La copertina di British Vogue per luglio comprende ostetrica, macchinista e magazziniere

Scritto da Amy Woodyatt, CNNLondra

British Vogue I lettori potrebbero avere più familiarità con vedere top model o celebrità sulla copertina, ma il numero di luglio sarà un po ‘diverso, con i lavoratori chiave che contribuiranno a fornire servizi essenziali durante tutto l’anno. pandemia di coronavirus.

Un’ostetrica della comunità, un conduttore di treni e un addetto al supermercato saranno i protagonisti dell’ultima edizione.

In una dichiarazione rilasciata su Instagram lunedì, caporedattore di British Vogue Edward Enninful Ha spiegato che la rivista ha deciso di profilare le donne, tutte le lavoratrici chiave, per rendere omaggio al loro “coraggio e dedizione per aiutare gli altri”.

“Questo capitolo della storia ha visto una società spostare la sua attenzione su alcune persone in questo paese che sono generalmente trascurate”, ha scritto Enninful.

Ha detto che l’impegno dei lavoratori in prima linea durante la pandemia “ci ha sorpreso tutti”.

Enninful è responsabile della rivista dall’agosto 2017. L’ex modella, nata in Ghana e cresciuta a Londra, è la prima casa editrice non bianca nella storia della rivista.

L'ostetrica della comunità Rachel Millar, 24 anni, è apparsa nel numero.

L’ostetrica della comunità Rachel Millar, 24 anni, è apparsa nel numero. Credito: Jamie Hawkesworth / British Vogue

“Se mi avessi detto all’inizio di quest’anno che le copertine di @ BritishVogue a luglio avrebbero caratterizzato un’ostetrica della comunità, un macchinista e un lavoratore del supermercato, forse non ti avrei creduto”, ha continuato su Instagram.

“Ma, mentre la nostra nazione persevera contro Covid-19, ci troviamo a fare affidamento non sui poteri esistenti, ma sulle persone comuni e sulla loro straordinaria forza e gentilezza”, ha aggiunto Enninful.

Le tre donne, fotografate da Jamie Hawkesworth, sono Rachel Millar, un’ostetrica della comunità a East London, Narguis Horsford, un macchinista al London Overground e Anisa Omar, una commessa del supermercato che lavora a King’s Cross in Londra.

Anisa Omar disse alla rivista che la pandemia aveva cambiato il modo in cui il suo lavoro veniva percepito.

Anisa Omar disse alla rivista che la pandemia aveva cambiato il modo in cui il suo lavoro veniva percepito. Credito: Jamie Hawkesworth / British Vogue

Per l’argomento, le donne hanno raccontato alla rivista alcune delle loro reazioni alla pandemia, al confinamento e ai cambiamenti nella loro vita quotidiana.

“Prima della pandemia, il mio lavoro non era poi così importante, ma ora è come se fossimo importanti. È bello”, ha detto Omar, 21 anni. detto la rivista per il numero, intitolata “The New Front Line”.

Nel frattempo, Millar, un’ostetrica di 24 anni, ha parlato di imparare ad adattarsi a tempi difficili.

“È un momento confuso, è un momento di ansia e non abbiamo mai sperimentato qualcosa di simile prima, quindi stiamo imparando cosa fare e come affrontare questa situazione per la prima volta”, ha detto Millar.

Il macchinista di Horsford disse alla rivista: “Non sono un eroe, ma sono orgoglioso di essere un macchinista e il ruolo essenziale che stiamo svolgendo durante la crisi del coronavirus”.

“I nostri servizi sono fondamentali per mantenere Londra in movimento in questi tempi senza precedenti e per mantenere la sicurezza, per garantire che i nostri lavoratori chiave possano arrivare dove devono essere per fornire i servizi di cui hanno bisogno.”

Hawkesworth, che ha scattato le immagini per 10 giorni, ha dichiarato che il progetto è stato “veramente uno dei progetti più significativi di cui ho avuto la fortuna di far parte”.

Nel suo post, Enninful ha descritto come Hawkesworth “abbia attraversato con cura la capitale” per catturare immagini di donne il cui “coraggio ha aiutato così tante persone”.

il rivista, con le donne e le loro storie, sarà in vendita il 5 giugno.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *