L’America Latina sta perdendo la battaglia contro il coronavirus.

Casi e decessi correlati al coronavirus in tutta la regione stanno crescendo più velocemente che in qualsiasi parte del mondo. E nei paesi più colpiti, non mostrano segni di rallentamento. La regione ha registrato quasi 1,2 milioni di casi e oltre 60.000 morti.

“Siamo particolarmente preoccupati per il Centro e il Sud America, dove molti paesi stanno assistendo ad un’accelerazione delle epidemie”, ha detto mercoledì il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus.

L’OMS non crede che né l’America centrale né quella meridionale abbiano raggiunto il picco di trasmissione, il che significa che il numero di persone che si ammalano e muoiono potrebbe continuare ad aumentare.

I funzionari sanitari avvertono i paesi di non riaprire troppo presto le loro economie, anche se le nazioni si preparano a riaprire o lo hanno già fatto.

Ecco uno sguardo alle epidemie in tre dei paesi più colpiti dell’America Latina, che rappresentano circa il 60% della popolazione della regione. E c’è anche una storia di successo.

Brasile

Brasile è bloccato in modalità crisi.

Il paese ha registrato almeno 645.771 casi di coronavirus e 35.026 morti.

Di recente è passata l’Italia per diventare il paese con il terzo decesso più alto al mondo e probabilmente supererà presto il Regno Unito.

Ciò significa che il Brasile avrà il secondo maggior numero di casi e morti nel mondo, trascinando solo gli Stati Uniti.

Vale la pena notare, tuttavia, che il Brasile sta testando a un ritmo molto più basso rispetto agli Stati Uniti. Ciò significa che molti casi non vengono registrati.

Nello stato più popoloso del paese di San Paolo, il coordinatore del Ministero della Sanità afferma che alcuni casi di coronavirus sono stati probabilmente registrati come sindrome respiratoria acuta grave o SARS, a causa della bassa capacità di test Covid-19 dello stato.

Uno studio pubblicato questa settimana dall’Università Federale del Rio Grande do Sul afferma che il Brasile registrerà 1 milione di casi e 50.000 morti entro il 20 giugno.

Nel frattempo, alcune delle grandi città del Brasile stanno iniziando a riaprire. Rio de Janeiro sta permettendo alle aziende non essenziali come chiese, negozi di auto e negozi di arredamento di accettare nuovamente i clienti.

Messico

Sono successe due cose Messico questa settimana che sembrano in contrasto tra loro.

Innanzitutto, il Messico ha registrato la sua peggior settimana di epidemia, sia in casi confermati che in decessi.

Ha registrato per la prima volta più di 1.000 morti in un solo giorno. E per tre giorni consecutivi, ha registrato i massimi di un giorno in nuovi casi.

Nonostante i numeri desolati e i messaggi contrastanti dei leader del governo, i funzionari hanno portato avanti un piano di riapertura graduale in tutto il paese.

Il vice segretario alla salute Hugo López Gatell, che guida la risposta messicana di Covid-19, ha esortato i messicani a rimanere a casa. Ha sottolineato che il paese non è fuori dal bosco, anche se alcuni settori dell’economia iniziano a riaprire.

Il Messico e alcune parti del Brasile riaprono dopo il blocco, nonostante l'aumento dei casi di coronavirus

Ma il presidente Andrés Manuel López Obrador ha offerto un messaggio diverso.

“Non rubare, non rubare, non tradire, e questo aiuta molto a non ottenere il coronavirus”, ha detto giovedì. Ha anche detto alle persone di allontanarsi socialmente quando potevano e di lavarsi le mani.

AMLO, come è comunemente noto il Presidente, si è avventurato fuori da Città del Messico lunedì per la prima volta dalla fine di marzo.

Ha visitato la penisola dello Yucatán e ha inaugurato la costruzione del cosiddetto Maya Train, un ambizioso progetto infrastrutturale che collegherà le città di cinque stati del sud-est.

Il Messico ha registrato 110.026 casi e 13.170 morti. Ma dati i tassi di test estremamente bassi nel paese, i funzionari sanitari hanno dichiarato che il numero reale di casi è probabilmente ben oltre milioni.

Perù

Persone a Callao, Perù, in fila per ore questa settimana per riempire le bombole di ossigeno. Ma una volta arrivati ​​in prima linea, i parenti dei pazienti con Covid-19 hanno trovato prezzi alle stelle.

Una persona ha dichiarato all’affiliata della CNN TVPerú Noticias che i prezzi dell’ossigeno sono raddoppiati. E il governo ora ammette che c’è un problema.

“La nostra missione è quella di evitare lo sviluppo di un mercato nero che è mercantile e usa una pandemia per abusare delle persone”, ha detto Cesar Chaname, portavoce dell’agenzia per la salute pubblica del Perù.

Il Perù continua a confrontarsi con uno dei peggiori focolai dell’America Latina, con i suoi 187.400 casi il secondo più alto nella regione dietro il Brasile.

Il paese ha tassi di test molto migliori rispetto ad altri paesi della regione, secondo quanto dicono gli esperti aiuta a capire quanto sia grave l’epidemia.

I residenti si mettono in fila in una mensa nella periferia di Lima, in Perù, venerdì 29 maggio.

Ma anche con questa conoscenza, il bilancio economico ha fatto pressioni sulle autorità affinché riaprissero l’economia.

Questa settimana i funzionari hanno annunciato che il Perù entrerà nella Fase 2 del suo piano di riapertura, in cui aziende come negozi di abbigliamento e parrucchieri potranno tornare a operare.

Il presidente peruviano Martin Vizcarra ha affermato che le mosse significano che circa l’80% dell’economia sarà presto aperta.

“Non possiamo sostenere il 100% delle esigenze del Paese con solo il 50% della produzione dell’economia”, ha affermato.

Uruguay

Nonostante le brutali situazioni in cui si trovano molti paesi dell’America Latina, ci sono anche alcune storie di successo. Considera l’Uruguay, finora con una delle risposte Covid-19 di maggior successo al mondo.

Il paese di circa 3,5 milioni di persone confina con il Brasile, dove il peggior scoppio in America Latina ha avuto effetti devastanti.

Ma l’Uruguay ha registrato solo 834 casi. Ha registrato un decesso dal 24 maggio e solo 23 morti in totale.

Gli esperti affermano che le ragioni del successo del Paese sono numerose: una solida risposta iniziale che include misure di quarantena, un sistema ampio ed efficiente per rintracciare e isolare i test infetti e randomizzati e la creazione di un comitato di risposta alle crisi.

Di conseguenza, vi è un rischio minore poiché l’Uruguay inizia a riaprire la sua economia.

Il paese ha iniziato ad allentare le restrizioni all’inizio di maggio. Il 1 ° giugno l’istruzione rurale primaria e secondaria è ricominciata in oltre 400 scuole e anche alle imprese è stato gradualmente permesso di riaprire.

Antonia Angelo

Antonia Angelo

Affascinato e curioso di tecnologia e design, sin da bambino ho sempre studiato e guardato il mondo evolversi intorno a me ponendomi sempre nuove domande a cui rispondere. Grazie all'esperienza professionale acquisita negli anni, comunico in modo chiaro e preciso riuscendo a rispondere a specifiche richieste del cliente e / o dell'utente di riferimento. Per me, l'aspetto grafico rappresenta un modo di comunicazione visiva che mira a emozionare. Viaggio spesso per partecipare a corsi o incontri per aggiornarmi, conoscere e confrontarmi / misurarmi con nuove persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *