Iditarod: aereo storico per trasportare Thomas Waerner in Norvegia dopo che il musher è stato bloccato per mesi in Alaska

Sono passati tre mesi per il musher del cane Thomas Waerner, che dice a CNN Sport che è il tipo di storia che ricorderà fino al giorno della sua morte.
Il 47enne ha vinto il Iditarod Trail Sled Dog Race a marzo, ma i voli cancellati e le restrizioni sui viaggi le hanno impedito di tornare a casa dalla sua famiglia.

Ma non temere, l’intrepido avventuriero ha escogitato un innovativo piano di fuga.

Ha prenotato il suo passaggio su un aereo storico destinato a un museo norvegese, con la sua squadra di cani per compagnia.

“Vincere la gara e poi tornare in aereo … Penso che questa sia stata una delle grandi cose che accadono nella vita.” Waerner ha detto a CNN Sport in un’intervista telefonica.

Iditarod iconico

L’Iditarod è una leggendaria gara di lunga distanza che si svolge ogni anno sulla strada tra Anchorage e Nome.

La corsa di quasi 1.000 miglia copre alcuni dei terreni più estremi della Terra, ogni squadra alimentata da 64 calci e il testardo desiderio di un musher.

Quest’anno è stata la seconda pugnalata di Waerner nella sfida impegnativa e vincere dopo nove giorni di duro lavoro è stato un sogno diventato realtà per il veterano musher, la persona che guida la slitta.

Tuttavia, da quando ha tagliato il traguardo, si è nascosto con gli amici nello stato rurale degli Stati Uniti. Stati Uniti d’America Mentre tracciava il suo itinerario alquanto insolito verso casa.

Il piano di Waerner fu realizzato dopo aver letto una compagnia aerea locale che cercava di vendere un aereo DC-6: un aereo storico – al Museo di Storia dell’Aviazione a Sola, Norvegia.

L’aereo godette di oltre 60 anni di servizio continuo, effettuando il suo primo viaggio nel 1946 prima di volare in tre continenti separati.

Per coincidenza, gli amici di Waerner avevano legami con l’ormai proprietario dell’aereo e, con l’aiuto del suo sponsor, sono riusciti a rimanere a casa il 2 giugno.

Waerner si unirà a quei 24 cani sull’aereo, 16 dei suoi e un altro concorrente ne lascerà altri otto.

“La vita è un po ‘strana”, ha riso, ammettendo che la situazione era un po’ surreale. “Ma io sono un ragazzo positivo e diretto. Se sei solo positivo, troverai sempre soluzioni e supererai i tuoi ostacoli.”

Il Douglas DC-6B Cloudmaster si prepara per il suo ultimo volo a Fairbanks, in Alaska, a maggio.
Il migliore amico di un uomo è ...

“Una strana sensazione”

Sono passati più di tre mesi da quando Waerner è partito per l’Alaska. Sua moglie, Guro, aveva viaggiato con lui, ma se ne andò presto quando la pandemia iniziò a conquistare il mondo.

Waerner ha cinque figli e 35 cani in Norvegia, quindi sa che ha molto a che fare con la moglie e i figli veterinari, per non parlare di una varietà di faccende domestiche.

“Mi sento un po ‘male per avere tutti questi lavori e non sono lì per sostenerla affatto”, ha detto. “Quindi sarà bello tornare a casa e tornare alla vita normale.”

Mentre era bloccato in un altro continente, Waerner ha riempito le sue giornate addestrando i suoi cani e camminando con i suoi amici più stretti durante quella che ha definito la sua “vita in pensione in Alaska”.

Resta in contatto quotidiano con la sua famiglia durante le videochiamate e non vede l’ora di godersi un caffè con sua moglie e cenare di nuovo con i bambini.

Con il tradizionale banchetto e le cerimonie del vincitore di Iditarod rimandate a causa delle restrizioni al parto, la parata personale sulla vittoria di Waerner non era esattamente ciò che aveva immaginato.

“Volevo davvero vincere la gara ad un certo punto della mia vita, e all’improvviso lo fai”, ha detto. “Devo ancora guardare il trofeo e ricordare che in realtà abbiamo vinto, è una sensazione strana.”

Waerner durante la gara del 2020.
Waerner alzò le braccia trionfalmente dopo aver vinto.

‘Diventi molto forte mentalmente’

Tuttavia, la sua avventura non ha tolto l’idea di tornare in Alaska ed è disposto a partecipare all’Itidarod l’anno prossimo.

Waerner crede fermamente che sia la sua capacità di affrontare le sfide poste da Itidarod che lo ha aiutato a superare la sua situazione attuale.

“È come un’ondata di cose negative che ti sfidano quando corri perché hai molta privazione del sonno”, riflette.

“Hai caldo, freddo, piove, stai attraversando brutti sentieri, buoni sentieri e stanno accadendo cose che devi affrontare tutto il tempo.”

“Penso che la mia corsa su lunga distanza mi abbia aiutato perché diventi molto forte mentalmente [in order] affrontare le cose negative “.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *