L’artista Christo è morto all’età di 84 anni.

Scritto da Jacqui Palumbo, CNN

Christo Vladimirov Javacheff, noto per le sue monumentali opere d’arte ambientale con la sua defunta moglie, Jeanne-Claude Denat de Guillebon, morì. Aveva 84 anni.

Insieme, noti semplicemente come Christo e Jeanne-Claude, hanno avvolto tessuti iconici in stoffa, come il Pont Neuf a Parigi nel 1985 e il Reichstag a Berlino nel 1995; e montato migliaia di cancelli arancioni a Central Park, che ricorda i sacri cancelli a torii del Giappone, nel 2005.

Christo è deceduto domenica 31 maggio nella sua casa di New York, secondo una dichiarazione rilasciata nel account twitter ufficiale dell’artista.

È sopravvissuto da suo figlio, Cyril Christo, fotografo, regista e attivista per i diritti degli animali. Jeanne-Claude è deceduta dopo un aneurisma cerebrale nel 2009.

Christo: “Sono un artista totalmente irrazionale”

Dopo la sua morte, Christo iniziò a completare i suoi concetti. Nel 2016, ha realizzato il suo lavoro “The Floating Docks” sul Lago d’Iseo in Italia, un progetto che avevano immaginato nel 1970. Per 16 giorni, sul lago sono apparsi percorsi dorati, supportati da 220.000 secchi di polietilene. Come molte delle sue opere, è stato un successo popolare. Circa 270.000 persone si sono presentate per camminare sull’acqua durante i primi cinque giorni.

Nel 2018 Christo ha presentato “The London Mastaba”, un’installazione galleggiante sul lago di Serpentine a Londra realizzata con oltre 7.000 barili di petrolio. È stata la prima grande opera pubblica all’aperto dell’artista nel Regno Unito. Il suo prossimo lavoro fu quello di apparire a Parigi nel settembre del 2021: la tanto attesa busta di uno dei monumenti di guerra più famosi al mondo, l’Arco di Trionfo. Nel maggio 2020Christo disse alla CNN che non poteva credere che stesse davvero accadendo. “Non avrei mai pensato che avremmo ottenuto il permesso -” Ero sbalordito “.

La dichiarazione che annunciava la sua morte indicava anche che il progetto di Parigi sarebbe andato avanti: “Christo e Jeanne-Claude hanno sempre chiarito che le loro opere d’arte in corso continueranno dopo la sua morte. L’Arc de Triomphe, Wrapped (Progetto per Parigi) è ancora in corso dal 18 settembre al 3 ottobre 2021. “

Christo e Jeanne-Claude, 1976

Christo e Jeanne-Claude, 1976 Credito: Wolfgang Volz

Christo e Jeanne-Claude sono nati lo stesso giorno il 13 giugno 1935: Christo in Bulgaria e Jeanne-Claude in Marocco. Nel 1957 Christo frequentò l’Accademia di Belle Arti di Vienna per un semestre prima di approdare a Parigi, dove incontrò Jeanne-Claude nel 1958. Aveva già iniziato a avvolgere oggetti, come mobili e tamburi di petrolio, e iniziarono a lavorare insieme 1961. Per decenni, la coppia ha usato solo il nome Christo, fino al 1994, quando Jeanne-Claude è stata aggiunta retroattivamente a molti lavori come loro collaboratore.

Gli artisti hanno insistito sul fatto che i loro ambiziosi progetti riguardavano la “gioia e la bellezza”, come diceva Jeanne-Claude nel 2002. Tuttavia, non hanno creato le loro opere in un vuoto politico, e per una delle loro prime collaborazioni hanno accumulato barili di petrolio per barricate. Una strada a Parigi per protestare contro il muro di Berlino.

Incontrare Christo e Jeanne-Claude che alterano temporaneamente paesaggi e paesaggi urbani potrebbe essere un’esperienza esuberante e che altera la percezione, e ci sono voluti anni, e talvolta decenni, per realizzare. Per equipaggiare il Reichstag ci sono voluti 24 anni dall’ideazione al completamento; gli artisti consideravano anche l’opera preliminare parte della loro arte, nominandola periodo “software”, mentre il periodo “hardware” comprendeva il tempo in cui l’opera fisica si materializzava.

“Surrounded Islands”, Biscayne Bay, Greater Miami, Florida, 1980-83 Credito: Wolfgang Volz / Christo e Jeanne-Claude

Nel 1980, la coppia iniziò a progettare “Isole circondate”, noleggiando 11 isole nella Baia di Biscayne a Miami per circa $ 13.000 per circondare i loro perimetri con un tessuto di polipropilene rosa caldo.

Christo presenta nuovi lavori all’Hyde Park di Londra

Per tre anni, hanno lavorato instancabilmente con il loro personale, che includeva avvocati, ingegneri civili e un ingegnere marittimo, biologo marino e specialista lamantino, per realizzare la loro visione, affrontando una serie di ostacoli per ottenere permessi e autorizzazioni federali. causa avviata da un paramedico della fauna selvatica. “Surrounded Islands” è stato finalmente inaugurato nel 1983 ed è stato considerato cruciale per il ringiovanimento di Miami negli anni ’80 come destinazione culturale. La coppia ha risposto a qualsiasi critica delle preoccupazioni ambientali nei confronti del proprio lavoro, insistendo sul fatto che ogni sito fosse ripristinato al suo stato originale e, nel caso delle “Isole circostanti”, sgombrando la terra da quasi 40 tonnellate di rifiuti.

Christo una volta descritto Se stesso come “educato marxista bulgaro che ha imparato a usare il capitalismo per la sua arte”. Erano fermamente indipendenti, evitando la dipendenza dal mondo dell’arte per sostenere finanziariamente il loro lavoro. Lo finanziarono da soli, vendendo spesso disegni preparatori da realizzare.

“Paghiamo con i nostri soldi! Niente sussidi, niente soldi per l’industria”, ha detto all’apertura di “The London Mastaba” nel 2018. “Tutti questi progetti sono iniziati da noi. Nessuno ci ha chiesto di farlo. Nessuno ci ha chiesto di essere coinvolti. il Reichstag. Nessuno ci ha chiesto di installare pontili galleggianti. Abbiamo deciso di fare esattamente ciò che ci piace fare “.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *