Il ritiro delle truppe statunitensi dalla Germania. Una sfida a Berlino (e in Europa)

“Gli americani sono ossessionati dal fatto che la Germania può diventare qualcosa di più e diverso da una semplice potenza economica. Anzi, per dirla più chiaramente: Washington crede che la Germania sia disposta a diventare un tout court di potere. Ed è questa ossessione per spiegare l’annuncio del ritiro di 11.900 soldati statunitensi dal territorio tedesco “.

A parlare è Dario Fabbri, analista geopolitico, giornalista e consulente scientifico di Limes. Ma aggiunge: “Al di fuori di questo contesto, la decisione è quasi incomprensibile da un punto di vista geostrategico”. In pratica, come annunciato dal segretario alla Difesa Mark Esper, le attuali 36.000 truppe statunitensi di stanza nella Repubblica Federale dovranno essere ridotte a 24.000. Di questi, circa 5600 saranno localizzati in Italia, Belgio e forse Polonia e Paesi baltici, mentre 6400 torneranno negli Stati Uniti. Il presidente Donald Trump ha detto chiaramente: “Tagliamo le truppe perché Berlino non paga il conto. È molto semplice”.

Ci vorranno anni per attuare il piano

Il resoconto di cui parla il capo della Casa Bianca è quello della NATO, la sua accusa è che la Germania continua a non aumentare, come richiesto, il suo contributo all’Alleanza. Ma è davvero così semplice? I fabbri ne dubitano. “Per cominciare, è molto difficile che tutto ciò accada davvero”, spiega l’analista. “Da un punto di vista logistico, ci vorranno anni per attuare il piano. Nei prossimi mesi, cioè prima delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti, nessuno si muoverà: forse solo poche centinaia di soldati, e solo per dare una parvenza delle operazioni prima del voto di novembre. Quindi “Se Joe Biden viene eletto, il democratico ha già detto che rovescerà l’ordine esecutivo. Ma anche se Trump viene riconfermato, è improbabile che i numeri siano quello che dicono oggi. “

READ  Politici con il bonus di 600 euro, Tridico non fa i nomi e (ancora) mette in discussione la privacy. "La task force antifrode ha indagato sulle anomalie e sta valutando eventuali richieste di restituzione"

Tuttavia, per quanto riguarda il rapporto dell’annuncio, in parte deve essere ricercato nella classica strategia di comunicazione di Trumpian, afferma Fabbri: “Vuole parlare al ventre del suo elettorato, quella parte dell’America a cui viene chiesto che il Gli Stati Uniti stanno facendo in Germania, mentre Berlino continua a fare affari con la Russia. In breve è propaganda. “Ma poi c’è l’aspetto strettamente strategico:” Se sei molto sospettoso di un alleato, fai il contrario di quello che Washington ha annunciato : non toglierai le truppe. Anzi, vuoi controllare l’alleato-avversario “.

La “fiaba” di voler proteggere la Germania

Il ragionamento dell’analista è chiaro: “Quello di proteggere la Germania è ovviamente una storia antica: gli americani sono stati lì dalla Seconda Guerra Mondiale per controllare la Germania e con essa l’Europa. Ripeto: se vuoi impedire a Berlino di pensare in grande e in modo indipendente o che altri paesi lo facciano, non abbandonano il campo, perché equivarrebbe a un libero tutti “, spiega Fabbri.

“Certo, l’idea di Trump è di colpire i tedeschi spaventandoli, spogliandoli sulla fronte. Ma anche questo non ha molto senso, perché la Germania finirebbe per spendere di più per le sue forze armate, al fine di immaginarsi più indipendente, meno “satellite” di prima. “Infine, la decisione di spostare il comando centrale delle forze statunitensi da Stoccarda:” Sembra una punizione, sembra quasi una decisione di un bambino “.

Inoltre, spiega Fabbri, per quanto riguarda il movimento delle truppe, stiamo in realtà parlando di piccoli numeri. Escludendo i soldati che torneranno negli Stati Uniti, quelli destinati alla Polonia e forse ai Paesi baltici non sono grandi movimenti di truppe “, anche perché un massiccio trasferimento di forze verso l’Oriente rappresenterebbe una inaccettabile provocazione, al confine con l’aggressività. non ha senso provocare Mosca fino a questo punto, perché è un paese quasi moribondo a livello strategico “. Per quanto riguarda il trasferimento in Italia, la ragione è che il nostro paese “ha già le strutture più avanzate in Europa occidentale, quindi è semplicemente conveniente”.

READ  Politici con il bonus di 600 euro, Tridico non fa i nomi e (ancora) mette in discussione la privacy. "La task force antifrode ha indagato sulle anomalie e sta valutando eventuali richieste di restituzione"

La paura che Berlino diventerà “qualcos’altro”

Così? La risposta è sempre nel rapporto irrisolto con la Germania, nella paura che la Germania “diventerà qualcos’altro, qualcosa che nemmeno i tedeschi possono dire oggi”. Fabbri non esita a parlare dell ‘”aperta ostilità” di Washington a Berlino: gli scontri faccia a faccia estremamente difficili tra Donald Trump e Angela Merkel ci mostrano due mondi sempre più distanti, dalle continue richieste di multilateralismo da parte del cancelliere alla profonda differenza nei rapporti con la Cina, fino al rifiuto da parte dell’ex ragazza dell’est all’invito dell’ex magnate a un G7 da organizzare a Camp David (maleducato che diverse fonti suggeriscono a Berlino sarebbe stato il fattore scatenante di la decisione di ritirare le truppe).

Per estensione, il confronto si estende all’Europa. Per l’analista, “ciò che è accaduto nell’ultimo Consiglio europeo con il lancio del Fondo di recupero ha solo confermato i sospetti americani sulla Germania, il che ha dimostrato che vuole diventare il perno geopolitico e non solo economico del Vecchio Continente. Soprattutto in il momento in cui dimostra di voler trascorrere per altri paesi, come l’Italia “, in vista di una visione condivisa dei destini europei, non solo di quelli strettamente economici. Ma, avverte Fabbri, l’ostilità nei confronti di Berlino non è solo la storia di Trumpian: “è presente da anni, compresa l’era di Obama, anche se con un’altra narrazione. All’epoca del precedente inquilino della Casa Bianca era solo più flauto”.

Le prime reazioni tedesche, come quella del presidente della Commissione estera Norbert Roettgen, parlano di “un indebolimento della NATO” e del fatto che il ritiro dei soldati rappresenti un danno per gli Stati Uniti in prima linea. “Non c’è dubbio, i tedeschi hanno ragione in questo. Pensiamo solo alla parte delle truppe che dovrebbero essere rimpatriate: secondo il progetto, circa la metà continuerà ad agire in Europa. Cioè, saranno trasferiti temporaneamente, senza famiglie, dato quanto costerà mandarli a fare avanti e indietro tra gli Stati Uniti e il Vecchio Continente “.

READ  Politici con il bonus di 600 euro, Tridico non fa i nomi e (ancora) mette in discussione la privacy. "La task force antifrode ha indagato sulle anomalie e sta valutando eventuali richieste di restituzione"

In breve, il grande gioco in giro per l’Europa è la vera posta in gioco, suggerisce Fabbri. Un grande gioco in cui ovviamente anche la Cina ha un ruolo: “Le strade della seta sono progettate per essere i mezzi con cui sostituire la globalizzazione americana con la tua. Ma in questo modo tutti finiscono in Germania. I cinesi sanno che il gioco si gioca nel Vecchio continente “. O, per dirla in altro modo: “Se non domini l’Europa, non domini il mondo. E gli americani lo sanno bene.” Se il ritiro dei soldati sia la mossa giusta è un’altra domanda. Ancora senza risposta.

Barbara Matro

Barbara Matro

Linguista esperto e professionista della comunicazione con esperienza pluriennale lavorando su progetti di copywriting, transcreation, implementazione creativa e localizzazione per una vasta gamma di clienti e agenzie globali. Pensatore creativo, creativo e comprovata esperienza di lavoro sotto pressione con scadenze strette per soddisfare le aspettative del cliente e superarle. Spinto dallo spirito imprenditoriale, dallo scopo e dalla mentalità creativa per anticipare le esigenze del cliente e elaborare strategie personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *