Il CEO di Apple, Tim Cook, chiede una “massiccia campagna” contro le notizie false

Cosa fare delle

Il CEO di Apple, Tim Cook, vuole che l’industria tecnologica intervenga contro le storie di “fake news” che inquinano il web.

“Deve esserci una massiccia campagna. Dobbiamo pensare a ciascun gruppo demografico”, ha detto Cook in una rara intervista.

Parlando al quotidiano The Daily Telegraph, Cook ha anche affermato che “tutte le aziende tecnologiche devono creare alcuni strumenti che aiuteranno a ridurre il volume di notizie false”.

Altri amministratori delegati di importanti aziende tecnologiche, come il capo di Facebook Mark Zuckerberg, hanno parlato del problema negli ultimi mesi. Ma i commenti di Cook erano molto più schietti.

Secondo il Telegraph, ha affermato che storie inventate e truffe stanno “uccidendo le menti delle persone”.

E ha definito la peste “notizie false” un grosso problema in gran parte del mondo “.

Il termine “fake news” è stato originariamente coniato per descrivere storie online progettate per fuorviare i lettori. Spesso queste storie sono condivise su Facebook e altri siti di social media per generare profitto per i creatori. Altre volte le storie sono essenzialmente propaganda fatta per fini politici.

Questo tipo di storie ha ricevuto molta attenzione prima e dopo le elezioni americane. Le storie di fantasia con titoli come “Papa Francesco sconvolge il mondo, sostiene Donald Trump come presidente” hanno guadagnato milioni di clic.

Può essere molto difficile per gli utenti di Internet distinguere tra fonti di notizie legittime e falsi.

Ecco dove entrano aziende come Apple.

In un’intervista con Telegraph, parte di un viaggio europeo di più giorni, Cook ha dichiarato: “Molti di noi sono nella categoria dei reclami in questo momento e non hanno capito cosa fare”.

Ha chiesto soluzioni tecnologiche e intellettuali.

“Abbiamo bisogno della versione moderna di una campagna di annunci di servizio pubblico. Può essere fatta rapidamente se c’è una volontà”, ha detto Cook al giornale.

Ciò che ha descritto è la musica per i sostenitori dell’alfabetizzazione mediatica.

“È quasi come se fosse necessario un nuovo corso per il bambino moderno, per il bambino digitale”, ha detto Cook.

Ci sono sforzi sparsi in alcune scuole per insegnare all’alfabetizzazione mediatica, con particolare attenzione alle competenze digitali, ma non è affatto universale.

Alla domanda se Apple si impegnerebbe a finanziare una campagna di PSA, un portavoce di Apple ha dichiarato che la società non ha più commentato l’intervista di Cook.

Il CEO di Apple ha anche suggerito che le aziende tecnologiche possono aiutare a rimuovere le storie false, anche se ha aggiunto: “Dovremmo cercare di comprimerlo senza ostacolare la libertà di parola e di stampa”.

L’app Apple News di Apple è stata accreditata come un luogo relativamente affidabile per trovare informazioni.

Azienda “Recensioni Redattori che aderiscono alle notizie Apple” BuzzFeed ha sottolineato lo scorso dicembre.

E l’app ha una funzione “segnala un problema in cui gli utenti possono segnalare notizie false o odiare discorsi”.

Facebook ha recentemente iniziato a lavorare con i verificatori di dati per testare “etichette di avvertimento” che compaiono quando gli utenti condividono storie inventate.

Cook, nell’intervista al giornale, ha espresso ottimismo sul fatto che la peste delle “notizie false” sia una “cosa a breve termine: non credo che la gente lo voglia alla fine della giornata”.

CNNMoney (New York) Pubblicato per la prima volta l’11 febbraio 2017: 20:00 ET

Benvolio Cavallone

Benvolio Cavallone

Sono molto di più: sono un marketer, uno stratega dei social media, un blogger, un esperto di SEO. In breve, sono il ragazzo che può aiutare la tua azienda ad avere successo nel mercato italiano. Nel 2019 ho aiutato oltre 15 aziende a comunicare efficacemente con le loro prospettive e il pubblico italiano. Tra i miei clienti, posso vantare H&M, Organo Gold, SEGA, Pinnacle, Radison Hotels, Holland Pass e Voyage Privé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *