Israele, il primo Paese al mondo a tornare al blocco: da oggi chiuse scuole, hotel e centri commerciali

L’orizzonte è di tre settimane, ma saranno i dati di contagio per determinare se sarà necessario o meno estensione. Dalle 14 di oggi Israele ritorno nel confinamento per la seconda volta, ed è il primo Paese al mondo a chiudere nuovamente tutto a causa della pandemia. Una decisione che arriva dopo una curva allarmante di nuovi positivi, con più di 5mila casse al giorno. Ieri il picco massimo dall’inizio della crisi sanitaria: oltre 6mila in 24 ore, con l’11,53% di tamponi risultati positivi. Centri commerciali e alberghi sarà chiusa. Sono state chiuse anche scuole di ogni ordine e grado ma, per ora, solo da una settimana, mentre ai cittadini è vietato uscire di casa per più di 1000 metri e possono uscire solo per i bisogni essenziali (cibo e farmaci). Bar, ristoranti e luoghi culturali saranno chiusi, ma molti bagni e altre strutture religiose rimarranno aperti. Dall’inizio della pandemia sono stati registrati più di 172.000 casi nel paese, di cui 1.165 decessi, secondo i dati del ministero della Salute.

Le proteste – Le nuove restrizioni sono fonte di preoccupazione cittadini e imprenditori. Giovedì a tel Aviv centinaia di persone hanno protestato, incluso medici e scienziati che sarebbe inefficace. Medico Amir Shahar, capo di un dipartimento di emergenza nella città di Netanya e uno degli organizzatori della manifestazione ha affermato che il blocco è “disastroso” e farà “più male che bene”.

E tra coloro che protestano ci sono anche gli ebrei praticanti e ultra-ortodosso, preoccupati che il nuovo blocco possa ostacolare la vacanza di Rosh Hashanah, il capodanno ebraico, che va dalla sera di oggi al 20 settembre. Il primo confinamento, in marzo e aprile, ha bloccato il Pasqua Ebraica, la festa che segna il liberazione degli antichi ebrei dalla schiavitù in Egitto. La festa di Rosh Hashanah è celebrato da entrambi i credenti e da non credenti con famiglia e amici. Molti vanno alle sinagoghe, spesso trascorrendo ore in preghiera, soprattutto durante il digiuno dello Yom Kippur, il giorno dell’espiazione, che cade alla fine di questo mese. Ma quest’anno, quelli tradizionali riunioni di famiglia non sarà possibile, il preghiere della sinagoga sarà limitato ai bambini gruppi e il restrizioni le tasse di viaggio lasceranno vuote molte strade. Gli incontri sono infatti limitati a 10 persone all’interno e 20 all’aperto, limitando il numero di fedeli che possono partecipare funzioni. Bar, ristoranti e luoghi culturali saranno chiusi, ma molti bagni e altri strutture religiose rimarranno aperti.

Netanyahu sotto attacco per la gestione della pandemia – Il Israeliani hanno mostrato frustrazione quando i primi segni di ripresa hanno ricevuto dopo il primo confinamento furono sventate in poche settimane, con le autorità incapaci di controllare il picco cosa è seguito. Da allora ci sono state proteste settimanalmente che ha attirato migliaia di persone nella residenza di Netanyahu un’ Gerusalemme, con i manifestanti che chiedevano le sue dimissioni per la gestione del Covid-19, le ricadute di pandemia e i suoi processi di corruzione. Il presidente israeliano, Reuven Rivlin, ha inviato un messaggio di vicinanza ai cittadini affermando che il confinamento ostacola “la nostra capacità di stare insieme, di celebrare insieme, per piangere insieme, per pregare insieme ”ma“ voglio che alziamo la testa e abbiamo fede ”. Nel frattempo il polizia israeliana sta inviando migliaia di agenti nel tentativo di far rispettare il regolamenti, con i autori di reato che rischiano centinaia di dollari di multe.

Memoriale al coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Dalle acque emerge un rarissimo esemplare di delfino rosa: immagini da Hong Kong

Il prossimo


Articolo successivo

Jihad, ora in Africa si misurano le rivalità interne tra Isis e Al Qaeda

Il prossimo


Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *