Il volo di Stanley Ho a Macao nella seconda guerra mondiale gettò le basi per la sua fortuna. Ma non è stato senza polemiche

Ma prima che Ho producesse Macao, doveva farlo da solo.

Nato nel 1921, Ho attraversò momenti difficili quando suo padre fuggì a Saigon, dopo che la sua attività fallì alla fine degli anni 1920, lasciando quel lato della famiglia senza un soldo. Non molto tempo dopo scoppiò la seconda guerra mondiale.

Dopo l’attacco a Pearl Harbor il 7 dicembre 1941, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti dichiararono guerra al Giappone. L’esercito giapponese ha invaso la colonia britannica di Hong Kong dove, nonostante la feroce resistenza, la città cadde il giorno di Natale.

Ho, che aveva lavorato come guardia antiaerea, gettò via la sua uniforme per paura di essere giustiziato quando Hong Kong passò sotto il dominio giapponese, ha ricordato nel libro di Jill McGivering, “Memories of Macao”.

Ma a differenza delle migliaia di persone che morirono di fame, in battaglia o per mano dei giapponesi, Ho aveva delle opzioni.

Suo prozio era Sir Robert Hotung, il ricco acquirente eurasiatico, il primo uomo cinese a vivere a Hong Kong’s Peak, un quartiere ricco in cui solo gli occidentali potevano risiedere.

Negli anni ’40, Sir Robert viveva a Macao e invitò Ho, che allora aveva 20 anni, a unirsi a lui nella colonia portoghese dove aveva molte opportunità ad aspettarlo.

Negli anni ’90, Ho disse allo storico Philip Snow, che scrisse un libro sulla caduta di Hong Kong e sull’occupazione giapponese, “Ho guadagnato molti soldi dalla guerra”.

È così che l’ha fatto.

Macao: città di pace

All’inizio degli anni ’40, con gran parte della Cina sotto il controllo giapponese, Macao si trovò in una posizione unica nel teatro asiatico.

Il Portogallo rimase neutrale nella guerra, fino al 1944, e come tale anche Macao era considerato territorio neutrale. La colonia fu amministrata dal governatore portoghese Gabriel Maurício Teixeira e dall’enigmatico Dr. Pedro José Lobo, noto semplicemente come Dr. Lobo.

Tuttavia, il Giappone controllava i mari e i porti intorno a Macao. Ciò significava che Macao doveva cooperare con i giapponesi per consentire a cibo e forniture di entrare nella colonia. Per Teixeira e Lobo, è stato un delicato equilibrio tra preservare l’integrità neutra del territorio ed evitare una collaborazione aperta con i giapponesi.

Le condizioni di guerra erano difficili a Macao. Le scorte di cibo erano scarse, l’inflazione dilagava e la colonia doveva affrontare un numero crescente di rifugiati cinesi ed europei. Il contrabbando e il mercato nero fiorirono.

Le truppe giapponesi sfilano per la sconfitta di Hong Kong nel 1941.

Per risolvere questo problema, Lobo creò la Macao Cooperative Company (CCM) e Lobo chiese a Sir Robert Hotung se c’era qualcuno di cui si fidasse per lavorare come segretario della compagnia.

Sir Robert ha raccomandato Ho.

Il CCM fu senza dubbio l’istituzione più importante di Macao durante la guerra: l’organizzazione che teneva in pasto la colonia. La sua funzione principale era quella di mantenere la vita economica di Macao, in grado di alimentare e bilanciare il delicato rapporto con i giapponesi.

Era un terzo di proprietà di Lobo, un terzo di proprietà delle famiglie portoghesi più ricche di Macao, e l’ultimo terzo era di proprietà dell’esercito giapponese.

Ho conosciuto la configurazione quando si è unito.

In un’intervista a Simon Holberton del Financial Times più di mezzo secolo dopo, Ho ha dichiarato: “Era responsabile di un sistema di baratto, aiutando il governo di Macao a scambiare macchinari e attrezzature con i giapponesi, in cambio di riso, zucchero, fagioli .

“Allora era un funzionario semi-governativo. Era l’uomo di mezzo.”

Re del cherosene

Come segretario del MWC, Ho è stato autorizzato da Lobo a mantenere la Macao alimentata barattando tutto ciò che l’isola aveva da offrire.

Questo non era un lavoro d’ufficio. Ho dovuto viaggiare regolarmente in barca con i pagamenti per ricevere la merce e riportarla a Macao. Il suo compito era giocare con le autorità portoghesi, l’esercito giapponese, le bande della triade e le varie fazioni della Cina.

Nelle sue memorie, Ho ha ricordato che il suo primo e più urgente compito era quello di imparare il portoghese e il giapponese perché il suo lavoro era lo scambio tra i due.

C’è un elemento di audacia nella vita di guerra di Ho a Macao. Navigare con riso, verdure, fagioli, farina, zucchero e altre forniture tra l’Indocina francese e Macao, lungo la costa meridionale della Cina e intorno all’isola di Hainan, significava evitare le bande di pirati che avrebbero portato il loro oro durante il viaggio. solo andata e le loro provviste all’ingresso. .

La costa di Macao nel 1941.

I guerriglieri nazionalisti o comunisti cinesi erano ugualmente interessati a garantire forniture o denaro per loro, e molti consideravano le attività del CCM come una collaborazione con il nemico.

Le navi da guerra giapponesi erano note per il fuoco su tutti i tipi di navi civili, mentre, più tardi durante la guerra, secondo lo storico Geoffrey Gunn, i sottomarini americani e britannici potevano affondare qualsiasi nave che pensavano avesse a che fare con i giapponesi.

Intorno a questo periodo, Ho ha aperto una fabbrica di cherosene quando le scorte pubbliche di carburante stavano per esaurirsi, secondo Joe Studwell, che ha condotto molte interviste con i soci della famiglia Ho per il suo libro “Asian Godfathers”.

Verso la fine della guerra, gli Stati Uniti, preoccupati che il Giappone prendesse il controllo totale di Macao e lo usassero come base per difendere la Cina meridionale e Hong Kong, bombardarono il terminal della benzina di Macao all’inizio del 1945 per negare il rifornimento alla marina e all’aria giapponesi. vigore.

L’attacco, rimuovendo l’unica altra fonte di cherosene di Macao, ha inavvertitamente reso Ho essenziale per il proseguimento dell’operazione di Macao ed estremamente ricco.

Controversia

Dopo la guerra, Ho affrontò le critiche per aver collaborato con i giapponesi.

Ma la neutralità in tempo di guerra di Macao fu sempre soggetta all’influenza giapponese, specialmente dopo la caduta di Hong Kong. E nel 1943, quando Tokyo chiese l’installazione di consiglieri giapponesi per sorvegliare Macao, sull’isola venne creato un protettorato giapponese virtuale. Il contatto era inevitabile. Ho ha affermato di aver insegnato inglese al colonnello Sawa, il capo della polizia segreta militare giapponese a Macao.

Tuttavia, il governo nazionalista cinese, che aveva combattuto rumorosamente contro Tokyo dal 1937, considerava le transazioni commerciali di Ho e CMM insidiose e sosteneva la guerra del Giappone contro la Cina.

Stanley Ho aveva accumulato una fortuna alla fine della seconda guerra mondiale. Questa immagine è del 1971.

Funzionari cinesi hanno tentato di arrestare Ho per collaborazione, ma, secondo il loro resoconto del tentativo, la polizia coloniale portoghese lo ha protetto. Alla fine del 1945 Ho era troppo trincerato, troppo importante per l’economia di Macao perché l’amministrazione portoghese potesse consegnarlo in Cina.

A sua difesa, Ho ha scritto che quando gli è stato chiesto perché dovesse lavorare con i giapponesi a causa del loro trattamento nei confronti dei cinesi, ha dichiarato che gli era stato detto che “era un ordine del governo portoghese” e che “senza cibo, la gente di Macao morirà di Affamato “.

Dopo la guerra

Entro la fine della seconda guerra mondiale nel 1945, Stanley Ho aveva acquisito quattro cose fondamentali: in primo luogo, ha cementato una relazione permanente con Lobo, il grande capo non ufficiale di Macao.

Quindi, nel 1942, sposò la figlia di una ricca famiglia portoghese, dandogli protezione e status sociale. In terzo luogo, ha accumulato una fortuna ed era un milionario quando ha compiuto 24 anni. In quarto luogo, ha fondato attività nel settore del riso, del cherosene e delle costruzioni.

A poche settimane dalla resa giapponese nell’agosto 1945, Ho tornò a Hong Kong facendo investimenti strategici, come l’acquisto di una nave per avviare il primo servizio di traghetti postbellico tra le due colonie.

Aveva denaro, posizione, famiglia e buoni amici in posizioni utili.

Era pronto a rifare Macao e investire massicciamente nel dopoguerra a Hong Kong. Nelle sue memorie del periodo, Ho scrisse: “Macao era il paradiso durante la guerra”.

Ho avuto, come si suol dire, una guerra molto buona.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *