La dichiarazione di Ben e Jerry sulla supremazia bianca è così straordinaria. Ecco perché

In una dichiarazione forte pubblicato sul sito Web della società martedì sera, Ben & Jerry’s descrive il La morte di George Floyd, un uomo di colore disarmato, per mano di un ufficiale di polizia bianco a causa della “disumana brutalità della polizia che viene perpetuata da una cultura della supremazia bianca”.
“Quello che è successo a George Floyd non è stato il risultato di una mela cattiva; è stata la prevedibile conseguenza di un sistema e cultura razzista e prevenuto che ha trattato i corpi neri come nemici sin dall’inizio”, ha affermato il marchio, di proprietà di Unilever (UL).
Aziende incluse Nike (NKE), Netflix (NFLX), cinguettio (TWTR), Disney (DIS), Facebook (pensione completa) e Intel (INTC) Negli ultimi giorni hanno condannato il razzismo e l’ingiustizia. Ma la dichiarazione di Ben & Jerry è insolitamente esaustiva e diretta, affrontando le radici storiche della discriminazione negli Stati Uniti e denunciando il razzismo sistemico, sostenendo politiche specifiche per prevenire ulteriori abusi della polizia e correggere la disuguaglianza razziale.

“La schiavitù, Jim Crow e la segregazione erano sistemi di supremazia bianca legalizzata e monetizzata per la quale generazioni di neri e marroni pagavano un prezzo incalcolabile. Tale costo deve essere riconosciuto e il privilegio che alcuni hanno accumulato a spese di altri deve essere considerato. e riparato “, ha dichiarato la società nella sua dichiarazione.

Ben & Jerry’s, che ha anche sostenuto pubblicamente Black Lives Matter Il movimento ha invitato il presidente Donald Trump a respingere i suprematisti bianchi e i gruppi nazionalisti che “lo sostengono apertamente”.
Il gelatiere ha anche chiesto al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Stati Uniti d’America Che rivitalizzi la sua divisione per i diritti civili e che il Congresso approvi H.R.40, un disegno di legge che avrebbe creato una commissione per studiare gli effetti della discriminazione da quando gli schiavi africani arrivarono per la prima volta in Nord America nel 1619 e raccomandavano rimedi.
Ben & Jerry’s ha una lunga storia di attivismo politico sotto i fondatori Ben Cohen e Jerry Greenfield, che lo erano arrestato nel 2016 per aver protestato contro il denaro in politica.
Della società riduzione al gigante dei beni di consumo britannico-olandese Unilever (UL) nel 2000 non gli ha impedito di parlare di questioni come l’ingiustizia razziale, i cambiamenti climatici e i diritti dei rifugiati. Come parte dell’accordo, Ben & Jerry’s ha mantenuto un consiglio di amministrazione indipendente. “Siamo una consociata interamente controllata [of Unilever]ma agiamo ancora in conformità con la missione, la visione e i valori di Ben & Jerry “, ha detto un portavoce alla CNN Business.
Il marchio ha persino usato il suo gelato per spingere per il cambiamento, lanciando il Il sapore della giustizia ReMix a settembre per promuovere la riforma della giustizia penale e Resistenza pecan nel 2018 per protestare contro le politiche dell’amministrazione Trump che ha definito “regressive e discriminatorie”.
Ben & amp; I co-fondatori di Jerry Ben Cohen (a sinistra) e Jerry Greenfield (D) svelano il giudice Remix durante una conferenza stampa con Judith Dianis (C), direttore esecutivo del progetto di avanzamento.

La società è stata elogiata dagli attivisti dei social media per la forza della sua dichiarazione sulla morte di Floyd.

“A meno che e fino a quando l’America bianca non sarà disposta a riconoscere collettivamente il proprio privilegio, assumersi la responsabilità del proprio passato e dell’impatto che ha sul presente e impegnarsi a creare un futuro pieno di giustizia, l’elenco dei nomi George Floyd è stato aggiunto senza fine. Dobbiamo sfruttare questo momento per accelerare il lungo viaggio della nostra nazione verso la giustizia e un’unione più perfetta “, ha concluso la dichiarazione.

Anche il CEO di Unilever Alan Jope ha commentato la questione. “Il razzismo sistemico e l’ingiustizia sociale devono essere sradicati. Le imprese hanno un ruolo fondamentale da svolgere nella creazione di una società equa che è intollerante all’intolleranza”, ha dichiarato lunedì lunedì. cinguettio.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *