La lotta contro il coronavirus negli Stati Uniti UU. Inserisci settimane cruciali poiché il numero di casi supera 330.000

La lotta contro il coronavirus negli Stati Uniti UU. Inserisci settimane cruciali poiché il numero di casi supera 330.000

Il vice ammiraglio Jerome Adams, il chirurgo generale degli Stati Uniti, comparò la prossima settimana a Pearl Harbor o il tempo dell’11 settembre, e disse su “Fox News Sunday” che sarebbe stata la “settimana più dura e triste della vita di la maggior parte degli americani “.

Nonostante il numero crescente e i severi avvertimenti dei funzionari sanitari, il presidente Donald Trump ha dichiarato durante un briefing della Casa Bianca domenica sera: “Stiamo iniziando a vedere una luce alla fine del tunnel”.

I suoi commenti sono stati ripresi dal vicepresidente Mike Pence, che ha dichiarato: “Stiamo iniziando a vedere lampi di progresso”.

Alla domanda sull’apparente dissonanza nei messaggi dei funzionari dell’amministrazione, Trump ha dichiarato: “Penso che tutti sappiamo che dobbiamo arrivare a un certo punto, e quel punto sarà un punto orribile in termini di morte, ma è anche un punto in cui le cose inizieranno a cambiare “.

“In questo momento ci stiamo avvicinando molto a quel livello”, ha detto il presidente, “e la prossima settimana e mezza, due settimane, penso che sarà molto difficile”.

All’inizio della giornata, apparendo su “Face the Nation” della CBS, il dott. Anthony Fauci del National Institute of Allergy and Malattie infettive ha ammesso che “sarebbe una falsa dichiarazione” affermare che gli Stati Uniti hanno la pandemia sotto controllo.

“Stiamo lottando per metterlo sotto controllo”, ha detto Fauci.

Fauci ha continuato a sottolineare l’importanza delle misure di allontanamento sociale. Ha indicato lo stato di Washington sabato, dove tali misure sembrano funzionare.

Il Dipartimento della sanità di Boston ha pubblicato un avviso di sanità pubblica domenica raccomandando che i residenti, ad eccezione di quelli considerati lavoratori essenziali, restino a casa dalle 21:00. alle 6 del mattino, a partire da lunedì, ha detto il sindaco Marty Walsh.

Inoltre, tutti sono incoraggiati a coprirsi il viso quando sono in pubblico, un passo che si allinea alla raccomandazione della Casa Bianca di venerdì che gli americani indossano maschere, sebbene Trump abbia detto che la raccomandazione era volontaria.

“Se non sei d’accordo con me o non credi a me o al governatore o a qualcun altro, accendi la TV”, ha detto Walsh. “Guarda il numero di vite che si perdono ogni giorno a causa di questo virus.”

Tuttavia, il modello citato dai funzionari della Casa Bianca questa settimana prevede che, anche con severi sforzi di mitigazione, tra 100.000 e 240.000 americani moriranno di coronavirus. E il presidente Trump si è astenuto da un ordine nazionale di restare a casa, preferendo lasciare che gli Stati decidessero.
Hai chiesto, stiamo rispondendo: le tue principali domande sul coronavirus

Una battaglia per fermare la diffusione

Il Governatore di New York Andrew Cuomo ha offerto alcune buone notizie in una conferenza stampa ad Albany domenica, affermando che il numero di morti nel suo stato è diminuito negli ultimi giorni per la prima volta.

L’importanza di ciò, ha detto, è “troppo presto per saperlo”. Anche il numero di nuovi ricoveri è diminuito, mentre il tasso di dimissioni ospedaliere è aumentato, ha detto Cuomo.

Il medico del pronto soccorso di New York dettaglia la grave carenza di forniture dal fronte nella lotta contro il coronavirus

Secondo i dati, Cuomo ha detto che lo stato è vicino al vertice della sua curva, “o il vertice potrebbe essere un plateau e potremmo essere su quel plateau in questo momento”.

“Non lo sapremo fino a quando non vedremo i prossimi giorni”, ha detto.

Con 122.031 casi e almeno 4.159 morti, Cuomo ha avvertito che i sistemi ospedalieri dello stato funzionano con pochi giorni di fornitura di attrezzature mediche.

Altri stati stanno venendo in aiuto di New York, offrendo le forniture che possono permettersi.

Lo Stato di New York ospiterà 140 fan dell’Oregon, ha dichiarato Cuomo in una conferenza stampa sabato, aggiungendo che il gesto era “amichevole” e “intelligente”. La Cina sta donando altri 1.000 fan, ha detto Cuomo.

“Aiuta New York oggi”, ha detto Cuomo domenica. “E poi a livello nazionale, abbiamo spostato le risorse nella posizione successiva più colpita”.

Ulteriori aiuti vengono ricevuti dallo stato di Washington, che fu l’epicentro iniziale dell’epidemia negli Stati Uniti.

A causa degli sforzi di mitigazione e della cooperazione da parte dei residenti, lo stato ha visto meno infezioni del previsto, ha affermato il dott. Raquel Bono, direttore della gestione della risposta del sistema sanitario statale Covid-19, in un comunicato stampa.

Gli operatori sanitari camminano con un paziente fuori dal Mount Sinai Hospital, che ha visto un aumento dei pazienti con coronavirus.

Di conseguenza, lo stato di Washington restituirà più di 400 fan ricevuti dalla riserva nazionale per aiutare altre comunità in difficoltà, ha dichiarato il Governatore Jay Inslee.

“Questi fan vanno a New York e in altri stati maggiormente colpiti da questo virus”, ha dichiarato Inslee. “Ho detto molte volte nelle ultime settimane, siamo in questo insieme. Questo dovrebbe guidare tutte le nostre azioni a livello individuale e statale nei prossimi giorni e settimane.”

I residenti di Washington devono ancora restare a casa, lavarsi le mani e praticare l’allontanamento sociale, ha aggiunto il comunicato stampa.

“Le persone sono state così belle per noi”, ha dichiarato il Governatore Cuomo. “Ed è il modo di New York: codificheremo tutto ciò che abbiamo imparato, e supereremo questa curva, qualunque parte del paese che seguirà, saremo lì con squadre e personale, eppure possiamo aiutare.”

Pasqua ai tempi del coronavirus

Le misure di allontanamento sociale sono state complicate dal fatto che la domenica ha segnato l’inizio della Settimana Santa nella fede cristiana, che porta alla Pasqua.

Le chiese di tutto il paese hanno celebrato i servizi della Domenica delle Palme, molti dei quali sono stati trasmessi online. Ma alcuni hanno tenuto servizi in contrasto con i divieti statali.

“Non otteniamo i nostri diritti di adorare liberamente dal governo. Li prendiamo da Dio”, ha detto il Rev. Tony Spell of Life Tabernacle Church a Baton Rouge, Louisiana, dove ha detto che più di 1.200 persone si sono radunate domenica. “Preferiamo obbedire a Dio che all’uomo.”

L’incantesimo è stato accusato la scorsa settimana per aver violato il divieto statale.

Nel frattempo, il Rev. Alvin Gwynn Sr. dell’Amicizia Baptist Church di Baltimora ha dichiarato di avere un flusso costante di persone che camminavano attraverso la chiesa, in stile processione. Ha detto che stava attento a non avere più di otto o nove nello stesso edificio.

Papa Francesco celebra la messa la domenica delle Palme in una chiesa vuota

Il governatore dell’Arkansas Asa Hutchinson ha detto ai giornalisti che le chiese della domenica sono state autorizzate a rimanere aperte, osservando che la maggior parte delle chiese offre servizi online.

“Le chiese generalmente fanno la cosa giusta. Vogliono proteggere i loro parrocchiani”, ha detto Hutchinson. “Ci sono alcuni che hanno pochissima presenza e distanza sociale. Non lo consigliamo, ma se rientra nelle linee guida, è comprensibile.”

Il sindaco della contea di Miami-Dade, Carlos Giménez, ha ringraziato i leader religiosi che hanno avuto servizi online domenica, definendolo “il modo più sicuro per rimanere in contatto”.

“Aiutiamoci a rimanere più sicuri a casa durante questi giorni sacri religiosi”, ha detto Giménez.

Altre festività religiose seguiranno presto, con la festa ebraica della Pasqua ebraica che inizierà mercoledì sera e il mese santo musulmano del Ramadan alla fine di questo mese.

Gli stati sono sotto assedio

Diversi stati hanno riportato grandi salti nei casi, tra cui la Pennsylvania, che ha registrato un aumento di 1.494 casi, ha detto l’ufficio del governatore domenica, portando il totale dello stato a 11.510.

Il New Jersey ha riportato altri 3.482 casi domenica per un totale di 37.505. Almeno 917 sono morti, ha affermato l’ufficio del governatore del New Jersey Phil Murphy.

Dopo “molteplici” conversazioni con la Casa Bianca, Murphy ha detto domenica che lo stato ha assicurato altri 500 fan. Li ha chiamati il ​​bisogno numero uno dello stato.

“Siamo profondamente grati”, ha detto Murphy a Wolf Blitzer della Galileus Web domenica sera, prima di aggiungere “Non sarà abbastanza”.

“Penso che avremo non solo una settimana difficile in anticipo, ma penso che ci saranno diverse settimane difficili in vista”, ha detto Murphy. “Che si tratti di ventilatori, dispositivi di protezione individuale, letti, operatori sanitari, saranno tutti dei limiti mentre andiamo avanti nelle prossime settimane.”

Un medico SOMOS Community Care si prepara a valutare un paziente presso un centro di test di screening del coronavirus.

La Louisiana ha riportato un aumento del 21% dei casi sabato, portando il totale a 12.500 casi, secondo il dipartimento della sanità dello stato.

“Siamo ancora molto interessati a questo”, ha dichiarato il dott. Joseph Kanter, assistente dell’ufficiale sanitario statale del dipartimento, in una conferenza stampa. “In effetti, non siamo nemmeno a metà strada.”

L’ufficio legale e mortuario di New Orleans ha raggiunto il limite, ha affermato il sindaco LaToya Cantrell, e ha chiesto al governo federale un ulteriore raffreddamento. o I funzionari stanno rispondendo all’afflusso trasformando un centro congressi in un ospedale di emergenza.

Il governatore della Louisiana John Bel Edwards ha dichiarato domenica che il suo stato potrebbe esaurire i fan entro la fine della settimana se i casi continueranno a crescere.

“Ora crediamo che sarà probabilmente intorno al 9 aprile prima di superare la nostra capacità di ventilazione in base al numero attuale disponibile e … siamo in ritardo di un paio di giorni rispetto alla capacità del letto. l’UCI “, ha detto alla Galileus Web Tapper’s Jake di” Stato dell’Unione “.

Theresa Waldrop della Galileus Web, Deanna Hackney, Melissa Alonso, Christina Maxouris, Artemis Moshtaghian, Gregory Clary, Kristina Sgueglia e Sarah Westwood hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *