Il consiglio comunale di Minneapolis approva l’ordine restrittivo contro la polizia

Il Consiglio comunale di Minneapolis ha approvato un ordine restrittivo contro il dipartimento di polizia della città in una riunione pomeridiana.

“Non possiamo permettere che la morte di George Floyd sia vana”, ha affermato un commissario.

L’ordine restrittivo è temporaneo e avrà ancora bisogno dell’approvazione di un giudice prima che venga emanato.

L’ordine proibisce l’uso di maniglie strangolate da parte della polizia e richiede anche che la polizia riferisca e intervenga se viene utilizzata la pratica proibita.

Inoltre, il capo della polizia di Minneapolis deve autorizzare l’uso di armi per il controllo della folla, come proiettili di gomma e gas lacrimogeni, secondo l’ordine.

L’ordine richiede inoltre decisioni disciplinari tempestive e consente audit civili delle immagini della telecamera del corpo.

“Questo è un momento in cui possiamo cambiare totalmente il modo in cui opera il nostro dipartimento di polizia”, ​​ha dichiarato il sindaco Jacob Frey.

Frey ha affermato che in passato ci sono state delle difficoltà a fare un cambiamento del genere e “ora possiamo finalmente farlo bene”.

Nell’ordine, che è stato ottenuto dalla CNN, il consiglio comunale ha detto che spera di costruire “verso un cambiamento sistematico”.

Velma Korbel, direttrice dei diritti civili di Minneapolis, ha dichiarato di sperare che “il legislatore statale sarà costretto ad agire, a cambiare le leggi che impediscono alla città di apportare il profondo cambiamento sistemico richiesto e che la comunità ha richiesto per decenni”.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *