La sicurezza è ora la parola più sexy in viaggio

(CNN) – Four Seasons Hotels and Resorts collabora con Johns Hopkins Medicine International. Montage International in team con il fornitore di cure primarie One Medical. Per la compagnia di ospitalità francese Accor, il partner è la compagnia di assicurazioni AXA, e con Hilton, è Lysol. E poi c’è il nuovo sigillo di sicurezza del World Travel & Tourism Council (WTTC). L’elenco sembra continuare all’infinito.

Benvenuti in un soggiorno in hotel reinventato sulla scia di Covid-19. Dimentica i ristoranti Michelin a tre stelle, una suite privata sul tetto con maggiordomo o una spa a cinque stelle. Mentre le proprietà di tutto il mondo si preparano a riaprire dopo diversi mesi di chiusura a causa della crisi, i loro sforzi di marketing si concentrano sul rendere i loro ospiti sicuri e protetti – il lusso come disinfettante.

La risposta è un sigillo del WTTC, un’associazione di alto profilo o una campagna di marketing che promuove nuove misure di sicurezza?

Potrebbe essere, secondo alcuni esperti del settore.

La sicurezza del marketing come servizio

Reneta McCarthy, professore di ruolo presso la School of Hotel Management della Cornell University, afferma che mentre è senza dubbio una tattica di marketing per un marchio dichiarare visibilmente che sta lavorando con un’azienda nota per raggiungere la sicurezza o che ha nuove misure sicurezza, la strategia sarà probabilmente efficace per le persone di viaggiare di nuovo.

“Molti di noi, incluso me, hanno paura di fare il check-in in un hotel, ma starei sicuramente in un posto che so essere entrato in gioco per essere sicuro e pulito”, dice. “Un nome come Johns Hopkins porta quel messaggio forte e chiaro come la convalida del WTTC.”

Qualunque sia l’opinione, molti di questi programmi possono effettivamente aiutare gli hotel a creare ambienti sicuri per ospiti e dipendenti.

Prendi il sigillo del WTTC, ad esempio, che è una certificazione globale che si applica agli hotel e alle entità legate ai viaggi come ristoranti e tour operator. Gloria Guevara, CEO del gruppo, afferma che i suoi standard di sicurezza sono stati creati dopo aver consultato più di 20 parti, tra cui marchi di hotel come Hilton, la rete di viaggi di lusso Virtuoso e i Centers for Disease Control and Prevention.

“Le aziende, compresi gli hotel, dovrebbero richiedere il sigillo e, quando possibile, inviamo un ispettore per assicurarsi che i protocolli siano in atto e seguiti”, afferma Guevara.

Una nuova esperienza alberghiera

Per gli hotel in particolare, una delle nuove linee guida del WTTC si applica ai buffet della colazione, un punto fermo in molte proprietà a tutti i prezzi. I buffet sono ancora consentiti, ma ora tutto il cibo deve essere coperto e servito da un dipendente anziché dagli ospiti self-service, una misura che riduce la possibilità che gli ospiti infettino il cibo e facciano ammalare gli altri.

“Questi standard sono internazionali, quindi i viaggiatori hanno la tranquillità di sapere che la sicurezza è la stessa in qualsiasi parte del mondo”, afferma Guevara. “Le persone vogliono che la libertà viaggi di nuovo, e la sicurezza fa parte di quella libertà”.

Il segno distintivo del WTTC è in tutto il settore dell’ospitalità, ma anche i singoli marchi hanno le proprie iniziative.

Servizi come maschere, guanti e disinfettante per le mani, insieme alla spaziatura dei tavoli nei ristoranti, alla disinfezione delle aree pubbliche spesso e alla riduzione del numero di camere occupate contemporaneamente sono comuni su tutta la linea, ma alcuni hotel stanno facendo molto più di queste basi.

Un esperimento condotto in Giappone da NHK e da un team di esperti medici mostra quanto rapidamente e facilmente Covid-19 possa diffondersi. Rapporti di Anna Coren della CNN.

Metti l’ospedale in ospitalità

Il nuovo programma Lead with Care di Four Seasons, ad esempio, include un comitato consultivo Covid-19 composto da medici e dirigenti dell’hotel Johns Hopkins. I membri rivedranno continuamente le ultime scoperte scientifiche sul virus e implementeranno di conseguenza i protocolli negli hotel Four Seasons; Formeranno anche i dipendenti su questi standard.

La partnership di Accor con AXA offre agli ospiti di una qualsiasi delle sue 5.000 proprietà in tutto il mondo una consulenza virtuale gratuita e su richiesta con un medico che può prescrivere farmaci, se necessario (AXA ha una rete di oltre 85.000 medici). “Disponiamo di marchi come ibis budget in cui le camere costano meno di $ 50 a notte e costano meno della consulenza con un medico AXA”, afferma Amir Nahai, CEO di Food & Drink e lifestyle di Accor.

“Il nostro obiettivo è che i viaggiatori, indipendentemente da cosa stiano spendendo, si sentano a proprio agio a soggiornare in un Accor.”

Baccarat Hotel, una delle proprietà più esclusive di New York, potrebbe non riaprire con una partnership accattivante, ma ha un nuovo direttore della salute e della sicurezza ambientale, Tanja Hernández. Il loro compito è supervisionare tutte le nuove misure di sicurezza di Baccarat per ospiti e dipendenti e garantire che vengano seguite.

Un dipendente dedicato alla sicurezza o un’associazione fantasiosa potrebbero aiutare a prestare credibilità alla proprietà dei clienti, ma attirare ospiti non è un obbligo, afferma Rob Karp, fondatore della società di ospitalità di lusso Miles Ahead, che attualmente ha sede. durante un viaggio negli Stati Uniti e soggiornando in vari hotel lungo la strada.

“Anche come qualcuno che vende viaggi per lavoro, ero ansioso di rimanere di nuovo in un hotel, ma quando mi sono recato in un posto a Charleston la scorsa settimana, mi sentivo totalmente al sicuro”, dice. “Tutti i dipendenti erano mascherati, c’era un limite al numero di persone ammesse nell’ascensore e il disinfettante era ovunque. Non mancava nulla.”

Il nuovo normale?

Ma alcuni esperti, tra cui David Richey, CEO di Metis, una società di ricerca comportamentale che esplora le percezioni dei clienti e dei dipendenti, ritengono che sia un errore concentrare gli hotel sull’igiene.

“Gli hotel, in particolare gli hotel di lusso, sono tra le strutture pubbliche più pulite di tutti. Nei centri commerciali e negli aeroporti, i protocolli di pulizia sono molto inferiori a quelli di un tipico hotel ben gestito”, afferma. “Fare un grande spettacolo di quanto bene stai pulendo le tue stanze ora equivale ad ammettere che hai fatto male in passato. Penso che ciò che i clienti vorranno davvero quando ricominceranno a viaggiare è un senso di normalità.”

Luca Virgilio, direttore generale dell’Hotel Eden di Roma, è d’accordo con la parte normale.

“Certo, stiamo seguendo tutti i protocolli di sicurezza, ma stiamo anche lavorando duramente per assicurarci di non sentirci come un ospedale”, afferma. “Gli ospiti dovrebbero sapere che possono fidarsi di noi, ma sentirsi come se fossero prima in un hotel di lusso. Oggi, la fiducia può essere il nuovo lusso.”

Shivani Vora è una scrittrice con sede a New York City che viaggia il più spesso possibile, sia che questo significhi fare un safari a piedi in Tanzania, un viaggio madre-figlia con sua figlia di 10 anni a Istanbul o fare surf. nel nord del Portogallo.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *