India Tensioni al confine cinese: il ministro della Difesa rivela grandi movimenti di truppe cinesi

Parlando alle notizie affiliate alla CNN18, il ministro della Difesa indiano Rajnath Singh ha detto martedì che un “numero significativo” di truppe cinesi si è trasferito sull’attuale linea di controllo (ALS) tra i due paesi.

“È vero che il popolo cinese è al confine. Sostengono che è il loro territorio. La nostra affermazione è che è la nostra area. C’è stato disaccordo sul fatto che … l’India ha fatto quello che dovrebbe fare.” Ha detto Singh durante l’intervista.

“Non vogliamo che nessun paese si inchini a noi e non ci inchineremo a nessun paese”, ha aggiunto Singh.

India e Cina condividono uno dei confini terrestri più lunghi del mondo. Nel 1962, i due paesi iniziarono una sanguinosa guerra di confine in Himalaya e le tensioni hanno continuato a divampare sporadicamente nei decenni successivi.

Il mese scorso, un’aggressiva scaramuccia transfrontaliera tra le forze cinesi e indiane ha provocato lievi ferite alle truppe. L’incidente è stato seguito nelle ultime settimane da rapporti non confermati di tensioni nell’area montuosa, sebbene nessuna delle parti avesse riconosciuto pubblicamente qualcosa di straordinario.

Il 1 ° giugno, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha dichiarato in una conferenza stampa che la situazione al confine era “stabile e controllabile”.

“Le due parti possono risolvere i problemi correlati attraverso meccanismi di frontiera e canali diplomatici consolidati”, ha affermato.

I commenti di Zhao sono arrivati ​​il ​​giorno dopo che il tabloid nazionalista cinese Global Times ha pubblicato un articolo che prevedeva una serie di nuove armi militari, che potevano essere schierate in “conflitti in alta quota” come il confine himalayano.

“Le truppe di difesa di frontiera cinesi hanno rafforzato le misure di controllo delle frontiere e hanno reso necessari i movimenti in risposta alla recente costruzione illegale di strutture di difesa indiane attraverso il confine nel territorio cinese nella regione della valle di Galwan Maggio “, dice l’articolo.

Il ministro della Difesa indiano Rajnath Singh (C) arriva al Parlamento a Nuova Delhi l'11 febbraio.

Linea di controllo effettiva

Nel 1993, dopo anni di scontri e negoziati territoriali, la Cina e l’India hanno finalmente firmato un accordo che ha tentato di segnare un lungo tratto di confine tra i due paesi.

Quel confine è noto come linea di controllo effettiva, Ma la sua posizione precisa può essere sfocata e ci sono ancora controversie tra Cina e India su dove finisce un paese e dove inizia l’altro.

L’ex segretario agli Esteri indiano, Nirupama Rao, ha dichiarato sul suo account Twitter ufficiale che Delhi e Pechino non sono nemmeno riuscite a concordare la lunghezza del confine tra i due paesi.

“Il confine India-Cina è lungo 3.488 chilometri (2.167 miglia) … Nella definizione cinese, il confine India-Cina è lungo circa 2.000 chilometri (1.242 miglia)”, ha detto.

Anche i media statali cinesi hanno affrontato il problema.

“Non esiste una vera linea di controllo lungo il confine Cina-India che entrambe le parti riconoscono”, ha dichiarato il Global Times in un articolo del 25 maggio.

L’ultima volta che le tensioni al confine sono aumentate è stato nel 2017, quando le truppe si sono concentrate su e intorno al Doklam Plateau, un sottile striscia di terra nella triplice unione tra India, Cina e Bhutan. Sebbene non faccia parte del territorio indiano, la zona è vicina al “collo di pollo”, un corridoio strategico che funge da arteria vitale tra Delhi e i suoi stati nord-orientali.
Il Bhutan ha accusato la Cina di costruire un’autostrada nel suo territorio, che Pechino ha negato. Quindi l’India è intervenuta per sostenere le affermazioni del Bhutan, portando a uno scontro di mesi, che includeva esercitazioni antincendio dal vivo dell’Esercito popolare di liberazione al confine.
Soldati cinesi e indiani vengono coinvolti in & # 39; aggressivo & # 39; scaramuccia transfrontaliera

Gli Stati Uniti esprimono il loro sostegno all’India

Il 29 maggio, il segretario di Stato degli Stati Uniti Mike Pompeo è entrato nella saga territoriale, esprimendo le sue preoccupazioni sulla disputa di confine su un podcast.

“Il Partito Comunista Cinese: la natura delle attività che stanno svolgendo … Ancora oggi, le forze in crescita della Cina si sono spostate nell’India settentrionale sulla linea di controllo reale lì al confine indiano”, ha detto Pompeo. “Questo è il tipo di azione che i regimi autoritari intraprendono e hanno un impatto reale”.

Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato il mese scorso che gli Stati Uniti sarebbero disposti a mediare o arbitrare le controversie di confine tra India e Cina.

“Abbiamo informato sia l’India che la Cina che gli Stati Uniti sono pronti, disposti e in grado di mediare o arbitrare la disputa sul confine che sta per scoppiare. Grazie!” ha twittato.

Le relazioni tra EE. Stati Uniti d’America E la Cina si è deteriorata rapidamente durante la pandemia di coronavirus e quando Pechino cerca di stringere la sua presa sulla città semi-autonoma di Hong Kong.

Il ministero degli Esteri cinese ha risposto in risposta che non aveva bisogno di un “terzo” per intervenire al suo confine con l’India. Ma i funzionari statunitensi hanno continuato a parlare della situazione.

Il 1 ° giugno, Eliot Engel, presidente della commissione per gli affari esteri della Camera degli Stati Uniti, ha dichiarato di essere “estremamente preoccupato” per i movimenti delle truppe cinesi. lungo la linea di controllo effettiva.

“La Cina sta dimostrando ancora una volta di essere pronta a intimidire i suoi vicini piuttosto che a risolvere i conflitti in conformità con il diritto internazionale”, ha affermato in una nota.

“Esorto caldamente la Cina a rispettare le regole e ad usare la diplomazia e i meccanismi esistenti per risolvere le sue questioni di confine con l’India”.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *