiliti”, ma impiegano molto tempo per adattarsi al nuovo ecosistema, se mai lo fanno.

Un altro tema chiave sono i rifiuti: cosa nasce dalla costruzione dell’isola e cosa viene prodotto dagli abitanti. Per risolvere questo problema, ha spiegato la consulente ambientale Kate Philpot, è stata costruita un’ulteriore isola artificiale, Tilafushi. Poiché Hulhumale ha attualmente più di 50.000 residenti e il progetto prevede che la popolazione raggiungerà i 240.000 nei prossimi anni, la situazione dello smaltimento dei rifiuti potrebbe diventare un’emergenza.

– Leggi anche: È possibile un turismo “normale” alle Maldive?

Ahmed ha spiegato che “sono state prese tutte le misure per ridurre l’impatto della costruzione sull’ambiente circostante” per la costruzione dell’isola e ha chiarito che tutte le attività sono supervisionate dall’Agenzia per la protezione ambientale delle Maldive. . Ha detto che la costruzione dell’Halhuma era “incentrata sul cambiamento climatico a livello di costruzione e di popolazione”, aggiungendo che il progetto aveva dato spazio alle aree verdi e che servizi come scuole e moschee potevano essere raggiunti a piedi da tutti i lati. Scoraggiare l’uso delle auto.

Tuttavia, rimangono preoccupazioni per il futuro delle Maldive. Non è la prima volta che alcuni paesi sperimentano la realizzazione di isole artificiali: lo hanno fatto per scopi diversi. Dubai È Cina, Eppure Danimarca. Tuttavia, i problemi ambientali causati dalla costruzione dell’Hulhumala e il rischio di ulteriori danni e inondazioni dell’isola in futuro – così come la questione se costruire un’isola artificiale – sono ritenuti da alcuni il progetto Hulhumala. Dopo tutto, non è tutto sostenibile.

– Leggi anche: La sabbia sta finendo a Miami Beach

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *